BIMBA SI STROZZA CON IL CAVO DEL BABY MONITOR: NON CE L’HA FATTA

0
104

Una bimba di 18 mesi è morta dopo che il cavo del baby monitor si è avvolta attorno al collo finendo per strozzarla. Il 25 ottobre scorso a Shipdham, nella contea di Norfolk Jessica Lacey era nella sua culla quando è avvenuta la tragedia. La mamma Danielle Duggan ancora non si spiega come la sua bimba sia riuscita a raggiungere il filo e perché la fotocamera non si sia disconnessa quando l’ha tirata. “Non esiste sollievo per chi come me ha perso un figlio” dice. La 31enne, insieme al marito Jason, 30 anni, ha voluto raccontare la sua esperienza per avvertire gli altri genitori sui pericoli analoghi, mentre un’inchiesta inaugurata sulla morte della loro bambina non ha ancora chiarito in pieno le cause del decesso, pur assicurando che si è trattato di “un tragico incidente”.

Secondo le ricostruzioni, Jason aveva sistemato un baby monitor con una telecamera su uno scaffale nella sua camera da letto per informarli dei movimenti della bimba tramite cellulare. Dopo che Jessica è stata messa nel suo lettino per un pisolino pomeridiano, Mr Duggan si è svegliato e ha notato che la telecamera non era più nella sua posizione originaria. Così è andato nella stanza di Jessica verso le 16.30 per scoprire che era riuscita ad afferrare il filo collegato al baby monitor, che correva lungo la parete dietro lo scaffale. Jessica, la loro unica figlia, è stata portata al Norfolk and Norwich University Hospital con l’elisoccorso. Purtroppo non è stato possibile salvarle la vita.

La signora Duggan si dispera dicendo di aver comprato il baby monitor per tenere al sicuro la figlia, convinta del fatto che Jessica non sarebbe mai riuscita a raggiungere i cavi. “Voglio invitare i genitori a prestare molta attenzione quando installano i loro monitor. Stiamo vivendo in questo inferno ma davvero non c’è sollievo e vogliamo veramente sensibilizzare su questo problema”.

__________________________________________________________________________________________________

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.