CORONAVIRUS, SALVINI ATTACCA CONTE” NON SI RENDE CONTO DELL’EMERGENZA SANITARIA”

“Finalmente qualcuno ci ha ascoltato ma esco preoccupato: abbiamo portato la voce di medici, sindaci, imprenditori, lavoratori che chiedono misure forti e drastiche subito, di chiudere tutto adesso per poi ripartire, ma la risposta è stata ancora no, ancora totale incertezza”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, dopo l’incontro dei leader dell’opposizione con il premier Giuseppe Conte. “Non vorrei che qualcuno stesse sottovalutando”, ha detto, commentando il ‘no’ del governo alla richiesta di misure più rigide.

“Ci hanno detto: ‘Vi faremo sapere’… “Non sono contento di quello che ho sentito: non ci sono tempi certi per l’economia …. e non si rendono conto dell’emergenza sanitaria. Se questo virus si propagasse in tutta Italia, ricordo che nel sud non c’è lo stesso sistema sanitario.. Meglio chiudere per venti giorni che non capire cosa fare. Il nostro l’abbiamo fatto. Abbiamo la coscienza a posto”, ha aggiunto Salvini, concludendo “Tutto quello che non è strategico va chiuso, escluso alimentari, farmacie, Sanità, Sicurezza”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.