UCCIDE LA MADRE E I DUE FRATELLINI PER L’EREDITÀ: LA NOTIZIA SHOCK

0
79

Ha organizzato insieme al suo fidanzato l’omicidio della madre e dei suoi due fratelli per mettere le mani su un patrimonio familiare di oltre tre milioni di sterline. Daria Pereverzeva, ricchissima ereditiera russa di 26 anni, è stata per questo condannata a 16 anni di reclusione. Secondo i giudici è colpevole di aver manipolato il suo compagno 27enne Dmitry Kolesnikov, affinché eseguisse materialmente i delitti. Il tribunale di Mosca ha condannato l’uomo all’ergastolo.

La strage familiare è stata commessa il 7 settembre del 2014: quel giorno la villa a due piani in cui abitavano la donna e i suoi figli venne data alle fiamme nella città di Terekhovo. Nell’incendio persero la vita la proprietaria di casa di 43 anni e due dei suoi tre figli, di 12 e 3 anni. Fin da subito la polizia ipotizzò che la matrice dell’incendio fosse dolosa e concentrò le sue indagini su Darya Pereverzeva e Dmitry Kolesnikov. L’uomo dopo aver confessato di aver appiccato le fiamme, disse agli inquirenti che a escogitare il diabolico delitto era stata la sua compagna, nel frattempo fuggita in Thailandia, allo scopo di mettere le mani come unica ereditiera sul patrimonio della sua famiglia

La 26enne è stata arrestata non appena tornata in Russia e durante tutto il processo è apparsa calma e impassibile, apparentemente del tutto priva di sentimenti di pentimento o pietà nei confronti dei suoi fratelli e di sua madre uccisi per sua volontà. Non si è mai dichiarata colpevole e durante il funerale delle vittime non ha versato neppure una lacrima.



Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.