SALVINI HA TRADITO IL POPOLO ITALIANO: POCO FA LE DURISSIME PAROLE

Il segretario della Lega Matteo Salvini? “Un traditore del Nord: lo ha svenduto a Roma in cambio di protezione, potere, visibilità e televisione. Ormai è diventato parte del sistema”. Queste le dure parole Angelo Alessandri, presidente federale del Carroccio dal 2005 al 2012 e tra i fondatori di Grande Nord, il meo movimento nato due anni fa su iniziativa di alcuni ex della Lega, delusi dal partito. “Ormai è diventata un’altra cosa: quelli lì non sono più leghisti.

Io li chiamo legaioli. “Roma è e rimane il nostro nemico –prosegue Alessandri-. Un nemico che ormai si è indebolito: noi siamo per l’autonomia delle regioni del nord, ma se questo tira e molla con lo Stato si dovesse procrastinare ancora a lungo, allora secessione. Non c’è altra soluzione. Si fanno rimpatri un terzo rispetto a Minniti, è una cosa vergognosa. “Non sta né in cielo e né in terra, neanche a Cuba la fanno più. Il decreto dignità? Una cosa sovietica –continua-, mentre il decreto anticorruzione sembra una roba bulgara. Questi sono comunisti al governo mascherati da un Salvini che fa il fascista. La Lega è stato un punto di partenza, ma ormai quella Lega è finita” dice ancora Alessandri, tra le altre cose con due mandati a Montecitorio alle spalle al fianco di Umberto Bossi e compagni.

“Noi siamo più leghisti dei leghisti e il nostro motto è prima il nord, a tutti i costi. Non ce l’abbiamo coi meridionali però vogliamo che la smettano di andare dietro al reddito di cittadinanza, di darci messaggi come quelli che ci stanno dando il sindaco di Napoli o di Palermo, di avere il problema della spazzatura che dobbiamo sobbarcarci o di dover chiudere i buchi all’Ama e all’Atac. Siamo stanchi: sono 70 anni che diamo soldi con la speranza che il sud si aggiusti in qualche modo, ma da 70 anni, invece, questi soldi se li rubano”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.