È MORTO LO CHEF ITALIANO: AVEVA SOLO 35 ANNI

È giallo a Pescasseroli, in provincia dell’Aquila, dove nella mattinata di ieri, lunedì 14 gennaio, il giovane chef 35enne, Antonello Ferreri, è stato trovato morto sulle scale dell’hotel in cui lavorava da qualche mese. Ancora ignote le cause della morte dell’uomo originario di Avezzano: tra le ipotesi avanzate, ci sarebbe quella di un malore che l’ha colto improvvisamente, provocando la caduta dalle scale, ma soltanto i risultati dell’autopsia, che sarà effettuata nelle prossime ore all’ospedale di Sulmona, potranno aiutare a chiarire quanto accaduto.

La procura del Tribunale di Sulmona ha quindi aperto un’inchiesta, non è escluso, infatti, che possa essersi trattato di un incidente. A scoprire il corpo senza vita di Antonello sarebbe stato un collega, che ha subito lanciato l’allarme, ma i sanitari del 118 al loro arrivo non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. È stato il fratello, Angelo, a comunicare la triste notizia. Dolore e incredulità, accompagnano i numerosi messaggi espressi sui social network dagli amici del giovane chef. 

“Tutto ciò mi distrugge la vita ma so che comunque non è un addio, è un arrivederci. Buona vita angelo mio, mi mancherai da morire”, ha scritto Gianluca su Facebook. E ancora: “Non ho parole!! Vorrei che questo fosse solo un brutto sogno”, sono le parole di Simone, mentre Angelo afferma: “Non ho parole e non riesco neanche ad esprimermi. So solo che il dispiacere è logorante”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.