TRAGEDIA IN OSPEDALE: MAMMA E FIGLIA MUOIONO DURANTE IL PARTO IL CHIRURGO ERA UBRIACO

0
185

Una terribile tragedia si è consumata in un ospedale dell’India, dove una giovane 22enne stava per mettere al mondo la sua prima figlia. Ma Kaminiben Chanchiya, questo è il nome della mamma e la sua piccola sono entrambe morte. I familiari erano pronti in sala d’attesa a dare il benvenuto alla piccola, ma quando la porta della sala operatoria dell’ospedale Sonawala, nella città di Botad, si è aperta un medico ha annunciato loro che la bimba era morta e che la madre sanguinava copiosamente. Il medico è poi rientrato in sala e poco dopo la porta si è aperta di nuovo e un altro medico ha annunciato ai familiari che anche la mamma era morta sul tavolo operatorio a causa di complicazioni seguite al parto. A quel punto la disperazione dei familiari si è tramutata in rabbia, tanto che sono dovute intervenire le forze dell’ordine.

Una rabbia dovuta al fatto che, stando a quanto si legge sui media stranieri, a effettuare il cesareo sulla giovane donna è stato il dottor P. J. Lakhanisi, arrivato ubriaco al lavoro. ll medico, in seguito alle accuse dei parenti, è stato interrogato dalla polizia e arrestato: sottoposto a un alcoltest, è infatti stato trovato in stato di ubriachezza. Campioni del suo sangue sono stati consegnati alle autorità sanitarie, nel frattempo si attendono i risultati delle autopsie sul corpo della mamma e della bimba per determinare con esattezza le cause della morte. Ma secondo i parenti delle vittime, a prescindere dalle cause che hanno portato alla morte della giovane donna e della neonata, se il medico non si fosse presentato ubriaco al lavoro sarebbe stato in grado di intervenire prontamente per tentare di salvare le loro vite. sottoposto a un alcoltest, è infatti stato trovato in stato di ubriachezza.

Campioni del suo sangue sono stati consegnati alle autorità sanitarie, nel frattempo si attendono i risultati delle autopsie sul corpo della mamma e della bimba per determinare con esattezza le cause della morte. Ma secondo i parenti delle vittime, a prescindere dalle cause che hanno portato alla morte della giovane donna e della neonata, se il medico non si fosse presentato ubriaco al lavoro sarebbe stato in grado di intervenire prontamente per tentare di salvare le loro vite.

Rispondi