SCANDALO PER DI MAIO: IL PADRE HA ASSUNTO OPERAIO IN NERO

Un uomo di Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli, ha rilasciato un’intervista a Le Iene nella quale denuncia di aver lavorato in nero per l’azienda della famiglia di Luigi Di Maio vicepremier nonché ministro del Lavoro . L’ex operaio ha dichiarato: “Sono finito in ospedale mentre lavoravo in nero nella ditta edile,  il padre del vicepremier, Antonio Di Maio, quando mi feci male consigliò di non dire che era successo mentre lavoravo per lui”.

I fatti, viene precisato nel servizio, risalgono a “un periodo antecedente di due anni a quando Luigi Di Maio è diventato proprietario al 50% dell’azienda di famiglia”. La replica di Di Maio non si è fatta attendere, prima in tv e poi su Facebook attraverso un lungo post. Di Maio, incalzato dall’inviato delle Iene, assicura l’intenzione di fare luce su quanto denunciato. “Io non gestisco direttamente l’azienda. E tra il 2009 e il 2010 non ero socio. A me questa cosa non risulta ma il fatto è grave, verificherò. Io e mio padre per anni non ci siamo neanche parlati, non c’è stato un bel rapporto, adesso è migliorato un po’. Non sapevo di lavoratori in nero. A me non risulta, ma il fatto è grave”. Poi la seconda replica in un lungo post pubblicato su Facebook. “Avrete visto il servizio delle Iene. E avrete visto anche la mia intervista – ha scritto Di Maio -. 

Come sapete, in tutti questi anni, alle Iene abbiamo sempre dato il massimo della disponibilità, non abbiamo chiesto di non mandare in onda servizi, a differenza di altri; non abbiamo mai chiesto alcun trattamento di favore e quando ci hanno rivelato qualcosa di importante li abbiamo ringraziati. Domani, come promesso nell’intervista, consegnerò i documenti sulla vicenda”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.