TENGONO PER 10 GIORNI IL NEONATO MORTO NELLA CULLA: LA COMMOVENTE STORIA

0
121

Una tragedia che nessun genitore accetterebbe, proprio come questa coppia che ha perso il loro bimbo a 10 giorni dalla nascita. Jamie Hayes e India Gibson sconvolti dalla perdita del loro bimbo di appena 6 mesi, hanno deciso di tenerlo 10 giorni dopo la morte. Poi hanno rivelato il motivo del loro folle gesto. Il bambino è morto nella culla, mentre dormiva. I genitori, quando il bimbo è morto erano andati, con il bimbo, in vacanza a Merseyside. “Eravamo felici, Toby era la nostra vita poi, mentre eravamo in vacanza, lo abbiamo trovato privo di sensi nel suo lettino”. È stato uno choc assoluto, uno di quegli choc dai quali non ci si riprende mai. Queste sono state le parole della mamma al Sun.

Quando il bimbo è morto, i genitori stavano giocando a carte: è successo tutto in pochi secondi. La mamma ha chiamato un’ambulanza che ha portato subito Toby in ospedale.

“L’unico fastidio che aveva erano i denti – ha detto India – l’ultima cosa che credevo era dover organizzare il funerale di mio figlio”. I due genitori, che non sono così benestanti, non hanno i soldi per coprire tutte le spese così creano una pagina di raccolta fondi e, nel giro di poco tempo, raccolgono una bella sommetta non solo per coprire tutte le spese per il funerale ma anche le spese per pagare un “cold cot”, letteralmente “lettino freddo”. 

Ai genitori è stata data la possibilità di trascorrere altri dieci giorni con il loro Toby dopo la sua morte. La “cold cot” permette piccolo sia portato nella casa dei suoi genitori che avranno ancora qualche giorno per poterlo coccolare prima di dirgli addio per sempre. “Avere Toby a casa per coccolarlo è bellissimo, ma, allo stesso tempo, è tristissimo: ma dovergli dire addio per sempre da un giorno all’altro sarebbe stato davvero tremendo. Così lo baciamo di continuo e continuiamo a guardarlo con gli stessi occhi dell’amore”.



Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.