È MORTO IL BIMBO CADUTO NEL POZZO: JULEN RECUPERATO DAI SOCCORRITORI

I soccorritori sono finalmente arrivati a Julen ma purtroppo come si temeva è stato trovato morto. Il bambino, 2 anni, era finito in un pozzo mentre stava giocando nel pomeriggio di domenica 13 gennaio. Dopo 13 giorni di lavoro estenuante, il piccolo è morto per il freddo e per gli stenti. Per arrivare a lui le squadre di soccorso composte da minatori esperti hanno scavato tre tunnel. E le loro operazioni sono state spesso interrotte dalla presenza di rocce durissime e da ostacoli di diverso tipo.

 

L’ultimo ostacolo quando per arrivare al bimbo mancavano solo pochi centimetri, un ostacolo che ha reso necessario effettuare una quarta microesplosione per raggiungerlo. Negli ultimi istanti prima del ritrovamento il papà di Julen è stato soccorso dai medici per un attacco di panico e di ansia. Per la famiglia del povero Julen è un altro tremendo lutto da superare. La coppia infatti dovette dire addio anche ad un altro figlioletto di soli 3 anni nel 2017. Il piccolo si era sentito male e morì in spiaggia per colpa di un fulminante attacco di cuore.

La vicenda di Julen, si svolgerà anche in tribunale. Infatti un giudice ha aperto una inchiesta ufficiale per individuare delle responsabilità su chi abbia realizzato il suddetto pozzo, che sembra sia stato scavato nello scorso mese di dicembre. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.