MELEGATTI RIPARTE CON LA PRODUZIONE: LA BELLISSIMA NOTIZIA È DI POCHE ORE FA

Questa mattina alle 8.30 lo stabilimento Melegatti di San Giovanni Lupatoto ha riaperto i cancelli per avviare la produzione in vista del prossimo Natale: il giorno successivo alla definizione di tutte le operazioni di cessione del marchio da parte del Tribunale di Verona, e della nuova gestione in mano all’imprenditore vicentino Roberto Spezzapria, i trentacinque dipendenti a tempo indeterminato sono tornati al lavoro sperando che il nuovo piano industriale si riveli competitivo e garantisca sicurezza e occupazione. Da ieri la Sominor srl si è trasformata in Melegatti 1894 spa e sono stati formalizzati gli incarichi all’interno del consiglio di amministrazione. Giacomo Spezzapria è il nuovo presidente della Melegatti, mentre Denis Moro è l’amministratore delegato. Lo storico marchio dolciario è stato acquisito  a un costo di 13,5 milioni di euro e la nuova Melegatti entrerà a far parte di un gruppo alimentare che include tre importanti società di packaging: la modenese Albertazzi G., la vicentina Eriplast e la trentina Fucine Film.

L’integrazione verticale della filiera alimentare, segnala la stessa azienda, permetterà economie di scala e ampliamento di competenze. I trentacinque lavoratori a tempo indeterminato che questa mattina sono entrati in fabbrica sono soprattutto ex dipendenti dello storico brand assunti in seguito al recente accordo sindacale; nei prossimi mesi seguiranno altre assunzioni. “Saremo ancor più concentrati sul ritorno del tradizionale pandoro e panettone Melegatti sulle tavole degli italiani”, ha dichiarato il presidente Giacomo Spezzapria commentando la conclusione delle procedure d’acquisto. “Abbiamo puntato molto sullo sviluppo del territorio e sulla valorizzazione delle sue competenze”, ha aggiunto l’imprenditore, “ora la nostra presenza a Natale sarà importante perché dimostra la concreta volontà di ripartire con la tradizione, la qualità e il prestigio di un marchio dolciario unico in Italia e nel mondo”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.