LA FAMOSA ATTRICE STUPRATA E RIMASTA INCINTA: LA CONFESSIONE SCHOCK

0
169

Giovedì 11 aprile, l’attrice Ashley Judd ha partecipato alla conferenza ‘Women in the World’ che si è tenuta a New York. La Georgia sostiene la legge anti-aborto secondo la quale è illegale procedere all’interruzione di gravidanza non appena si può rilevare il battito cardiaco del feto. Dunque, il tempo entro il quale una donna può scegliere se tenere o meno il bebè, si riduce da 20 a 6 settimane. Ashley Judd ha manifestato il suo dissenso sottolineando quanto sia importante per una donna poter decidere cosa fare con il suo corpo.

L’attrice non ha mai celato il suo doloroso passato ed è stata tra le prime a far sentire la sua voce nel caso Harvey Weinstein, dichiarando di essere stata vittima di violenza per ben tre volte. Dunque Ashley afferma di conoscere bene, il trauma fisico ed emotivo che un evento del genere può causare in una donna: “Mi piacerebbe parlare della mia esperienza personale con l’aborto perché, come tutti sapete, sono sopravvissuta a tre stupri”. In uno di quei casi, rimase incinta.

Ashley Judd ha spiegato che la possibilità di abortire è stata per lei fondamentale per non vedersi costretta a crescere il bambino insieme all’uomo che l’ha stuprata. Ritiene che ogni donna debba avere il diritto di scegliere cosa fare con il proprio corpo, perché ci sono situazioni troppo dolorose da poter incasellare in una legge:

“Una di quelle volte in cui sono stata stuprata sono rimasta incinta e sono grata di aver potuto avere accesso a un aborto legale e sicuro. Lo stupratore, che è del Kentucky come me e risiede nel Tennessee, avrebbe avuto il diritto di paternità in Kentucky e in Tennessee. Quindi, con le leggi di quegli Stati, avrei dovuto fare da genitore al bambino insieme al mio stupratore. Avere accesso all’aborto è stato importante per me. La democrazia inizia dalla propria pelle. Non si dovrebbero imporre delle leggi su ciò che scegliamo di fare con il nostro corpo”.



Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.