TRAGEDIA A SAN VALENTINO: HA ACCOLTELLATO IL SUO COMPAGNO

0
67

Lite di San Valentino a Cerveteri, in provincia di Roma dove un 34enne ha tentato di uccidere a coltellate il suo compagno, un uomo di 70 anni. Teatro della tragedia una villetta del paese un tempo città etrusca che si trova vicino al parco Paolo Borsellino. L’aggressore un cittadino indiano di 34 anni, arrestato dai carabinieri della compagnia di Civitavecchia con l’accusa di tentato omicidio.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Cerveteri e i militari della Sezione Radiomobile di Civitavecchia. Allarmati per la violenta litigata e le urla, i vicini di casa hanno telefonato al numero unico per le emergenze e i militari dell’Arma sono arrivati giusto in tempo per mettere il salvo la vita del settantenne. L’uomo è stato trovato dai carabinieri agonizzante in un lago di sangue con accanto un coltello da cucina insanguinato. 

I carabinieri hanno allertato i soccorsi che sono arrivati nella villetta di Cerveteri pochi minuti dopo. Gli operatori del 118 hanno prestato i primi soccorsi all’uomo agonizzante e poi lo hanno caricato sull’ambulanza in direzione ospedale di Civitavecchia, dove è stato ricoverato d’urgenza a causa delle profonde ferite causate dall’accoltellamento. I carabinieri hanno trovato il 34enne ancora all’interno della casa che condivideva con il suo compagno. È stato bloccato e arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

I motivi della lite non sono stati chiariti. Ma con tutta probabilità la coppia stava attraversando un momento di crisi. Da qui la violenta discussione che poi è degenerata con l’accoltellamento del 70enne. L’abitazione è stata sequestrata e sul posto è intervenuta la sezione rilievi del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Roma-Ostia, per effettuare il sopralluogo volto a ricostruire la dinamica della vicenda. Sotto sequestro anche il coltello che il 34enne ha utilizzato per ferire il compagno. 

Il settantenne è stato ricoverato presso l’ospedale di Civitavecchia, dove è tuttora ricoverata in prognosi riservata, ma fortunatamente non in pericolo di vita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.