“SALVINI MERITA LA GALERA”: LE DURISSIME PAROLE DI GIULIANO FERRARA

Ecco le durissime parole che Giuliano Ferrara contro Matteo Salvini: “Ci sarà una differenza tra prendere sulle ginocchia le pulzelle a Villa Certosa e prendere in ostaggio ciurma e passeggeri per farsi bello agli occhi dell’Europa, ce lo chiede la gente, che – si sa – è quanto di più ribaldo e infido esista la mondo, peggio ancora del Truce. I o sono per l’articolo 68 della Costituzione, quello che vieta di procedere senza l’autorizzazione delle Camere contro i loro componenti, ma l’hanno abolito, fra le grida e i capestri dei turcibaldi leghisti di allora, Truce puero, e adesso come si fa? Semo ipergarantisti, ma loro no: dunque si proceda, in omaggio anche alla loro cultura, si faccia il famoso dibattimento, e in dibattimento si veda, senza spirito vendicativo, ga-ran-ti-sti-ca-men-te, se il signor ministro abbia o no sequestrato della gente per scopi propagandistici, personali e politici”.

“Alla radice di tutto c’è un guasto di cui non abbiamo voluto renderci conto. Distratti dal farlocchissimo caso Savona, non abbiamo pensato che il doppio incarico di uomo forte di un partito gridanciano e di ministro dell’Interno è una violazione delle più elementari regole di decenza politica e costituzionale”. “In certo senso, il Truce è autorizzato a essere pestifero ed extra legem, perché una volta la dice da papà, una volta da leader degli scappati di casa, come si dice ora, e una volta da titolare del più delicato incarico di governo, naturalmente bipartisan, che si sia mai immaginato, il ministero della forza e dell’ordine”.

“Il comizio e il raid di polizia in una sola persona, roba che nemmeno nel Brasile di Bolsonaro, anzi, lì sì. Ma che volete, a noi piace baloccarci con le false questioni. Se a uno gli dai il sussidio di pigranza, a quell’altro vorrai dargli lo scettro law and order, ecchèsaràmai. Insomma tutto lo sfascio disumano che ci costa il naufragio nazionale nell’indecenza”.

“Ma non avevamo previsto che i porti in realtà non si potevano chiudere senza deciderlo in modo formale, e dunque sono aperti, e se una Sea Watch forzasse la mano e attraccasse nessuno potrebbe impedirle di lanciare le gomene, e lo statuisce il diritto del mare, che gli olandesi ci hanno ricordato in nome della tradizione (Compagnia delle Indie orientali, anche loro)”.

“Ora uno che chiude ciò che non si può chiudere, stermina il diritto nel momento in cui questo è garantista verso la vita umana in pericolo, e maschera tutto questo da guerra ai trafficanti, che infatti continuano a prosperare, è degno di un giudizio politico severo, ma anche di un processo in bella e dovuta forma, ed eventualmente di una bella e sonora condanna. Se poi gli porta voti, pazienza. Fiat iustitia, pereat mundus. Il sequestro di persona non è l’ultimo dei reati, sebbene dissimulato nel fatale e ferale Atto Politico. Semo garantississimi, ma non scemi”. Chapeau.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.