ANZIANO MORTO A MANDURIA, I RAGAZZI DEL BRANCO: “SIAMO DISPIACIUTI E PROVATI”

0
113

Si sono dichiarati e si sono detti “dispiaciuti” per le loro condotte, si sono riconosciuti nei video acquisiti dagli inquirenti e hanno circostanziato il loro ruolo; sono alcuni degli otto giovani sottoposti a fermo dalla Polizia nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Antonio Stano, il 66enne pensionato di Manduria morto il 23 aprile scorso. 

Il più grande del gruppo che ha 22 anni, ha ammesso di aver partecipato a una sola “incursione” nella casa del pensionato. Il giovane è stato rintracciato grazie alla Fiat Punto grigia vista da alcuni vicini di casa dell’uomo ucciso: 

“Sentito a sommarie informazioni, riferiva di frequentare da circa un mese un gruppo di coetanei, tutti di Manduria, conosciuti alcuni mesi prima. Riferiva le urla di paura – scrive il pm- di dolore e di richiesta di aiuto, precisando che le prime due aggressioni erano state filmate con il suo cellulare di un minorenne e trasmesse on line. “Appena ho iniziato a frequentare i summenzionati ragazzi – sono le parole del 19enne – un sabato sera di un mese fa circa, mentre eravamo in macchina, uno di loro mi disse di recarmi nei pressi dell’oratorio San Giovanni Bosco dove nell’abitazione di fronte all’entrata principale abitava una persona da lui conosciuta da diverso tempo e che a suo dire ‘era un pazzo’”.

“Quello aggiunse ‘andiamo a sfotterlo tutti insieme’, sempre a bordo della mia autovettura, giunti presso l’abitazione di questo signore ci siamo fermati con la vettura. Lui è sceso per primo dall’auto e ha iniziato a tirare calci alla porta d’ingresso. Poi anche gli altri tre sono intervenuti in suo aiuto, sferrando a loro volta dei calci contro la porta. Considerata la violenza dei calci sferrati, si udivano delle urla di una persona di sesso maschile provenire dall’interno, che urlava implorando con disperazione ‘state fermi state fermi….’. 


 


Widget not in any sidebars


Widget not in any sidebars


Widget not in any sidebars


Widget not in any sidebars

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.