Monthly Archives: Aprile 2019

TROVATA MORTA LA 29ENNE SCOMPARSA: NON SI AVEVAMO NOTIZIE DA 10 GIORNI

È stata trovata morta Natasha Chokobok, la donna di 29 anni di Porto di Legnago, in provincia di Verona, scomparsa dallo scorso 9 aprile. Era mamma di una bambina di 6 anni. Il suo cadavere è stato trovato oggi, venerdì 19 aprile sulla riva dell’Adige.
La terribile scoperta è stata fatta a mezzogiorno dopo alcuni giorni di ricerche, a cui avevano partecipato i Vigili del fuoco e i Carabinieri, che avevano cercato bene nei fondali il fiume, vicino alla casa a cui non era più tornata. Fin da subito la madre della giovane ha lanciato sospetti e accuse sul compagno della figlia, un romeno di 35 anni, che il giorno dopo la scomparsa ha presentato denuncia alle forze dell’ordine. 

Non era la prima volta che la donna si allontanava da casa dove viveva tutt’ora con il compagno. Proprio su di lui i paranti hanno diversi sospetti. L’uomo, tuttavia, intervistato da La vita in diretta, si è difeso dicendo: “Sono stato tutta la notte sveglio, ho chiamato anche mia sorella in Romania. Verso le 22-23 sono andato a denunciare la sparizione alle forze dell’ordine. Non l’ho picchiata quella sera, non è vero quello che dicono i parenti”.



ESPLOSIONI A ROMA: PAURA PER LA POPOLAZIONE

Terribile incendio in un’autorimessa alla periferia di Roma. Si tratta di un deposito di camper situato in via del Corvio 117, in zona Borgata Finocchio.

Dopo il divamparsi delle fiamme altissime sono intervenute due squadre dei vigili del fuoco del comando di Roma con l’autobotte. Alcuni camper dell’area sono andati a fuoco.

L’alta colonna di fumo si può vedere a chilometri di distanza e ha provocato paura per gli abitanti della zona che sono immediatamente scesi in strada. Si sono poi scatenate anche diverse esplosioni per le bombole di gas presenti nei camper. Sul luogo sono intervenute anche le autoambulanze del 118. Fortunatamente per ora non risultano persone ferite ne intossicate. La polizia municipale ha chiuso al traffico via di Vigna Murata, da via Ardeatina a via di Tor Carbone, fino al termine delle operazioni dei vigili del fuoco.


È CROLLATA UNA CHIESA: CI SONO 13 MORTI E 30 FERITI

Terribile tragedia nelle scorse ore in Sudafrica dove durante le celebrazioni religiose pasquali, una chiesa pentecostale è crollata causando almeno tredici morti oltre a una trentina di feriti.

Il dramma è avvenuto nella serata di giovedì all’interno di un edificio religioso di Dlangubo che era affollato di fedeli impegnati a seguire la messa. Secondo una prima ricostruzione, a causare il crollo sono state le piogge torrenziali che si sono abbattute sulla zona nelle ore precedenti al rito religioso. I fedeli si sono visti il tetto crollare su di loro insieme a una delle facciate della chiesa che è rimasta distrutta. Nel crollo della chiesa altre 30 persone sono rimaste ferite dai detriti, alcuni in maniera grave.


AUMENTO PREZZI BENZINA PASQUA: ECCO QUANTO COSTERÀ IL PIENO

Aumenterà di 1 centesimo al litro il costo della benzina alla vigilia del ponte di Pasqua, 25 aprile e 1 maggio, facendo crescere così la spesa per gli italiani che si metteranno in viaggio, complice anche il bel tempo, e faranno il pieno di circa 390 milioni di euro. 

I dati sono stati resi noti Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, sulla base dell’analisi di Quotidiano Energia, che ha sottolineato come “negli ultimi 20 anni i prezzi della benzina siano cresciuti del 75,9%,  nello specifico il diesel ha registrato un +47,7% e il Gpl +49,9%”. Precisa sempre Uecoop, “un rifornimento self service oggi costa 1,611 euro al litro per la benzina e 1,503 euro al litro per il diesel, ma ovviamente si tratta di valori medi mentre sul territorio nazionale. Ci sono prezzi superiori anche di diversi centesimi al litro a seconda che si vada in una stazione servita oppure che si faccia il pieno in autostrada con picchi di 1,741 euro al litro per la benzina e di 1,636 sul diesel”.


SALVINI DURISSIMO CON LA RAGGI: “SI DEVE DIMETTERE”

Per Matteo Salvini Virginia Raggi, “non è più adeguata a fare il sindaco”. Salvini a riguardo ha  detto: “Ma se un sindaco, in questo caso della città più importante d’Italia, dice ‘i romani vedono la merda’ e ‘ho la città fuori controllo’ è un giudizio politico. Vuol dire che non sei in grado di fare il sindaco, lascia che qualcun altro lo faccia”, le parole del ministro dell’Interno nel corso della registrazione della puntata di Porta a Porta in onda questa sera. 

Negli audio delle conversazioni tra Raggi e Bagnacani pubblicati sull’Espresso si sente la sindaca dire: “Se i romani si affacciano e vedono la Merda in città, in alcune zone purtroppo è così, in altre zone è pulito e tenuto bene, in altre zone non c’è modo, non c’è modo. Allora quando ai romani gli dico, sì la città è sporca però vi aumento la Tari, ma io scateno, cioè metto la città a ferro e fuoco, altro che i gilet gialli”.


OMICIDIO DI GABRIEL FAROLETO: INIZIATO L’INTERROGATORIO DELLA MAMMA

Donatella Di Bona, la mamma di 28 anni che ha ucciso suo figlio strangolandolo a Piedimonte San Germano, nel Frusinate è ora nel carcere di Rebibbia. 

Poche ore fa è iniziato l’interrogatorio di garanzia. La donna, arrestata per omicidio volontario, ha confessato l’omicidio questa notte davanti ai carabinieri e alla presenza del sostituto procuratore Valentina Maisto e del suo legale difensore Chiara Cucchi. 

I militari non avevano creduto alla sua prima versione, ovvero che qualcuno avrebbe investito suo figlio lasciandolo riverso a terra, ma nel suo racconto troppe cose non tornavano. La donna ha dichiarato di essere stata lei a ucciderlo: “Volevo che smettesse di piangere” ha detto. Il bimbo, poco prima di essere ucciso, era in lacrime, colto da una crisi di pianto, perché voleva andare dalla nonna.


ELEONORA MORTA A UN PASSO DALLA LAURE: AVEVA SOLO 24 ANNI

Lutto a Cervia e all’Accademia di Belle Arti. Elisa Perrone una studentessa di 24 anni, è morta durante un intervento chirurgico al cuore. Elisa era di origini pugliesi e aveva conseguito la laurea triennale con ottimi voti.

Elisa stava finendo la laurea magistrale in ‘Decorazione per architettura’, così come spiega il direttore dell’Accademia Enrico Fornaroli al Resto del Carlino: “Ho saputo della scomparsa della nostra studentessa martedì sera e ne sono rimasto sconvolto, come tutti i professori – racconta addolorato –. Il suo impegno l’ha sempre contraddistinta, era appassionata in quello che faceva e riceveva sempre valutazione eccellenti”.

Elisa era una persona creativa e lo dimostrano le sue opere e i suoi progetti. “Per ArteFierarealizzò un’opera che, giocando sui pattern, animò la parete di un’aula dell’Accademia, creando un modo nuovo di vedere lo spazio”. Lo scorso anno aveva vinto il concorso ‘In Factory’: una sua installazione è stata perciò esposta nello stabilimento della Philip Morris. “Era molto curiosa e spingeva gli altri studenti verso stimoli innovativi – prosegue Fornaroli –. Ricordo la sua installazione nel giardino di Zu.Art della Fondazione Zucchelli e la collaborazione alla Notte Bianca dell’Arte e all’Open Tour annuale che organizza l’Accademia”.


NEONATA ABBANDONATA IN OSPEDALE: SCATTA LA GARA PER ADOTTARLA

Tre mesi fa all’ospedale Versilia di Lido di Camaiore, nella provincia di Lucca, è venuta alla luce una bimba che però dopo il parto non è stata riconosciuta dai propri genitori, una coppia della Versilia con alcuni problemi economici. La piccola è stata dunque affidata ai servizi sociali. Come riportato dai quotidiani locali, la bimba dopo le cure ricevute nel reparto di Neonatologia, è stata trasferita dal 9 aprile in una struttura protetta per ordine del giudice del tribunale di Lucca, in attesa che qualcuno possa adottarla.

Un’altra casa famiglia si era subito resa disponibile ad accoglierla, la “Papa Giovanni XXXIII” di Lido di Camaiore gestita da Maria Dina Tomei e Dino Santini. “È intervenuto il decreto del Tribunale – ha spiegato Tomei ai quotidiani – e quindi non abbiano potuto accogliere la piccola. Avevamo già allestito la culla. Siamo sempre in contatto con i sanitari, i servizi sociali e le associazioni di genitori: il gruppo delle ‘Mamme Matte’ è ancora pronta ad occuparsene. Sono un gruppo di persone eccezionali che curano gli affidi in attesa di adozione”.

Ci sarebbero già due famiglie che avrebbero manifestato l’intenzione di portare a casa la bimba e tra quanti hanno espresso il desiderio di adottarla c’è anche il sindaco di Camaiore Alessandro Del Dotto: “Ma in questo paese distratto ai single non è consentito”, ha commentato il primo cittadino aggiungendo che il comune “farà qualsiasi cosa necessaria per poter aiutare questa bimba”. Come ricostruiscono ancora i quotidiani locali, quello della piccola nata tre mesi fa all’ospedale Versilia di Lido di Camaiore non è un episodio isolato: all’ospedale Versilia, infatti, la media dei bambini nati e poi non riconosciuti dai genitori si aggirerebbe intorno ai tre casi all’anno.