WANNA MARCHI E LA FIGLIA VIVONO IN ALBANIA: “IN ITALIA CI SONO SOLO DEFICIENTI”

0
119

Il programma serale Non è la D’Urso’ condotto da Barbara D’Urso ha mandato in onda uno scontro molto forte tra Wanna Marchi, sua figlia Stefania Nobile e gli opinionisti presenti in studio. Le due donne, che hanno scontato nove anni di carcere per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, hanno avuto durante tutto lo spazio a loro dedicato un atteggiamento duro, a volte provocatorio, tanto da provocare reazioni negative anche da parte del pubblico presente in studio.

Le televenditrici hanno deciso di ripercorrere la loro carriera professionale, dal successo in tv fino ai quasi 10 anni trascorsi in carcere. “Noi siamo qua solo per te, – ha detto Stefania Nobile – spero che tu sia come io ti ho conosciuta. Noi siamo andate via dall’Italia, ma qualcuno ci ha invitato. In carcere le persone sperano di avere una seconda vita quando usciranno, purtroppo non sanno che non è così”.
Particolarmente accesi gli scontri con Enrica Bonaccorti e

Alessandro Cecchi Paone che chiedevano alle due donne di scusarsi e di dire a gran voce al pubblico di non credere ai maghi, affinché i loro errori potessero essere da esempio ad altri. “È dal 2001 che abbiamo il mondo contro. Quindi non c’è problema – ribatte la Nobile – Ogni giorno ci sono persone che sfregiano la proprie donne, le bruciano vive e non fanno un giorno di galera. Il figlio di Simona Ventura è stato accoltellato e quello che lo ha accoltellato è uscito. Se per voi il male del mondo sono Wanna Marchi e Stefania Nobile non c’è problema”. La conduttrice è scesa in campo e prendendo la parola soprattutto quando Wanna ha dichiarato “ho venduto sale ai deficienti e per questo siamo state punite” riferendosi alla truffa che hanno perpetrato vendendo sale come rito anti sfortuna, o quando sua figlia Stefania attaccata dal pubblico ha inveito: “Questo è il popolo italiano che vuole gli assassini liberi e Wanna Marchi in galera”.

La platea si è infuriata contro le due ospiti, e la stessa conduttrice è dovuta intervenire per placare la situazione: “Io, fossi stata al tuo posto, seduta lì, avrei detto: “Ho fatto cose gravi, non credete ai maghi, non fate quello che ho fatto io”. A quel punto la Marchi ha colto il consiglio, e, simulando una televendita, avrebbe detto: “Non andate dai maghi”. Il danno però era ormai fatto, e il pubblico ha continuato a rumoreggiare.



Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.