Monthly Archives: Dicembre 2018

MUORE A SOLI 4 ANNI: PER I MEDICI BASTAVA LA TACHIPIRINA

Sheldon Gary, un bambino di soli 4 anni, è morto fra le braccia della mamma poche ore dopo essere stato dimesso dal Royal Hospital di Sunderland, nel nord dell’Inghilterra. E ora Katrina Farnell denuncerà per negligenza l’ospedale i cui medici sono accusati di aver sottovalutato le condizioni del figlio. La donna aveva portato il figlio all’ospedale il 23 novembre per i sintomi di quella che viene diagnosticata dai medici come un’infezione virale.

Sheldon viene ricoverato per due giorni e poi dimesso con la prescrizione di prendere semplice paracetamolo (tachipirina). Invece già domenica, a casa, il piccolo è peggiorato ulteriormente e portato nuovamente al Royal Hospital dove è morto il 26 novembre. “Se non lo avessero dimesso così in fretta ed effettuato le analisi – ha detto la donna – il mio bimbo sarebbe ancora vivo. Aveva le vertigini e dolori in tutto il corpo, in particolare alla schiena, eppure i medici hanno ripetuto che non aveva niente”. E continua poi la mamma del piccolo Sheldon Gary: 

“Tremava e piangeva, povero bambino. E ora invece dei regali di Natale dovrò pensare al suo funerale. Voglio giustizia per lui, non si può morire in questo modo”. La direzione dell’ospedale 

ha detto solo che collaborerà con la giustizia (il giudice ha già disposto l’autopsia sul corpo di Sheldon Gary) ma che non può aggiungere altro per questioni di privacy. L’ipotesi è che il bambino sia morto a causa di una sepsi. La sepsi o setticemia è una sindrome clinica caratterizzata da un’abnorme Risposta Infiammatoria Sistemica (SIRS), messa in atto dall’organismo in seguito al passaggio nel sangue di microrganismi patogeni provenienti da un focolaio sepsigeno.

SI SVEGLIA CON LA TESTA DEFORMATA: ECCO COSA È SUCCESSO

La faccia di Estelle, una studentessa 19enne di Parigi si è gonfiata più del doppio rispetto alla dimensione originale e la ragazza ha pensato al peggio. Tutto è accaduto nel giro di 24 ore e Estelle ha pensato addirittura di morire. Estelle, come molte altre donne, voleva solo cambiare colore di capelli, così è andata al supermercato di Val-de-Marne e ha comprato una tintura per capelli che avrebbe fatto a casa. Non era certo la prima volta che si tingeva i capelli da sola e come sempre ha seguito tutte le istruzioni riportate nel libretto.  Il risultato non è stato però quello immaginato. La ragazza dopo soli 30 minuti di posa, ha risciacquato la tintura e ha iniziato ad avvertire un forte prurito alla cute e ha notato che essa si stava gonfiando. Così ha chiamato il medico che le ha suggerito di prendere un antistaminico.

Cosi ha fatto e poi si è coricata sperando che, dopo aver dormito, il giorno successivo si sarebbe sentita meglio. Ma al risveglio si è resa conto che la situazione era peggiorata in modo drammatico: la sua faccia era diventata enorme. La circonferenza della sua testa – che in condizioni normali misura 56 centimetri – era arrivata a 63 centimetri. Era completamente deformata. “Non riuscivo neanche a respirare” ha raccontato la ragazza a Le Parisien. Oltre alla testa e al volto, anche la sua lingua era diventata enorme e la ragazza è stata portata d’urgenza al pronto soccorso dove i medici le hanno fatto un’iniezione di adrenalina per fermare quella tremenda reazione allergica. Dopo il ricovero in ospedale la ragazza si è sentita meglio ma ha deciso di postare in rete le sue foto per mostrare a tutti cosa può succedere quando ci sono reazioni severe come la sua. A scatenare quella reazione così violenta è stata un’allergia ad una sostanza chimica presente nel 90% delle tinture per capelli, la cosiddetta parafenilendiammina, PPD. La ragazza è rimasta profondamente scioccata dall’accaduto e di sicuro d’ora in avanti non farà più tinture fai da te.

LASCIA A CASA I FIGLI DI 1 E 2 ANNI E VA IN VACANZA CON UN UOMO: LA NOTIZIA CHOC

Da poco aveva conosciuto un uomo con cui si trovava bene, amata e ricambiata. Ma purtroppo i due non riuscivano ad avere tempo per loro a causa dei figli piccoli da accudire. Così decidono di andare in viaggio, di fare una piccola luna di miele di 9 giorni per celebrare il loro amore. La donna Vladislava Podchapko, mamma ucraina di 20 anni, aveva deciso di lasciare i suoi due bambini, Daniel di un anno e la sorellina Anna di due, soli in casa fino al suo ritorno.

Nell’ottica della madre la più grande doveva occuparsi del piccolino, un gesto dettato da una lucida follia che ha scosso tutta la nazione e la rete, che mostra un profondo disgusto verso il gesto di questa ventenne. Secondo il Mirror la donna li ha lasciati soli senza farsi alcuno scrupolo e senza nemmeno preoccuparsi di lasciare loro delle scorte di acqua e cibo.

I bambini avuti da un precedente matrimonio, sono rimasti quindi in casa isolati per giorni. Il piccolo non ce l’ha fatta ed è morto di stenti vegliato dalla sorellina che solo per miracolo non ha fatto la sua stessa fine. La bambina stava per mollare, è stata infatti trovata e soccorsa all’estremo delle sue forze. In ospedale i medici che l’hanno visitata hanno definito un miracolo il fatto che fosse ancora in vita, viste le gravi condizioni di denutrizione in cui è stata trovata.  A lanciare l’allarme è stata la stessa mamma che tornata a casa ha scoperto quanto accaduto e, come riporta il Mirror, è stata arrestata e ora rischia una dura condanna. Un gesto sconsiderato per il quale non esiste alcuna giustificazione. 


GIULIA DE LELLIS E LA CONFESSIONE CHOC CHE SCATENA IL WEB

Un anno fa in questo preciso periodo stava per terminare la sua avventura al Grande Fratello Vip e ora la ritroviamo come ospite fissa a ‘Mai dire talk’, il nuovo programma condotto dal Mago Forrest con protagonista la Gialappa’s band in onda su Italia 1.

Per la prima puntata, la ex fidanzata di Andrea Damante, che nel frattempo ha iniziato una nuova relazione con Irama, era ovviamente super trendy. Giulietta per l’esordio ha scelto un abito monospalla di raso fucsia firmato Sol Wears Women, un marchio creato da lei insieme alla mamma Sandra. Oltre al colore decisamente particolare, l’abito era caratterizzato da una minigonna aderente dal taglio irregolare e da un corpetto da un lato a fascia, dall’altro con la manica lunga e a sbuffo. Ai piedi dei décolleté in tinta con una fibbia di pietre brillanti di Gedebe. Visto che viene considerata un’influencer, l’aspettativa sul look era pari a quella su ciò che avrebbe detto o fatto. A ‘Mai dire talk’ Giulia ha parlato del suo lavoro e risposto con sincerità a domande e sfottò dei ‘Gialappi’. E, come d’abitudine,  ha scatenato il popolo della web. La polemica ancora una volta, riguarda l’argomento cultura. Era già noto che, nonostante la lezione tenuta di recente allo Iulm di Milano, la preparazione della De Lellis sia un po’ lacunosa. Ma è altrettanto vero che non ha problemi ad ammetterlo,

E proprio a ‘Mai dire talk’, quando si è toccato l’argomento libri, ha rivelato con candore e naturalezza di averne letto uno soltanto nella sua vita. Paolo Guzzanti, anche lui in trasmissione, le ha domandato se è vero che non legge libri. “Non mi entusiasma l’idea – ha risposto lei – Io la invidio, vorrei leggere i libri. Li compro, ma non li leggo: ci provo”. E poi: “L’ho letto un libro in quinta elementare, ‘Il piccolo principe’, l’ho fatto grazie alla mia maestra Teresa: è l’unico che sono riuscita a terminare, al punto che mia sorella me lo ha regalato di nuovo”. 

Guzzanti, che nella vita ha letto e scritto tanti libri, dopo aver saputo del fatturato di Giulia le ha detto: “Ma allora non leggi libri, è così? No, perché per decenni ho comprato centinaia di migliaia di libri, che ora sono impolverati, e non so perché diavolo l’ho fatto! No, sei geniale, sei una persona geniale”. “Il bello è che ognuno dei due vorrebbe essere l’altro”, ha fatto notare quindi la Gialappas tra le tante battute sulla De Lellis e l’argomento libri. Sui social, però le risate sono poche e molte invece le critiche. Per molti Giulia è una “promotrice di ignoranza”, dal momento che non nasconde di non aver mai letto un libro. La reazione della De Lellis alle critiche? “Non fate i pesanti, si ride e si scherza”, ha replicato, ringraziando tutti quelli che, al contrario, l’hanno supportata.