Monthly Archives: Novembre 2018

VITTORIO SGARBI INDAGATO PER CONTRAFFAZIONE DI OPERE D’ARTIE

Vittorio Sgarbi nei guai. Un gruppo di persone erano riuscite a vendere, nei canali leciti del mercato dell’arte contemporanea, numerose opere d’arte contraffatte, con false certificazioni di autenticità, ingannando i collezionisti che le acquistavano a caro prezzo. Associazione per delinquere, contraffazione di opere d’arte e ricettazione, i reati contestati, a vario titolo, a 23 persone indagate, tra le quali Vittorio Sgarbi, che sono state fermate dai militari del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.

I provvedimenti arrivato da un’attività d’indagine che ha impegnato i militari – su tutto il territorio nazionale, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma. I militari hanno eseguito 4 provvedimenti di misura cautelare: due arresti e due divieti temporanei di esercizio dall’attività professionale.

DON MATTEO: POCO FA LA BRUTTA NOTIZIA PER TUTTI I FAN

È finita un’epoca, dopo ben 12 stagioni infatti sembra che la popolare fiction Don Matteo, non avrà un seguito.. Ad annunciarlo, in una video intervista concessa a Blogo, è Nathalie Guetta, l’attrice che nella fortunatissima serie tv di Rai1 interpreta Natalina. “La dodicesima sarà l’ultima stagione di Don Matteo. Così interpreterò per l’ultima volta Natalina, che è un personaggio che mi ha dato molto e al quale ho dato molto. Altre proposte dalla Rai?

No, nessuna, ma non fa niente, la vita è imprevedibile Non avrei mai pensato di partecipare a Ballando con le stelle e di conoscere Milly Carlucci, che è meravigliosa. Ho sempre recitato un personaggio, a Ballando, invece, ho dovuto improvvisare; è stato come una psicoterapia”.

MICHEAL SCHUMACHER: “ECCO COM’È IL SUO VISTO DOPO L’INCIDENTE”

L’arcivescovo e prefetto della Casa Pontificia Georg Gänswein ha raccontato alla stampa tedesca l’incontro avvenuto con Schumancher nell’estate 2016: “Ero seduto di fronte a lui, gli tenevo entrambe le mani e lo guardavo. Il suo viso resta quello che tutti noi conosciamo, solo un po’ più pieno. Sente l’amore delle persone intorno, che si prendono cura di lui e grazie a Dio lo tengono lontano dall’eccessiva curiosità della gente”. Il vescovo ha detto queste parole in un’intervista a Bunte, svelando nuovi dettagli sulle condizioni di Michael Schumacher.

ANTONELLA CLERICI CHOC: “SARÒ SEPPELLITA QUÌ”

In un’intervista a Oggi, dove troviamo diverse foto inedite da foto inedite che vedono Antonella in famiglia e piena gioia. La conduttrice confessa:

“Io e Vittorio siamo una cosa sola, siamo l’uno lo specchio dell’altro. È un amore grande, il nostro… La nostra casa è nel bosco, è un posto magico. Ed è finalmente il posto dove vorrei fermarmi. Sono sempre stata molto irrequieta, ho cambiato casa quasi ogni anno, ma ora sento di aver trovato il mio posto del cuore. Io e Vittorio vogliamo invecchiare qui nella nostra follia, con le nostre risate per poi essere sepolti qui sotto lo stesso albero. Insieme per sempre”.

È STATA RITROVATA LAURA COSTE: ERA SCOMPARSA DA 2 ANNI

Ė stata ritrovata Laura Coste, la commessa di Rimini scomparsa da due anni. In seguito all’intervista rilasciata ieri dalla sorella Doris a Fanpage.it, si è diffusa l’indiscrezione secondo cui la 33enne sarebbe stata rintracciata a Londra dall’Interpol, appena due giorni fa. E qui si apre un giallo, infatti in quell’occasione Laura avrebbe detto di non volere aver contatti con la famiglia, a cui non avrebbe ‘nulla da dire’. 

La notizia, pubblicata da Il corriere di Romagna, ha lasciato perplessi i familiari, che dalla Questura – dalla quale sarebbe trapelata l’indiscrezione – non hanno avuto alcuna comunicazione ufficiale. “Sto chiamando i giornalisti per sapere da chi abbiano appreso di questo episodio, mi chiedo come mai la famiglia non sia stata informata – dice Doris – che solo ieri aveva ribadito la convinzione che Laura si troverebbe in una situazione pericolosa dalla quale vorrebbe proteggere i suoi familiari. 

La donna è scomparsa da Rimini nel 2016, dopo la fine di una lunga relazione e la perdita del lavoro presso il negozio Emporio Armani di Rimini. Nel periodo precedente alla scomparsa, Laura sembrava molto preoccupata adottando comportamenti paranoici: camminava con una parrucca, cambiava spesso numero di telefono, si sentiva controllata. 

ORNELLA MUTI IN OSPEDALE: POCO FA LA NOTIZIA

Naike Rivelli con un post pubblicato sui suoi profili social ha annunciato che la madre Ornella Muti si trova in ospedale. La Rivelli ha pubblicato una foto dell’attrice con una flebo attaccata al braccio. La Muti si trova in una camera al pronto soccorso di Ovada, in provincia di Alessandria. Nella didascalia, ringrazia in inglese e in italiano il personale dell’ospedale e, attraverso una serie di hashtag tra cui spicca la parola “#polmonite” fa capire cosa è successo alla madre. Nello scatto, che è stato poi ricondiviso dall’attrice sul suo profilo Instagram, Ornella è seduta sul letto accanto a una dottoressa e sorride, facendo quindi capire che le sue condizioni non sono preoccupanti. Tra i commenti, però, moltissimi fan hanno voluto rivolgere auguri di pronta guarigione all’attrice, considerata un’icona del cinema italiano che all’anagrafe è Francesca Romana Rivelli. “Forza Ornella!”, si legge tra i numerosissimi commenti. E ancora: “Buona guarigione, sei sempre più bella”, “Curati bene, è pesante e bisogna riposare”. 

La Muti, che oltre a Naike ha altri due figli, Carolina e Andrea, nati dal matrimonio con Federico Fachinetti, si è trasferita da circa un anno a Ovada nella casa di campagna che aveva comprato anni fa. Ci vive proprio insieme alla figlia Naike, dopo lo sfratto accelerato dall’appartamento romano per un problema tecnico, ma Ornella trascorre parte dell’anno anche a Mosca e Montecarlo. Non è la prima volta  che Naike condivide coi fan uno scatto dell’attrice in ospedale. Nel marzo 2017, Naike aveva immortalato la madre, che era reduce da un’operazione chirurgica causata da una frattura del braccio, sempre su un letto d’ospedale ma in topless.

“Non potevo non rubare questo scatto.. ma soprattutto non potevo non postarlo.. È tornata Streghe! Più forte e bella di prima!!”, scriveva nella didascalia. Uno scatto che aveva fatto parecchio discutere! Madre e figlia sono state di recente ospiti di Mara Venier nel salotto di Domenica In. Naike, che per l’intervista doppia aveva scelto un look molto sexy, si era raccontata a 360 gradi parlando del suo primo bacio (“L’ho dato al padre di mio figlio, avevamo 12 o 13 anni”) e della fine della sua storia d’amore con Yari Carrisi. Ma aveva anche rivelato di essere di nuovo single e in cerca del grande amore della sua vita. “Gli amori finiscono – aveva poi confermato la Muti – La loro famiglia è molto social. È stato un amore andato male”.

AUMENTI PENSIONI DAL 1° GENNAIO 2019: È UFFICIALE

Aumento pensioni dall’1° Gennaio 2019. L’aumento avverrà a prescindere dalla cittadinanza. Nel Decreto Ministeriale del 16/11/2018 del Ministro dell’economia e delle finanze pubblicato nella Gazzetta Ufficiale è stato indicato il valore percentuale per calcolare di quanto sarà l’aumento delle pensioni rispetto all’anno 2018. Il valore è stato fissato al +1,1. Sempre dal 1° gennaio 2019, le pensioni di invalidità, gli assegni sociali e pensioni minime saranno portate a 780 euro netti al mese, ovviamente solo per i redditi non superiori i 9630 euro annui. 

ORRORE IN SALA PARTO: NEONATO DECAPITATO DALL’OSTETRICA

Una donna scozzese stava per coronare il suo sogno di diventare madre e mettere al mondo il suo bambino. Purtroppo a complicare le cose è la posizione podalica del bambino e la dilatazione di 3 cm della madre rispetto ai 10 necessari. Vaishnavy Laxman, ginecologa 41enne del Ninewells Hospital di Dundee, in Scozia prese la decisione più disastrosa della sua vita facendo partorire in maniera naturale, invece che con un cesareo.

La ginecologa dopo aver optato per un parto naturale, incitò la donna a spingere mentre lei era intenta a tirare il feto verso l’esterno, riuscendo inizialmente a liberare gambe e braccia. La testa però era ancora bloccata e la ginecologa non curante della fragilità della parte del neonato tirò finche non finì per decapitarlo.

«La cervice si era serrata sulla testa del bambino – ha detto l’avvocato del Consiglio medico generale Charles Garside, – La Laxman ha fatto tre tentativi per tagliare la cervice con le forbici». Ma ha fallito e la testa del neonato è stata staccata dal corpo ed è rimasta bloccata nel ventre della madre. Durante l’intervento, in nessun momento alla paziente sono stati dati conforto, spiegazioni, sollievo dal dolore. Laxman non è riuscita a eseguire un cesareo senza anestesia generale in un momento in cui era necessaria la velocità: avrebbe dovuto effettuare un taglio cesareo. La dottoressa ha provato un parto vaginale, e questa è stata una scelta sbagliata: in situazioni simili non si dovrebbe mai provare un parto vaginale. I neonati sono tutti fragili, ma questo lo era ancora di più perché era prematuro, ed era chiaro che la scelta di tirarlo poteva causare molti più danni» «Quando sono stata portata in sala parto – racconta la mamma del bimbo morto – nessuno mi ha detto cosa stava succedendo.

Un sacco di persone continuavano a dire che il bambino doveva uscire, ma nessuno mi guardava negli occhi né mi spiegava nulla, nessuno mi diceva quali piani avessero e quali rischi stavo correndo. Stavano controllando il battito del cuore del bambino, che era precipitato, e allora mi dissero che sarebbe uscito. Ricordo che dicevano che ero dilatata di 2-3 centimetri e mi incitavano a spingere. Nessuno mi ha detto che non avrei avuto un cesareo. Mi sentivo male, e per alleviare il dolore ho ricevuto solo uno spray sulla lingua, non c’era anestetico. Hanno tentato due volte di tagliare la mia cervice senza dirmi cosa stavano facendo. Ho detto loro che mi sentivo male e non volevo partorire così, ma nessuno mi ha risposto, come se non esistessi. Ero alla mia prima gravidanza, non capivo cosa stava succedendo, mi avevano detto che ero nel posto più sicuro possibile, invece era un gran caos disorganizzato e io avevo solo paura. In seguito mi hanno detto che mio figlio era morto. Laxman è venuta a trovarmi per dirmi che era molto dispiaciuta. Io non sapevo ancora i dettagli di quello che era successo e le ho detto “Queste cose accadono, ti perdono”. Quando in seguito ho saputo i dettagli ho cominciato a urlare e a piangere, ero sconvolta, non riuscivo a crederci. Doveva essere il posto più sicuro del mondo. Si è rivelato un incubo».

TERREMOTO IN ITALIA: TORNA LA PAURA

Un nuovo terremoto di magnitudo 2.9 è stato sentito in modo evidente nell’area del cratere sismico dell’Italia centrale. L’INGV ha registrato un sisma alle 20.20 in Umbria, con epicentro a 4 chilometri da Pescia e profondità di dieci chilometri. La scossa è stata avvertita chiaramente dalla popolazione a Norcia. Non si registra alcun danno a cose o persone, anche se le chiamate ai vigili del fuoco sono state molte.

Schermata 2018-11-27 alle 20.54.48.png

 

TASSA SUI RIFIUTI: ARRIVA LA STANGATA PER LE FAMIGLIE ITALIANE

Brutte notizie: è previsto un aumento vertiginoso della tassa sui rifiuti. Le scadenze per pagarla si avvicinano e i dati dicono che si tratta di una vera e propria stangata. Ogni famiglia, in media, paga qualcosa come 302 euro di imposte all’anno per la raccolta dei rifiuti. Anche se risulta evidente che le differenze regione per regione sono molte, in alcuni casi davvero consistenti. Si parla di uno scarto del 120% tra la regione più economica e quella più costosa, dato che sale al 270% tra la provincia dove si paga di meno e quella dove si versa di più.

Secondo quanto analizzato dalla rilevazione annuale dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva sui costi per lo smaltimento dei rifiuti sostenuti dai cittadini in tutti i capoluoghi di provincia (il riferimento è una famiglia di 3 persone con casa da 100mq), il Trentino Alto Adige risulta essere la regione dove il carico fiscale sull’immondizia è il più basso. In media gli abitanti pagano 188 euro, contro i 422 euro della Campania che invece è la regione più costosa.

PAOLA PEREGO È DIVENTATA NONNA: È NATO PIETRO

Paola Perego è diventata nonna. È arrivata la bellissima notizia! La figlia Giulia Carnevale e il compagno Filippo Giovannelli sono diventati genitori di Pietro, il loro primogenito nato il 24 novembre 2018. La conduttrice ha dato la bella notizia condividendo una foto insieme al genero annettendo sotto lo scatto con una famosa  citazione di Gabriel Garcia Marquez: “Ho imparato che quando un neonato stringe per la prima volta il dito del padre nel suo piccolo pugno, l’ha catturato per sempre”.

yuuy

“Il lunedì non è mai stato così bello” scrive Paola Perego oggi 26 novembre condividendo i piedini del nipotino che affettuosamente chiama “Ciccione”. Paola poi su Instagram, ha ringraziato tutte le migliaia di persone che le hanno fatto gli auguri.

 

ADDIO A MILA: SI È SPENTA SOLI 13 ANNI DOPO UNA TERRIBILE MALATTIA

Si è spenta Mila, una ragazzina di 13 anni che lottava contro un tumore. La giovane pallavolista riminese Mila Figueredo Dos Santos è morta nella notte fra domenica e lunedì in ospedale, solo pochi giorni dopo il suo 13esimo compleanno e dopo aver combattuto per oltre un anno contro la malattia. La triste notizia è arrivata dalla sua squadra di Pallavolo, la Viserba dove Mila aveva iniziato a giocare da giovanissima:

“La nostra attenzione  non è rivolta alle partite della settimana, ma a una ragazza speciale, una giovanissima atleta: Mila. Lo scorso anno a fine allenamento, tornando a casa un po’ dolorante, ha scoperto di avere un male incurabile, che oggi l’ha portata tra gli angeli” hanno scritto dalla Pallavolo Viserba sui social, ricordando Mila “una ragazza piena di vita e con una grande passione: la pallavolo”. “La nostra attenzione ora è tutta rivolta ai suoi familiari e al loro immenso dolore a cui ci uniamo con un profondo e sincero abbraccio” “In questa dolorosa circostanza ogni parola suona superflua, nessuna parola può colmare li vuoto della sua assenza. Invitiamo quindi tutti, dirigenti, allenatori, atleti a dedicarle un sorriso, una preghiera o una schiacciata”.

GRAVE LUTTO A LA PROVA DEL CUOCO: È MORTA POCO FA

Lutto per il famoso volto televisivo Anna Moroni, che per tanti anni è stato un vero simbolo dello show culinario “La Prova del Cuoco”. Poco fa si è diffusa la triste notizia che nelle ultime ore è morta la sorella; secondo quanto si è saputo da Fanpage.it che ha contattato l’entourage della Moroni. Al momento non si conoscono altri dettagli sul lutto che ha coinvolto Anna.

È stata Elisa Isoardi a dare la notizia in diretta dicendo: “Anna Moroni è stata per tanti anni a La Prova Del Cuoco e purtroppo ha subito una cosa brutta in famiglia, quindi le mandiamo un abbraccio fortissimo”.

ORRORE IN OSPEDALE: DONNA VIOLENTATA DAI MEDICI

Una donna pakistana di trentacinque denuncia di esser stata “violentata per ore” mentre subiva un intervento chirurgico per le emorroidi. Il fatto si sarebbe compiuto in uno dei principali ospedali del Paese, il Services Hospital di Lahore. Secondo quanto riportato dai media locali la paziente, ha affermato di essere stata ricoverata il 24 novembre in ospedale dove è stata sottoposta a un intervento durato otto ore. Quando si è risvegliata dall’anestesia la paziente ha detto alla polizia di ricordare di aver subito una violenza sessuale proprio durante il lungo intervento. “Quando ho ripreso conoscenza dall’anestesia la notte successiva all’intervento mi sono resa conto di essere stata aggredita durante l’operazione”, è quanto riportato nel rapporto della polizia.

La paziente dopo l’intervento avrebbe avvertito dolori e sanguinamento e per questo è stata accompagnata in ospedale, dalla sorella. In seguito ad una visita – secondo alcune fonti – dei medici avrebbero confermato che aveva subito uno stupro. Il ministro della salute del Punjab ha formato un comitato di inchiesta composta da tre membri per chiarire quanto accaduto. Qualche medico avrebbe già respinto le accuse della donna parlando in un “malinteso”. Intanto sono stati raccolti campioni di DNA sulla donna che potranno essere utili alle indagini.

TRAGEDIA SUL LAVORO: È MORTA INVESTITA DA UN CAMION

Non ce l’ha fatta Gelsomina Lanzilli, la donna di 45 anni, travolta martedì scorso da un camion all’entrata dell’azienda dove lavorava, la Fiocchi Munizioni di Lecco. La donna era madre di due ragazzi di 17 e 15 anni e stava andando a lavoro, per iniziare il suo turno quando un tir in retromarcia nel piazzale esterno della ditta l’ha investita. 

Soccorsa immediatamente dal personale sanitario accorso sul luogo dell’incidente Elsa era stata trasportata all’ospedale Manzoni di Lecco e ricoverata nel reparto di rianimazione. La donna non ha mai ripreso conoscenza e poco fa è stata dichiarata la morte cerebrale. Nonostante sia stata sottoposta a due interventi chirurgici, i danni riportati durante l’incidente erano troppo gravi. 

LUTTO NELLO SPORT ITALIANO: SI È SPENTO A SOLI 29 ANNI

Filippo Giacomazzo era un combattente, come gli avevano insegnato sui campi da rugby fin da ragazzino e da vero guerriero aveva reagito quando i medici gli avevano diagnosticato un melanoma. Si era sottoposto a diversi cicli di radioterapia senza però lasciarsi abbattere, il suo spirito era quello di sempre, tanto che fino a pochi giorni fa ancora scherzava e rideva con gli amici.

Il male che lo aveva colpito però si è accanito contro di lui senza dargli tregua fino ad ucciderlo a soli 29 anni. Filippo che viveva con la compagna Vera a Rio di Ponte S. Nicolò in provincia di Padova, aveva scoperto di essere malato lo scorso maggio e da subito aveva iniziato le terapie. Negli ultimi giorni la situazione è precipitata, portando ad un grave peggiorando fino alla morte di Filippo all’ospedale Borgo Trento di Verona. Filippo, detto “Pippo”,  viene descritto da tutti come un ragazzo tranquillo e generoso, amante del rugby che aveva praticato per anni col ruolo di pilone destro.

Aveva iniziato a giocare da ragazzino al Petrarca vincendo anche i campionati studenteschi. Sport interrotto da una breve pausa ripreso in un momento successivo in cui si era dedicato anche agli studi di giurisprudenza.  Filippo era figlio dell’avvocato Paolo Giacomazzo e lavorava nello studio legale di famiglia, dove, dopo aver superato l’esame di Stato nello scorso settembre aveva assunto mansioni più importanti. Per ricordarlo, a casa sua si sono radunati tutti gli amici.”Eravamo una trentina di amici e abbiamo fatto quasi una festa come avrebbe voluto lui” ha raccontato al Mattino di Padova un amico.

CARTA DI CREDITO CAMBIA TUTTO: ARRIVA LA BELLISSIMA NOTIZIA

Arriva la buona notizia: l’Antitrust ha reso ufficiale il divieto alle attività commerciali di applicare un sovrapprezzo quando i pagamenti avvengono con carta di credito o bancomat. La novità andrà a colpire in primis i piccoli esercizi che solitamente aumentano i prezzi, anche di 1 euro, nel caso in cui il cliente decida di pagare con i mezzi elettronici, ma si applicherà comunque a tutte le attività commerciali. Una decisione presa in seguito alla segnalazione continua del fenomeno, in particolare nei locali di vendita di beni e servizi al dettaglio come alimenti e bevande, marche da bollo, sigarette, biglietti e abbonamenti del trasporto pubblico. L’Autorità quindi ha ribadito che “l’applicazione di supplementi per l’uso di uno specifico strumento di pagamento costituisce una violazione dell’art. 62 del Codice del Consumo, il quale stabilisce che i venditori di beni e servizi ‘non possono imporre ai consumatori, in relazione all’uso di determinati strumenti di pagamento, spese per l’uso di detti strumenti'”. La norma che regola questo tema è la direttiva UE 2015/2366 relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, recepita dal decreto legislativo 15 dicembre 2017, n. 218. La normativa vieta di imporre al cliente spese aggiuntive rispetto al costo del bene o del servizio “in relazione all’utilizzo di strumenti di pagamento”.

Quindi, “i venditori di beni e servizi al dettaglio non possono dunque applicare supplementi sul prezzo dei beni o servizi venduti nei confronti di coloro che utilizzino, per effettuare i propri pagamenti, strumenti quali ad esempio carte di credito o di debito, qualsiasi sia l’emittente della carta”. La sua violazione, infatti, è riconosciuta come inadempienza dei diritti dei consumatori, secondo l’art.62 del Codice del Consumo. “L’Autorità invita pertanto tutti gli esercenti commerciali, ivi inclusi i venditori di piccole dimensioni di beni e servizi, che intendano offrire ai consumatori la possibilità di utilizzare più mezzi di pagamento per l’acquisto dei beni e dei servizi venduti, a conformarsi alle prescrizioni del Codice del Consumo e del D.Lgs. 218/2017, eliminando ogni supplemento di prezzo applicato in relazione all’utilizzo da parte dei consumatori di carte di credito o di debito o di altri mezzi di pagamento. L’Autorità, ove riscontrasse violazioni del predetto divieto, si riserva di attivare i propri poteri sanzionatori, di cui all’art. 27 del Codice del Consumo”, ha dichiarato l’Antitrust.

RAGAZZA INCINTA SI GETTA SOTTO UN TRENO: TRAGEDIA IN ITALIA

Il dramma avvenuto ieri pomeriggio alla stazione del comune toscano di Pontedera ha suscitato profondo dolore e sconforto. Una ragazza straniera di 18 anni, incinta di tre mesi, si è suicidata gettandosi sotto un treno. Un impatto devastante che ha cancellato in un attimo solo due vite la sua e quella del bimbo che portava in grembo. I testimoni raccontato di averla vista, domenica 25 novembre intorno alle ore 17 mentre saliva di corsa le scale del sottopassaggio ferroviario per poi gettarsi senza alcuna esitazione sui binari all’arrivo del convoglio in trasferimento da Pisa a Firenze.

A quanto si apprende la ragazza di origini marocchine, avrebbe vissuto negli ultimi anni fra il Cuoio, la Valdera e Firenze, presso varie casa-famiglia a cui era stata affidata e dalle quali però si sarebbe spesso allontanata. Pare che la 18enne avesse una relazione con un suo connazionale arrestato per problemi di spaccio.

Secondo quanto riportato dal Tirreno i genitori che abitano in un paese nel comune di Montopoli Valdarno l’avevano respinta dopo aver appreso della gravidanza. Una vita tormentata, sovraccaricata da diversi problemi per quella giovane vita e infine una gravidanza, di fronte alla quale nessuno è riuscito ad aiutarla, evitando che accadesse il peggio.

LUTTO NEL CINEMA ITALIANO: È MORTA POCO FA

Lutto nel mondo del cinema italiano: è morta a 82 anni l’attrice Giuliana Calandra. A dare il triste annuncio è il figlio della donna Tomaso Radaelli e i fratelli di Giuliana, Giovanni e Carlo. L’attrice ha lavorato con i grandi registi italiani Dario Argento, Marco Ferreri, Alberto Sordi, Lina Wertmüller, Mario Monicelli, Dino Risi, Sergio Corbucci e Alberto Lattuada è morta domenica 25 novembre ad Aprilia, in provincia di Latina.

I funerali dell’attrice si terranno domani martedì 27 novembre, alle 12 nella Chiesa degli Artisti, in piazza del Popolo a Roma. Giuliana Calandra era stata sposata con l’attore e produttore teatrale Antonio Radaelli che è morì nel 2007. 

Nel corso della sua carriera, ha alternato il cinema e il teatro. Tra i film dove recitò, ricordiamo: “Caro Michele” di Mario Monicelli, “L’ultima donna” di Marco Ferreri, “Il… Belpaese” di Luciano Salce, “Ritratto di borghesia in nero” di Tonino Cervi, “Così come sei” di Alberto Lattuada ma anche “In viaggio con papà” di Alberto Sordi e “Sesso e volentieri” di Dino Risi. Più di recente ha recitato nei film Mari del sud di Marcello Cesena e L’allenatore nel pallone 2 con la regia di Sergio Martino, uscito nel 2008.

GIANLUCA VIALLI HA UN TUMORE: LE TRISTI PAROLE SCONVOLGONO IL MONDO DEL CALCIO

Gianluca Vialli, il famoso ex calciatore degli anni 90 della Juventus, pubblicherà martedì il suo libro intitolato: “Goals: 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili”. E la sfida più difficile della sua vita, è stata senza dubbio quella contro la malattia. Vialli ha raccontato il suo male in una lunga intervista con Aldo Cazzullo, parlando per la prima volta della sua battaglia contro il cancro: “Ne avrei fatto volentieri a meno. Ma non è stato possibile. E allora l’ho considerata semplicemente una fase della mia vita che andava vissuta con coraggio e dalla quale imparare qualcosa”. 

L’opinionista Sky ha deciso di raccontare la sua convivenza con la malattia. Una malattia difficile da accettare: “Sapevo che era duro e difficile doverlo dire agli altri, alla mia famiglia. Non vorresti mai far soffrire le persone che ti vogliono bene: i miei genitori, i miei fratelli e mia sorella, mia moglie Cathryn, le nostre bambine Olivia e Sofia. E ti prende come un senso di vergogna, come se quel che ti è successo fosse colpa tua. Giravo con un maglione sotto la camicia, perché gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano. Poi ho deciso di raccontare la mia storia e metterla nel libro”.

SCANDALO PER DI MAIO: IL PADRE HA ASSUNTO OPERAIO IN NERO

Un uomo di Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli, ha rilasciato un’intervista a Le Iene nella quale denuncia di aver lavorato in nero per l’azienda della famiglia di Luigi Di Maio vicepremier nonché ministro del Lavoro . L’ex operaio ha dichiarato: “Sono finito in ospedale mentre lavoravo in nero nella ditta edile,  il padre del vicepremier, Antonio Di Maio, quando mi feci male consigliò di non dire che era successo mentre lavoravo per lui”.

I fatti, viene precisato nel servizio, risalgono a “un periodo antecedente di due anni a quando Luigi Di Maio è diventato proprietario al 50% dell’azienda di famiglia”. La replica di Di Maio non si è fatta attendere, prima in tv e poi su Facebook attraverso un lungo post. Di Maio, incalzato dall’inviato delle Iene, assicura l’intenzione di fare luce su quanto denunciato. “Io non gestisco direttamente l’azienda. E tra il 2009 e il 2010 non ero socio. A me questa cosa non risulta ma il fatto è grave, verificherò. Io e mio padre per anni non ci siamo neanche parlati, non c’è stato un bel rapporto, adesso è migliorato un po’. Non sapevo di lavoratori in nero. A me non risulta, ma il fatto è grave”. Poi la seconda replica in un lungo post pubblicato su Facebook. “Avrete visto il servizio delle Iene. E avrete visto anche la mia intervista – ha scritto Di Maio -. 

Come sapete, in tutti questi anni, alle Iene abbiamo sempre dato il massimo della disponibilità, non abbiamo chiesto di non mandare in onda servizi, a differenza di altri; non abbiamo mai chiesto alcun trattamento di favore e quando ci hanno rivelato qualcosa di importante li abbiamo ringraziati. Domani, come promesso nell’intervista, consegnerò i documenti sulla vicenda”.

PAOLA BARALE È INCINTA: LA CLAMOROSA NOTIZIA POCO FA

Paola Barale incinta, la notizia choc impazza nelle ultime ore. A riportare il gossip bomba sulla ex di Raz Degan è il sito Isa e Chia. Una lettrice del sito ha visto la showgirl in una circostanza che potrebbe far pensare a una gravidanza:

Ciao IsaeChia – si legge nella lettera scritta dalla lettrice – l’altro giorno ero con una mia amica e abbiamo visto Paola Barale tutta coperta e in compagnia di una ragazza. Dopo essere uscita dall’ospedale Buzzi di Milano sono entrate in un negozio insieme per comprare dei vestitini per bambini. Sono riuscita a scattarle qualche foto”. Poi continua il suo racconto che non fa che – almeno questo è quel che sembra – confermare la sua ipotesi. Lei mi è sembrata infastidita e quando sono uscite sono corse in macchina. Secondo me è incinta. Inoltre, su Instagram, qualche giorno fa ha messo un video di un neonato e qualcuno le ha chiesto se fosse in attesa, ma lei non ha risposto. Un saluto a tutte!”. In pratica, dopo una vista all’ospedale Buzzi – che è specializzato in neonatologia – l’attrice avrebbe acquistato nel negozio per bambini dove è stata pizzicata. Ma quindi è vero?

LUTTO NEL CINEMA ITALIANO: È MORTO BERNARDO BERTOLUCCI

Lutto nel mondo del cinema. È morto a Roma Bernardo Bertolucci, il famoso regista aveva 77 anni ed era da tempo malato. Bertolucci ha diretto capolavori quali Novecento, Ultimo tango a Parigi, Il tè nel deserto, Piccolo Buddha e L’ultimo imperatore, film che si è aggiudicato ben nove Premi Oscar tra cui quello al miglior regista e alla migliore sceneggiatura non originale.

Nel 2014, l’Università degli studi di Parma gli ha conferito la Laurea Magistrale Honoris Causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo con la seguente motivazione:Bernardo Bertolucci è uno dei maggiori e riconosciuti cineasti del mondo. Il suo cinema costituisce un punto di riferimento per intere generazioni di registi, ha emozionato milioni di spettatori, suscitando anche ampi dibattiti culturali che sono andati ben al di là dell’ambito cinematografico, ed è oggetto di rilevanti studi storici e teorici pubblicati in tutte le maggiori lingue del mondo. Negli anni ’60 è stato il principale esponente del nuovo cinema italiano, con la creazione di uno stile originale capace di ispirarsi e al contempo di affrancarsi dai sentimenti poetici e dalle forme di visione del cinema di Pasolini così come dalla modernità e dallo sperimentalismo di Godard. Negli anni ’70 è stato l’unico autore italiano in grado di imporsi a livello mondiale con prestigiose produzioni internazionali, attraverso film come Il conformista, Ultimo tango a Parigi, Novecento, La luna. I nove premi Oscar assegnati a L’ultimo imperatore rappresentano la definitiva consacrazione e hanno sancito

la sua capacità di coniugare il cinema d’autore europeo con la grande produzione americana, capacità confermata anche dai film successivi, come Il tè nel deserto, Piccolo Buddha, Io ballo da sola. Nell’ultimo periodo della sua produzione Bertolucci è tornato poi a concentrarsi con forza su storie di intima profondità come quelle di L’assedio, The Dreamers, Io e te. Parma e le terre della bassa e della collina che la circondano sono entrate in molti suoi film, da Prima della rivoluzione a Strategia del ragno, da Novecento a La luna, fino a La tragedia di un uomo ridicolo, testimoniando il profondo legame che Bernardo Bertolucci ha mantenuto coi suoi luoghi d’origine”.

LUTTO NEL CALCIO ITALIANO: È MORTO A SOLI 17 ANNI

È morto Andrea Gismondi la promessa del calcio di Calvanico rimasto coinvolto in terribile un incidente lo scorso lunedì. Dopo sei giorni di agonia il 17enne su è spento nell’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno, dove era arrivato in condizioni gravi dopo essersi scontrato con il suo motorino contro un’auto, poco prima di arrivare a scuola. Da Salerno a Calvanico tantissimi amici e compagni di scuola per stringersi attorno alla famiglia. 

“Ci stringiamo alla famiglia di Andrea per un dolore così grande. Non ci sono parole per esprimerlo. La nostra piccola comunità è come una famiglia. Perdiamo un ragazzo d’oro, troppo presto. Andrea era buono, intelligente, educato, responsabile e apparteneva a una famiglia onesta e perbene. Purtroppo, la comunità perde un altro giovane nel giro di pochi anni”, così su Facebook il sindaco di Calvanico Francesco Gismondi.

F1 GP ABU DHABI 2018: HAMILTON IN POLE POSITION

Ancora dominio Mercedes anche nell’ultima tappa del mondiale 2018 a Yes Marina. L’inarrestabile Lewis Hamilton ha fatto registrare il tempo record di 1:34.794 conquistando la prima posizione e l’11° pole position stagionale. Al suo fianco partira’ il compagno di squadra Valtteri Bottas. In seconda fila le due Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Poi seguo o le due Red Bull di Daniel Ricciardo e Max Verstappen.

DRAMMA PER MASSIMO GILETTI: LE LACRIME IN DIRETTA POCO FA

Massimo Giletti torna a parlare dei problemi con la Rai durante la conferenza stampa del programma che domenica lancerà su La7. “Dopo le puntate di L’Arena staccavo il telefono perché sapevo che qualcosa sarebbe arrivato. Una volta un dg mi chiamò e mi chiese: ‘Non riesco a capire se lei sia a destra, sinistra o al centro. Fu un grande complimento’”. Il conduttore ricostruisce il suo doloroso addio dalla Rai, quando uscito dall’ufficio del direttore generale della Rai Mario Orfeo, c’era la sua squadra che lo aspettava. “Pensavo soprattutto a loro, che avrebbero perso il lavoro”. La voce si spezza, gli occhi si riempiono di lacrime. “Scusate, è una cosa che mi dà ancora dolore”

“Nasco in Rai sono entrato con un contrattino di un mese. Quando scendevo dal settimo piano dopo l’incontro con il direttore generale sbattendo la porta non era uno sbattere la porta all’azienda ma al singolo. Non ho sbattuto la porta in faccia alla Rai, ma a chi non ha capito che persone come me e Milena Gabanelli hanno una dignità che non si può calpestare. Rispetto la libertà di chi ha deciso di mandarci via ma mi pongo una domanda: i cittadini che pagano il canone non hanno diritto di parola? A loro andrebbe detto perché siamo stati mandati via. Io lo so”.

Qualcuno riporta le voci circolate questa estate, che sarebbe stato Fazio a chiedere la sua testa. “Io via dalla Rai perché lo ha chiesto Fabio? Perché non voleva ‘disturbatori’? Ci siamo parlati, c’è un rispetto reciproco. Non penso che abbia potuto fare una cosa del genere. Sarebbe folle pensare che Fazio abbia chiesto la mia testa”.

Giletti ha deciso di chiamare il suo programma Non è l’Arena: “Secondo me arriverà qualcosa da Viale Mazzini, me lo sento. Andiamo avanti con questo titolo, per il momento. Vediamo che succede. Il titolo è un po’ uno sberleffo, spero che al settimo piano di Viale Mazzini abbiano ironia. Il conduttore si commuove durante la conferenza stampa: “Scusate, evidentemente non è passata ancora”.

SILVIA ROMANO È VIVA: POCO FA LA BELLISSIMA NOTIZIA

“Silvia Romano è viva”. La bellissima notizia è stata data da Noah Mwivanda, capo della polizia kenyana per quanto riguarda i distretti costieri. L’uomo è stato interpellato da Repubblica e ha rassicurato i familiari e gli amici di Silvia. Mwivanda ha spiegato che il sequestro sarebbe stato eseguito da un commando di ben otto uomini che dopo aver sequestrato la ragazza, l’avrebbero poi consegnata ad un altro gruppo di tre persone. Fortunatamente, sembra che le autorità abbiano individuato il luogo dove si trova la volontaria 23enne, grazie a dei visori notturni.

Questi strumenti, spiega Repubblica, avrebbero confermato le indicazioni raccolte dagli inquirenti kenyani con gli interrogatori di alcune persone sospettate di aver aiutato il commando nel rapimento.

GRAVISSIMO LUTTO A LA VITA IN DIRETTA: È MORTO POCO FA

Lutto a La Vita in Diretta: è morto uno storico assistente di studio. Si chiamava Giorgio, un assistente di studio che per tutti era un grande amico. Sui social è arrivato il messaggio commosso di tutta la produzione con un semplice ma toccante “Riposa in pace Giorgio”, scritto accanto ad una foto che ritrae Giorgio al lavoro e sorridente. Anche in trasmissione, nella puntata di venerdì 23 novembre, Tiberio Timperi gli ha dedicato una parentesi speciale:

 “Si chiamava Giorgio. Qualifica? Assistente di studio. In verità, un amico! Sempre pronto a dispensare consigli, a raccogliere sfoghi e a regalare sorrisi. Una roccia d’uomo con un cuore grande, ma fragile, che lo ha abbandonato all’improvviso senza lasciarci neanche il tempo di dirgli arrivederci. Amava il suo lavoro come pochi, ma ancora di più i suoi figli, per i quali stravedeva. A loro va un forte abbraccio”

DRAMMA PER ENZO PAOLO TURCHI: “PRENDO SOLO 740 EURO DI PENSIONE”

È ormai automatico considerare Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo come una cosa sola.  Ballerino e coreografo lui, showgirl, attrice e ballerina lei di 10 anni più giovane, si sono conosciuti nel 1983, dietro le quinte di Drive In e da quel giorno non si sono più lasciati, convolando a nozze nel 1987. Il 14 febbraio del 2013 Carmen ha dato alla luce Maria, la loro prima ed unica figlia avuta grazie alla fecondazione assistita e proprio per un desiderio di Maria, la coppia si è sposata una seconda volta nel novembre 2015, rinnovando le loro promesse di matrimonio in una cerimonia in diretta tv. Enzo prima di conoscere Carmen era già diventato un volto noto.

Nel 1971 è infatti tra i creatori della prima Scuola di danza moderna, anche se il successo vero e proprio arriva con il famoso Tuca Tuca ballato con la mitica Raffaella Carrà. Un’indimenticabile esperienza Enzo l’ha vissuta come naufrago all’Isola dei Famosi nel 2005 che si è conclusa con il suo ritiro dal reality per problemi di salute per cui  ha dovuto affrontare un’operazione. Due anni dopo è uno dei concorrenti di ‘Una canzone per 100.000’, il programma di Pupo su Agon Channel, nel 2015, apre a Palermo la sua seconda scuola di danza dopo quella aperta a Napoli. La sua scuola, offre discipline per una formazione allo spettacolo come Canto, Recitazione, Musical.

Grazie ala Direzione Artistica di Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo, Energy Dance avvia i suoi allievi alla carriera professionistica con studi approfonditi e strutturati in base alla Disciplina e alla Passione, assecondando le predisposizioni e inclinazioni artistiche degli allievi per la formazione globale degli aspiranti ballerini e professionisti dello spettacolo. La scuola ideale per chi vuole avviarsi sulla via del professionismo perché si distingue per l’elevata Professionalità e Competenza della sua Equipe di docenti e collaboratori esperti e altamente qualificati. Enzo Paolo Turchi che è nato nel 1949 e si è diplomato in danza classica alla Scuola di teatro San Carlo, ha alle spalle una lunga carriera.

Carriera lunga, condivisa in larga parte con l’adorata moglie Carmen, ma che a livello pensionistico non gli sta dando alcuna soddisfazione. Anzi, è proprio arrabbiato e deluso per il trattamento che gli viene riservato. Enzo Paolo Turchi e altri vip oggi si lamentano per la pensione troppo bassa. Come riporta il settimanale Spy nel nuovo numero in edicola, Il coreografo, percepisce 740 euro al mese: “Ci sono rimasto molto male: non per una questione di soldi – non sono in miseria – bensì per etica professionale”, ha spiegato al magazine. “Non si può trattare così un artista, famoso o non famoso che sia, dandogli un’elemosina – si lamenta Turchi – tutti i miei contributi sono spariti, la ritengo un’offesa”. Sulla stessa scia del marito di Carmen Russo, anche Giucas Casella. Come racconta sempre Spy, l’illusionista più famoso d’Italia prende 800 euro al mese: “Mi sembra una cifra così ridicola rispetto a tutti i contributi che ho versato, che ora sto pensando di agire con un ricorso. Per fortuna – ha detto – da buon siciliano sono stato meticoloso, perché solo con la pensione ora sarebbe impossibile vivere”.

DRAMMA PER ENZO PAOLO TURCHI: LE PAROLE SULLA PENSIONE

È ormai automatico considerare Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo come una cosa sola.  Ballerino e coreografo lui, showgirl, attrice e ballerina lei di 10 anni più giovane, si sono conosciuti nel 1983, dietro le quinte di Drive In e da quel giorno non si sono più lasciati, convolando a nozze nel 1987. Il 14 febbraio del 2013 Carmen ha dato alla luce Maria, la loro prima ed unica figlia avuta grazie alla fecondazione assistita e proprio per un desiderio di Maria, la coppia si è sposata una seconda volta nel novembre 2015, rinnovando le loro promesse di matrimonio in una cerimonia in diretta tv. Enzo prima di conoscere Carmen era già diventato un volto noto.

Nel 1971 è infatti tra i creatori della prima Scuola di danza moderna, anche se il successo vero e proprio arriva con il famoso Tuca Tuca ballato con la mitica Raffaella Carrà. Un’indimenticabile esperienza Enzo l’ha vissuta come naufrago all’Isola dei Famosi nel 2005 che si è conclusa con il suo ritiro dal reality per problemi di salute per cui  ha dovuto affrontare un’operazione. Due anni dopo è uno dei concorrenti di ‘Una canzone per 100.000’, il programma di Pupo su Agon Channel, nel 2015, apre a Palermo la sua seconda scuola di danza dopo quella aperta a Napoli. La sua scuola, offre discipline per una formazione allo spettacolo come Canto, Recitazione, Musical.

Grazie ala Direzione Artistica di Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo, Energy Dance avvia i suoi allievi alla carriera professionistica con studi approfonditi e strutturati in base alla Disciplina e alla Passione, assecondando le predisposizioni e inclinazioni artistiche degli allievi per la formazione globale degli aspiranti ballerini e professionisti dello spettacolo. La scuola ideale per chi vuole avviarsi sulla via del professionismo perché si distingue per l’elevata Professionalità e Competenza della sua Equipe di docenti e collaboratori esperti e altamente qualificati. Enzo Paolo Turchi che è nato nel 1949 e si è diplomato in danza classica alla Scuola di teatro San Carlo, ha alle spalle una lunga carriera.

Carriera lunga, condivisa in larga parte con l’adorata moglie Carmen, ma che a livello pensionistico non gli sta dando alcuna soddisfazione. Anzi, è proprio arrabbiato e deluso per il trattamento che gli viene riservato. Enzo Paolo Turchi e altri vip oggi si lamentano per la pensione troppo bassa. Come riporta il settimanale Spy nel nuovo numero in edicola, Il coreografo, percepisce 740 euro al mese: “Ci sono rimasto molto male: non per una questione di soldi – non sono in miseria – bensì per etica professionale”, ha spiegato al magazine. “Non si può trattare così un artista, famoso o non famoso che sia, dandogli un’elemosina – si lamenta Turchi – tutti i miei contributi sono spariti, la ritengo un’offesa”. Sulla stessa scia del marito di Carmen Russo, anche Giucas Casella. Come racconta sempre Spy, l’illusionista più famoso d’Italia prende 800 euro al mese: “Mi sembra una cifra così ridicola rispetto a tutti i contributi che ho versato, che ora sto pensando di agire con un ricorso. Per fortuna – ha detto – da buon siciliano sono stato meticoloso, perché solo con la pensione ora sarebbe impossibile vivere”.

DRAMMA PER ENZO PAOLO TURCHI: LE PAROLE SULLA PENSIONE

È ormai automatico considerare Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo come una cosa sola.  Ballerino e coreografo lui, showgirl, attrice e ballerina lei di 10 anni più giovane, si sono conosciuti nel 1983, dietro le quinte di Drive In e da quel giorno non si sono più lasciati, convolando a nozze nel 1987. Il 14 febbraio del 2013 Carmen ha dato alla luce Maria, la loro prima ed unica figlia avuta grazie alla fecondazione assistita e proprio per un desiderio di Maria, la coppia si è sposata una seconda volta nel novembre 2015, rinnovando le loro promesse di matrimonio in una cerimonia in diretta tv. Enzo prima di conoscere Carmen era già diventato un volto noto.

Nel 1971 è infatti tra i creatori della prima Scuola di danza moderna, anche se il successo vero e proprio arriva con il famoso Tuca Tuca ballato con la mitica Raffaella Carrà. Un’indimenticabile esperienza Enzo l’ha vissuta come naufrago all’Isola dei Famosi nel 2005 che si è conclusa con il suo ritiro dal reality per problemi di salute per cui  ha dovuto affrontare un’operazione. Due anni dopo è uno dei concorrenti di ‘Una canzone per 100.000’, il programma di Pupo su Agon Channel, nel 2015, apre a Palermo la sua seconda scuola di danza dopo quella aperta a Napoli. La sua scuola, offre discipline per una formazione allo spettacolo come Canto, Recitazione, Musical.

Grazie ala Direzione Artistica di Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo, Energy Dance avvia i suoi allievi alla carriera professionistica con studi approfonditi e strutturati in base alla Disciplina e alla Passione, assecondando le predisposizioni e inclinazioni artistiche degli allievi per la formazione globale degli aspiranti ballerini e professionisti dello spettacolo. La scuola ideale per chi vuole avviarsi sulla via del professionismo perché si distingue per l’elevata Professionalità e Competenza della sua Equipe di docenti e collaboratori esperti e altamente qualificati. Enzo Paolo Turchi che è nato nel 1949 e si è diplomato in danza classica alla Scuola di teatro San Carlo, ha alle spalle una lunga carriera.

Carriera lunga, condivisa in larga parte con l’adorata moglie Carmen, ma che a livello pensionistico non gli sta dando alcuna soddisfazione. Anzi, è proprio arrabbiato e deluso per il trattamento che gli viene riservato. Enzo Paolo Turchi e altri vip oggi si lamentano per la pensione troppo bassa. Come riporta il settimanale Spy nel nuovo numero in edicola, Il coreografo, percepisce 740 euro al mese: “Ci sono rimasto molto male: non per una questione di soldi – non sono in miseria – bensì per etica professionale”, ha spiegato al magazine. “Non si può trattare così un artista, famoso o non famoso che sia, dandogli un’elemosina – si lamenta Turchi – tutti i miei contributi sono spariti, la ritengo un’offesa”. Sulla stessa scia del marito di Carmen Russo, anche Giucas Casella. Come racconta sempre Spy, l’illusionista più famoso d’Italia prende 800 euro al mese: “Mi sembra una cifra così ridicola rispetto a tutti i contributi che ho versato, che ora sto pensando di agire con un ricorso. Per fortuna – ha detto – da buon siciliano sono stato meticoloso, perché solo con la pensione ora sarebbe impossibile vivere”.

IKEA APRE LE PORTE AI CANI RANDAGI: IN ITALIA LA BELLISSIMA INIZIATIVA

Una bella iniziativa per dare riparo ai randagi mentre fuori piove è quella messa in atto dal gigante dell’arredamento IKEA. Un’iniziativa peraltro molto apprezzata dai clienti, che non hanno perso l’occasione di fotografare gli animali trovati nel negozio per poi condividere gli scatti sui social. “ “Non è la solita foto scattata con la reflex, ma con un semplice smartphone – si legge sotto una foto che ritrae un cane da Ikea e postata il 13 novembre scorso su Instagram -. 

È il significato a fare della foto qualcosa di estremamente emozionante. L’Ikea che offre riparo ai randagi, un gesto importantissimo”. Qualcuno, intenerito dal vedere i cuccioli dormire beati e al caldo sui tappeti, ha anche fatto qualche video poi diventato virale in rete. Tutto questo succede nel centro commerciale Ikea (Catania) tra lo stupore di molti passanti, mia figlia commossa mi ha mandato un video. Vogliamo applaudirla questa civiltà?”, ha scritto una donna su Facebook condividendo il filmato realizzato da sua figlia. In circa due settimane quel video su Facebook ha ottenuto circa 1.2 milioni di visualizzazioni.

GIUSY PEPI: ECCO DOVE HA DORMITO PER UN MESE

Solo due giorni fa Giusy Pepi è stato ritrovata dopo che tutti avevano pensato al peggio. In molti ora si chiedono dove è stata nelle settimane in cui in tv, non solo a ‘Chi l’ha Visto?’, si parlava di lei. “Ci ha riferito di vivere in una situazione di restrizioni da diversi anni – ha detto Antonino Ciavola, capo della Squadra mobile di Ragusa in collegamento con Federica Sciarelli – Giusy in queste settimane ha vissuto in un ambiente rischioso, dormiva all’interno di un vagone di un treno e andava a mangiare ogni giorno alla Caritas, segno che fuggiva da una situazione probabilmente divenuta insostenibile”. 

“Ha commesso un reato ma in questo caso sussistono delle giustificazioni, perché versava in condizione di pericolo. Quindi il suo comportamento antigiuridico può essere giustificato”. Giusy poco fa è stata ascoltata per oltre quattro ore dal sostituto procuratore Giulia Bisello, a cui ha riferito degli stenti del suo periodo di lontananza da casa e del perché si scappata lasciando i suoi cinque bambini.

GRAVE LUTTO PER ELISA ISOARDI: È MORTO POCO FA

Elisa Isoardi ha annunciato sui social il grave lutto che l’ha colpita nelle scorse ore. La conduttrice ha pubblicato uno scatto e una post dove dice addio al suo splendido micione Otello. È di ieri sera la notizia della morte del suo amico e compagno di vita Otello, il fedele gatto a pelo lungo a cui Elisa era molto affezionata.

Nel post con la foto del suo bellissimo gatto appena scomparso, Elisa scrive : “Ciao gatto delle nevi. Lassù salterai sui tetti… #Otello #love”. Nessun commento da parte dell’ex fidanzato Matteo Salvini che ha però pubblicato su Facebook diversi scatti di gatti proprio nelle stesse ore in cui la sua ex ufficializzava la morte di Otello. Forse è stato un modo indiretto per comunicarle la sua vicinanza in questo difficile momento.

EVA HENGER RICOVERATA D’URGENZA: “CI SONO STATE COMPLICAZIONI”

Eva Henger che si è dovuta sottoporre a una delicata operazione al seno. “Ce la siamo vista un po’ brutta – ha detto il marito -. Eva ha sostenuto l’operazione al seno con non poche complicazioni”. L’intervento è comunque riuscito, certo non senza preoccupazioni:

“Voglio ringraziare pubblicamente il prof. Pietro Lorenzetti e tutto il suo staff per aver portato in porto questa operazione molto delicata e avermi restituito la mia orsa più sana di prima. Quattro ore interminabili ma adesso tutte coccole per lei e grazie ancora prof”. La Henger alcuni giorni fa aveva annunciato di doversi operare al seno per alcune complicazioni con una delle protesi al seno che il corpo aveva rigettato.

CHOC IN SALA PARTO: È NATO CON 2 PENI E 4 GAMBE

Lunedì mattina nella città di Gorakhpur, nel nord dell’India è nato un bambino particolare. Una donna, dopo un parto molto doloroso, ha dato alla luce un bimbo nato con quattro gambe e due peni. Tutta la sua famiglia considera la sua nascita «un dono di Dio». Come riporta il Daily Star, molte sono le persone accorse a vedere il bambino, che viene considerato un miracolo divino da alcune comunità.

I medici spiegano che la malformazione del neonato è dovuta ad una rarissima malattia congenita che si verifica quando due gemelli, nel ventre materno, non riescono a separarsi bene, con la morte di uno dei due. Per il bene del bambino, per garantirgli la sopravvivenza e consentirgli di avere una vita normale, servirà sottoporlo a una lunga serie di delicati interventi chirurgici. Non sarà semplice, visto il costo delle operazioni e l’umile tenore di vita della famiglia. 

FORTE SCOSSA DI TERREMOTO: 4.6 DELLA SCALA RICHTER

Ancora un forte terremoto in una zona molto rischiosa del mar Mediterraneo. Proprio lo scorso mese dalla stessa zona, si era generato uno tsunami post-sisma. Il sisma è stato rilevato da Emsc e Usgs, che sono tra le principali agenzie scientifiche di segnalazioni dei terremoti nel mondo insieme ad Ingv. Il terremoto è stato particolarmente forte e ha raggiunto una magnitudo compresa tra il grado 4.5 e 4.6 della scala Richter.

MATTEO RENZI VA ARRESTATO:POCO FA LE PAROLE SHOCK

Matteo Renzi anche da quando non è più premier del nostro paese continua a fare parlare di se. Le critiche verso Renzi sono spesso feroci e spietati e anche ieri l’ex primo ministro è stato oggetto di durissime parole. Mauro Corona il famoso scrittore trentino, ieri durante il suo intervento a “Carta Bianca”, ha attaccato duramente Matteo Renzi chiedendone addirittura l’arresto. Ecco le sue parole shock:

“È un’infamia avere macellato il corpo forestale dello Stato. E chi è stato deve averlo sulla coscienza. Va messo in prigione e so chi è stato. È stato lo scout. Va bene niente. Se mi riferisco a Renzi? Lo ha detto lei”. Lo scrittore ambientalista Mauro Corona, nella puntata di ieri di “Carta Bianca”, non è andato tanto per il sottile e nelle ultime ore le sue parole hanno scatenato un mare di polemiche.

GIUSY PEPI NON VUOLE TORNARE A CASA: POCO FA LA NOTIZIA SHOCK

Giusy Pepi attualmente si trova a Palermo sotto la protezione degli agenti della Squadra Mobile. Non è ancora tornata a casa la madre di cinque figli che era scomparsa da Vittoria (Ragusa) lo scorso 15 ottobre e che è stata ritrovata ieri grazie a una segnalazione di una telespettatrice di Chi l’ha visto? Gli agenti stanno verificando se esistano o meno condizioni di pericolo o disagio per la donna che, secondo svariate testimonianze, sarebbe scappata da casa per sottrarsi a una condizione difficile in famiglia.

Diverse testimonianze raccolte dalla trasmissione di Federica Sciarelli, descrivevano Giusy come una donna psicologicamente subordinata al marito, che le aveva ‘requisito’ addirittura il cellulare. Non nega tale circostanza Davide Avola, che afferma di essersi sempre occupato di sua moglie come di una figlia. ‘Lo sanno tutti quello che facevo per lei, io ne avevo sei di figli no cinque’ dice agli inviati del programma. “’Scegli tra me e il telefono’  le avevo detto”, lasciando intendere che Giusy non era in grado di scegliere le amicizie e le frequentazioni.

RITIRATO DA TUTTI I SUPERMERCATI: SCATTA LA MASSIMA ALLERTA

Nuovo richiamo alimentare poche ore fa: il Ministero della Salute ha richiamato dal mercato di un lotto di vitello tonnato confezionato a causa di un rischio microbiologico per tutti i consumatori. Il prodotto riguarda un lotto di vitello tonnato prodotto a marchio Gastronomia D’Italia in confezione da 230 grammi dalla ditta La Sorgente Srl con sede Rozzano (MI), nello stabilimento industriale di Pessano Con Bornago, sempre nel Milanese.

Nel dettaglio, il lotto richiamato al richiamo è il numero 18048  con date di scadenza o termine minimo di conservazione fissato al 24/11/18 e 26/11/18. ll motivo del richiamo del lotto di vitello tonnato è da ricercare nella possibile presenza di Listeria monocytogenes, un batterio responsabile che porta alla  patologia detta listeriosi, una malattia che può causare disturbi gastrointestinali e in alcune persone come quelle immunodepresse anche disturbi più gravi.

IMG_6151.jpg

 

AUMENTI PENSIONI: È STATA BOCCIATA LA MANOVRA DALL’UE

L’UE ha bocciato la manovra italiana e quindi si andrà verso la procedura d’infrazione. Dalla Commissione UE è arrivato un netto no alla manovra italiana contenente l’avvio delle nuove pensioni anticipate con la quota 100 e il reddito di cittadinanza. L’annuncio, arrivato ieri a metà giornata. Tra i diversi commenti, emerge quello del Commissario UE Valdis Dombrovskis, che parla di “non rispetto particolarmente grave” dei meccanismi di funzionamento delle regole europee. Il collega Pierre Moscovici invita l’Italia ad impegnarsi nel confronto con un atteggiamento costruttivo, spiegando che l’attuale bocciatura risulta una “conseguenza logica e inevitabile” dopo la mancanza di risposte.

FORTE SCOSSA DI TERREMOTO: MAGNITUDO 4.2

Terremoto in Francia. Una forte scossa di magnitudo 4.2 ha colpito la Francia Sud Occidentale. Il sisma si è registrato a una profondità di 12 km e ha colpito il territorio alle 18.09 di oggi pomeriggio. La scossa è stata avvertita nella regione alpina con un epicentro vicino a Lione, ma è stata anche sentita a Ginevra e nelle parti più occidentali della Svizzera. Fortunatamente non si registrano danni a cose o persone.

TRAGEDIA NEL CALCIO ITALIANO: È MORTO A SOLI 24 ANNI

Antonello Giordano un arbitro di calcio professionista di 24 anni e appassionato motociclista, è morto nell’impatto della sua moto che si è scontrata frontalmente con una Ford. Alla guida della vettura una donna 46enne, che è stata arrestata e posta ai domiciliari con l’accusa di omicidio stradale perché è risultata positiva all’alcol testa effettuato dalle forze dell’ordine. Antonello Giordano, era arbitro professionista della sezione di Bari. Il giovane era in sella alla sua moto ieri sera, in viale Ghandi quando è avvenuto il tragico incidente.

Il giovane è stata soccorso dal personale del 118 e portato al Policlinico dove tuttavia è deceduta poco dopo. Sulle cause dell’incidente, ancora da verificare, indaga la Polizia locale e secondo i primi rilievi, sembra che la donna arrestata abbia imboccato il viale contromano.

CATERINA BALIVO COMPLETAMENTE RIFATTA: LE FOTO PROVA DEGLI INTERVENTI

Forse anche Caterina Balivo ex conduttrice di Detto fatto, ora alla conduzione di Vieni da me ha qualche piccolo segreto da nascondere circa la sua bellezza. Caterina Balivo sembrerebbe aver subito diversi ritocchi chirurgici, almeno secondo quanto sostenuto da Striscia la notizia. La conduttrice è stata sottoposta allo scanner test della rubrica Fatti e rifatti di Striscia e quel che è emerso ha lasciato piuttosto sconvolti. Perché nessuno si immaginava che Caterina Balivo fosse rifatta. Nel video di Striscia andato in onda martedì 20 novembre 2018, si vede uno dei primi provini di Caterina Balivo dove è si bella ma decisamente diversa.

Alla domanda “Quanto sei alta?”, Caterina risponde: “1 e 75”. Ma la persona che le fa la domanda non è convinta e le dice che a loro risulta essere alta 1.73. Va bene, per Caterina non ci sono problemi: vuole superare quel provino e non saranno certo due centimetri a fermarla. Poi Caterina inizia a ballare mostrando anche una certa bravura. Il servizio propone poi la Balivo ai giorni nostri mentre fa delle flessioni e poi Striscia la notizia mostra altri momenti – più o meno imbarazzanti – relativi alla carriera televisiva di Caterina Balivo. Successivamente si arriva al nocciolo della questione:  la conduttrice viene passata sotto “lo scanner” e quel che emerge è scioccante. Ma del resto quasi tutte si rifanno. Vero, ma forse da Caterina Balivo non ce lo si aspettava. Cosa si sarebbe rifatta la nota conduttrice? Secondo i cattivoni di Striscia, la Balivo avrebbe sicuramente modificato la forma del suo naso e anche il seno sembrerebbe decisamente diverso rispetto al passato: più florido e grande. Ma ciò non è tutto, secondo qualche maligno Caterina Balivo si sarebbe anche sottoposta alla blefaroplastica” dice Ezio Greggio nel servizio. In pratica si sarebbe rifatta gli occhi. Ma sarà vero? Quel che è sicuro è che le immagini di Striscia- che seguiranno tra poco- parlano chiaro e Caterina sembra molto diversa dagli esordi

SI È SUICIDATA LA FAMOSA CANTANTE: NON HA RETTO ALLA DRAMMATICA SITUAZIONE

Non è più riuscita a tollerare i continui e feroci attacchi che le arrivavano soprattutto via social e così Beatrix “Trixie” Hard, una adolescente inglese lo scorso 20 settembre ha atteso che i genitori uscissero di casa per poi togliersi la vita. La giovane viveva a Gunnislake, in Cornovaglia. I familiari non hanno alcun dubbio: la ragazza si sarebbe suicidata proprio perché continuamente sottoposta ad atti di cyberbullismo. La famiglia di Beatrix ha fatto aprire un’inchiesta. Trixie viene descritta come una ragazza dotata di una voce straordinaria ed è la nonna a parlare del talento della nipote scomparsa e della sua tragica fine. Grazie al suo talento aveva partecipato anche al Britain’s Got Talent e spesso si esibiva come cantante. Ma era anche una ragazza insicura e fragile, che nella sua breve vita aveva avuto diversi problemi e a cui dà bambina 

avevano diagnosticato dei disturbi della personalità. E purtroppo i bulli che l’avevano presa di mira ne hanno approfittato facendole ancor più male. La nonna: “Vittima di ragazzi bulli e dei loro genitori” – Secondo la nonna subiva atti di bullismo da parte di ragazzi della sua età – forse anche perché gelosi del suo talento – ma anche da parte di adulti, ad esempio i genitori di alcuni cyberbulli. In tanti la insultavano anche per via del suo aspetto e le dicevano che era brutta. Qualche tempo fa ferita dagli insulti ricevuti su Facebook, la sedicenne aveva deciso di cancellare il suo account. Ma neppure questo l’aveva aiutata a soffrire di meno. “Mia nipote aveva problemi radicati e molto difficili da gestire. Questi problemi, però, non sono stati causati dai social media, anche se sicuramente hanno contribuito a peggiore la sua depressione e la sua instabilità mentale”, ha detto la nonna secondo cui la nipotina era stata fraintesa “in maniera orribile”.

È STATA TROVATA GIUSEPPINA PEPI: POCO FA IL RITROVAMENTO

Giuseppina Pepi, la giovane mamma di cinque figli scomparsa lo scorso 15 ottobre da Vittoria, Ragusa è stata ritrovata dalla polizia. Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Ragusa a Palermo sono risaliti a lei grazie alla segnalazione di un telespettatore di Chi l’ha visto?. “L’ho vista seduta su una panchina insieme a due uomini, era tranquilla. 

Era pulita e ordinata, aveva anche i capelli in ordine non ho pensato che fosse in disagio, ma ho subito chiamato per segnalare” ha detto chi ha allertato le forze dell’ordine.Sollievo in famiglia, dove era stato proprio il marito Davide a denunciarne la scomparsa.

L’uomo aveva anche contattato la trasmissione Chi l’ha visto? lanciando numerosi appelli in cui invitava la moglie a dare sue notizie, sebbene, dopo quello, che per lui era un allontanamento volontario dichiarasse di non volerla più riaccogliere.

Proprio il rapporto tra coniugi era stato al centro di diversi servizi, alcune persone intervistate dagli inviati di Federica Sciarelli, avevano parlato dei problemi della coppia, della gelosia dell’uomo che, secondo gli intervistati, avrebbe tenuto  Giusy chiusa in casa. “L’importante è che stia bene, è la madre dei miei figli e voglio che per prima cosa li riveda” ha commentato il marito Davide in collegamento con Chi l’ha visto?.

“Sua moglie, però, è fuggita da lei” ha commentato in diretta Veronica Briganti, dopo il ritrovamento. “Sì”, ha ammesso tuttavia Davide, che con i giornalisti ha sempre respinto ogni voce riguardante presunti maltrattamenti. La donna è attualmente sotto la protezione degli agenti e sarà lei ora a spiegare perché si è allontanata e se temeva per la propria sicurezza o incolumità.

RAPITA LA GIOVANE ITALIANA: GRANDE APPRENSIONE PER SILVIA ROMANO

È la 23enne Silvia Romano, la giovane italiana che martedì sera è stata rapita in Kenya da un gruppo armato. Silvia è milanese e fa la volontaria per l’organizzazione non governativa “Africa Miele”, di Fano, nelle Marche. La giovane si è laureata a Milano in una scuola per mediatori linguistici per la sicurezza e la difesa sociale con una tesi sulla tratta di esseri umani e lavora in una palestra milanese, la Zero gravity. Secondo quanto si apprende la ragazza sarebbe stata rapita nella contea di Kilifi, dove si trovava per una missione organizzata dalla Ong che prevedeva la realizzazione di diversi progetti di cooperazione internazionale.  

Secondo quanto riportato dalla polizia locale, un commando di uomini armati con mitragliatori Ak47 avrebbe assalito intorno alle ore 20 un centro commerciale a Chakama, città a circa 80 km a ovest di Malindi. Cinque le persone ferite nell’attacco tra cui due bambini, e una ragazza in modo grave al collo, ricoverata in condizioni disperate in ospedale. Dopo la sparatoria Silvia sarebbe stata portata via dal gruppo armato, di cui non si conosce ancora l’identità, né se sia legato allo Stato Islamico.

TERREMOTO IN ITALIA: LA SCOSSA POCO FA

Una scossa di terremoto è stata registrata poco fa in Campania. La scossa, di magnitudo 3.0, è avvenuta alle ore 17:50. L’epicentro è stato localizzato a 2 Km da Albanella, in provincia di Salerno, e l‘ipocentro secondo i dati dell’INGV è stato localizzato a 8.7 Km di profondità. Fortunatamente, non si registrano danni a cose o persone. La Campania ieri è inoltre stata colpita è stata colpita da fortissimo maltempo con trombe d’aria e violenti acquazzoni. 

 

È MORTA SUL COLPO: POCO FA IL GRAVISSIMO INCIDENTE

Una donna è morta in un incidente stradale avvenuto a Mezzano, sulla Statale 16. L’incidente è avvenuto, all’incrocio tra la strada statale e via Piangipane dove si sono scontrate tre auto e un tir. La vittima è una 47enne di Camerlona, frazione a pochi chilometri da Mezzano. La 47enne stava viaggiando da sola a bordo di una Cinquecento seconda serie quando, all’altezza di una semicurva a Mezzano, si è scontrata con un camion con targa slovena.

 

L’impatto è stato violentissimo sopratutto per il fatto che dietro al camion, viaggiavano una Polo e una Renault Megane che hanno colpito la macchina della della 47enne. La donna è morta sul colpo e il 118 non ha potuto fare nulla per salvarla. La statale è rimasta chiusa al traffico fino alle 17. Mezzano ultimamente, è spesso teatro di incidenti mortali.

LUTTO NEL CINAMA: È MORTO D’INFARTO A SOLI 37 ANNI

Il corpo senza vita di Rob Stewart il 37enne, noto fotografo, subacqueo e regista canadese è stato trovato poche ore fa in mare. Stewart era molto famoso nel mondo per i suoi documentari d’inchiesta sul mare. Il cadavere è stato trovato ieri sera da una squadra di sommozzatori che lo stava cercando dopo essere scomparso nei giorni scorsi.

La notizia è stata comunicata dal capitano Jeffrey Janszen, comandante della Guardia Costiera statunitense che ha spiegato che il corpo di Stewart è stato ritrovato a circa circa 100 metri dal luogo della sua ultima posizione in cui era stato avvistato. Secondo le primissime informazioni, l’uomo avrebbe avuto un infarto in mare e sarebbe morto nel giro di pochi minuti. La notizia della morte di Rob Stweart ha scioccato molte persone del jet set da cui era ben voluto. 

TERREMOTO IN TOSCANA: POCO FA LA SCOSSA

Trema ancora la terra in Toscana. Poche ore fa, la scossa di terremoto è stata registrata dall’Ingv alle 5.28 di oggi, martedì 20 novembre, nel senese. La scossa seppur lieve, di magnitudo 2.2, è stata avvertita da un parte della popolazione che è scesa in strada spaventata. Il sisma è stato registrato a 5 chilometri da Colle Val d’Elsa (Siena).

La scossa si è verificata a 8 chilometri di profondità. Oltre a Colle, i comuni più vicini all’epicentro sono Poggibonsi e Monteriggioni. Secondo le prime informazioni fortunatamente non si registrano danni a cose o persone.

TROVATA MORTA NADIA FERRI: ERA SCOMPARSA DA 11 GIORNI

Il corpo di Nadia Ferri è stato trovato all’interno dell’auto ripescata poche ore fa nel porto di Rimini. Della 69enne si erano perse le traccia 11 giorni fa proprio mentre era alla guida della sua Fiat Punto.  Il rinvenimento è avvenuto poco dopo le 12 di fronte al Bar Iole, quando i carabinieri impegnati nelle operazioni di ricerca della donna hanno notato la sagoma dell’auto. Sul posto sono intervenuti i sommozzatori dei Vigili del Fuoco e la Capitaneria di Porto. 

Lo scorso 9 novembre Nadia Ferri, ex segretaria amministrativa nella federazione provinciale del PCI, ormai in pensione, si era allontanata alla guida della sua auto. Nella notte di venerdì 9 novembre, è uscita di casa lasciando il cellulare e portando con sé solo la patente di guida. Da allora di lei si è persa ogni traccia, facendo scattare l’allarme. Nell’abitazione è stato ritrovato un biglietto rivolto ai familiari in cui Nadia chiedeva scusa per un gesto non specificato. L’autorità giudiziaria sta ora indagando per stabilire la causa della morte.

SI È IMPICCATA ACCANTO AL FIGLIO: L’AGGHIACCIANTE NOTIZIA

Agnieszka Giza, una giovane mamma di soli 23 anni si è impiccata accanto al figlio. La donna è stata trovata morta dopo aver litigato al suo compagno dopo una “notte brava” che i due avevano passato insieme. Il macabro ritrovamento del corpo della donna è stato fatto dagli operai che la mattina successiva sono andati nella sua abitazione, dove erano stati chiamati per la riparazione di una porta rotta. Una volta arrivati, si sono trovati di fronte una scena terribile facendo immediatamente partire subito i soccorsi, ma purtroppo tutto è stato inutile. La donna era già morta.

Un’inchiesta ha rivelato che la donna poco prima di impicciarsi era completamente ubriaca poichè lei e il suo compagno erano appena rientrati da un concerto rap dove avevano fatto baldoria facendo anche  le ore piccole e bevuto molto. Dopo il concerto è scoppiata una lite e i due sono andati ognuno a casa proprio. L’uomo, interrogato in evidente stato di choc, ha spiegato che poche ore prima aveva avuto una discussione animata con la compagna, ma non avrebbe mai pensato a una sua reazione di questo tipo.

MAMMA PICCHIATA E SEPOLTA VIVA: L’AGGHIACCIANTE NOTIZIA

Un’assistente sociale era scomparsa in Brasile e di lei per più di un mese non si è saputo nulla. La 41 enne Marcia Martins Miranda, mamma di due bambini, era scomparsa da una località nei pressi di San Paolo il 2 ottobre scorso. All’incirca un mese dopo, il 5 novembre scorso, è emersa  una terribile verità. La donna è stata seppellita nel cemento dopo esser stata rapita, torturata e uccisa e il suo corpo è stato trovato in una casa di un sobborgo della capitale, Barrio Rio Pequeno. Secondo quanto riportato dai media locali, sarebbero stati i suoi suoceri, Fernando de Oliveira e Maria Izilda a compiere il terribile omicidio con l’intento di far ottenere al figlio la custodia legale dei nipotini.

A quanto emerso, la donna sarebbe stata portata con l’inganno dai suoceri laddove è stata poi uccisa. Forse con la scusa di farle vedere una nuova casa. Gli inquirenti sospettano che la donna sia stata sepolta mentre era ancora in vita. I suoceri della vittima sono stati arrestati con l’accusa di omicidio premeditato. con l’intento di far ottenere al figlio la custodia legale dei nipotini. A quanto emerso, la donna sarebbe stata portata con l’inganno dai suoceri laddove è stata poi uccisa. Forse con la scusa di farle vedere una nuova casa. Gli inquirenti sospettano che la donna sia stata sepolta mentre era ancora in vita. I suoceri della vittima sono stati arrestati con l’accusa di omicidio premeditato.

MELEGATTI RIPARTE CON LA PRODUZIONE: LA BELLISSIMA NOTIZIA È DI POCHE ORE FA

Questa mattina alle 8.30 lo stabilimento Melegatti di San Giovanni Lupatoto ha riaperto i cancelli per avviare la produzione in vista del prossimo Natale: il giorno successivo alla definizione di tutte le operazioni di cessione del marchio da parte del Tribunale di Verona, e della nuova gestione in mano all’imprenditore vicentino Roberto Spezzapria, i trentacinque dipendenti a tempo indeterminato sono tornati al lavoro sperando che il nuovo piano industriale si riveli competitivo e garantisca sicurezza e occupazione. Da ieri la Sominor srl si è trasformata in Melegatti 1894 spa e sono stati formalizzati gli incarichi all’interno del consiglio di amministrazione. Giacomo Spezzapria è il nuovo presidente della Melegatti, mentre Denis Moro è l’amministratore delegato. Lo storico marchio dolciario è stato acquisito  a un costo di 13,5 milioni di euro e la nuova Melegatti entrerà a far parte di un gruppo alimentare che include tre importanti società di packaging: la modenese Albertazzi G., la vicentina Eriplast e la trentina Fucine Film.

L’integrazione verticale della filiera alimentare, segnala la stessa azienda, permetterà economie di scala e ampliamento di competenze. I trentacinque lavoratori a tempo indeterminato che questa mattina sono entrati in fabbrica sono soprattutto ex dipendenti dello storico brand assunti in seguito al recente accordo sindacale; nei prossimi mesi seguiranno altre assunzioni. “Saremo ancor più concentrati sul ritorno del tradizionale pandoro e panettone Melegatti sulle tavole degli italiani”, ha dichiarato il presidente Giacomo Spezzapria commentando la conclusione delle procedure d’acquisto. “Abbiamo puntato molto sullo sviluppo del territorio e sulla valorizzazione delle sue competenze”, ha aggiunto l’imprenditore, “ora la nostra presenza a Natale sarà importante perché dimostra la concreta volontà di ripartire con la tradizione, la qualità e il prestigio di un marchio dolciario unico in Italia e nel mondo”.

TROMBA D’ARIA COLPISCE TRENO IN ITALIA: CI SONO DEI FERITI

Terribile tromba d’aria in Italia. Ci sarebbero alcuni feriti nell’incidente ferroviario avvenuto stamattina nei pressi della stazione di Roccabernarda. Una tromba d’aria ha travolto un treno diretto a Crotone. Il treno fortunatamente è rimasto sui binari, evitando il deragliamento e conseguenze gravissime. Diversi i vetri del treno andati in frantumi. I viaggiatori all’interno del convoglio sarebbero stati sbattuti violentemente dalla furia del vento. Due persone sono state trasportate in ospedale.

Sul posto sono arrivati i soccorsi: i vigili del fuoco del comando provinciale di Crotone e la squadra del distaccamento di Sellia Marina, i carabinieri, le ambulanze e anche i tecnici di Trenitalia per effettuare tutte le verifiche necessarie. Il treno è stato spostato alla Stazione di Botricello per liberare la linea ferroviaria. Da Catanzaro Lido è partito un altro treno che ha trasportato a destinazione i passeggeri presenti sul treno colpito dalla tromba d’aria.

TERREMOTO IN ITALIA: LA SCOSSA POCO FA

Nuova scossa di terremoto in Sicilia che in questi ultimi mesi sta venendo colpita spesso da diversi sismi. Una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 è stata registrata alle 6,06 a Biancavilla, in provincia di Catania. Il sisma è stato localizzato dall’Istituto italiano di geofisica e vulcanologia a 21,7 chilometri di profondità. Fortunatamente non risultano al momento danni a persone o a cose.

È DERAGLIATO UN TRENO: CI SONO MORTI E FERITI

Ennesima tragedia ferroviaria in Spagna. La notizia è di poche ore fa: un treno è deragliato poco dopo le 6 del mattino vicino a Barcellona, a causa di uno “smottamento” del terreno per le forti piogge avvenute nelle scorse ore. Lo scenario per i soccorritori è stato apocalittico. Il deragliamento è avvenuto a causa di uno smottamento e poco fa le autorità hanno comunicato il bilancio provvisorio che risultata essere di un morto e 6 feriti lievi.

Le prime informazioni sono arrivate dalla società ferroviaria e dalla polizia su Twitter. Sul treno viaggiavano circa 160 passeggeri, ed esclusi i 7, gli altri sono rimasti illesi. Vigili del fuoco e polizia sono al lavoro per estrarre i viaggiatori ancora presenti all’interno del treno.

FLAVIO INSINNA IN CARCERE: IL CONDUTTORE FINISCE “DIETRO LE SBARRE”

Nelle ultime ore sta girando la notizia che Flavio Insinna. In questa notizie qualcosa di verò c’è in quanto il noto conduttore andrà in carcere, non per aver commesso un delitto ma per una buona causa. Dal primo dicembre 2018 infatti il conduttore de L’Eredità, reciterà a teatro dove sarà infatti protagonista al Teatro Stabile d’Abruzzo diretto da Simone Cristicchi con un nuovo progetto chiamato: “Cento lettere. Dalle sbarre alle stelle”.

Flavio Insinna reciterà in un carcere insieme a dieci detenuti di Pescara. Il conduttore che è dotato di una bellissima voce, avrà il ruolo di voce narrante e il testo è tratto dal libro di Attilio Frasca. L’uomo, finito in carcere per omicidio e per dieci anni ha scritto delle lettere al regista della Rai, Fabio Masi.

CLAMOROSO ERRORE DEI MEDICI: ECCO A COSA SARÀ COSTRETTA

Ci troviamo di fronte all’ennesimo caso di malasanità in Italia che arriva dall’Emilia Romagna. A farne le spese questa volta, è stata un giovane di soli 19 anni che per un gravissimo errore medico, ora necessita di un intervento urgente. La notizia, sta rimbalzando su tutto il web nelle ultime ore, provocando indignazione per questi continui casi di malasanità che giorno dopo giorno affliggono il nostro Paese. “Un giorno mi piacerebbe fondare un’associazione per far conoscere questa patologia, fare prevenzione e sostenere la ricerca”. Chiara Giunchi è una ragazza 19enne residente a Cervia, in provincia di Ravenna, che fino ai sei anni ha avuto una vita normale, come tutte le altre bambine: giocava con la sorella gemella, praticava sport e da grande sognava di diventare una veterinaria. Poi, all’improvviso, tutto è cambiato. I genitori di Chiara scoprono che la figlia dovrà convivere gran parte della propria esistenza con una rara patologia progressiva, il cavernoma portale. “Si tratta – come spiega il medico epatologo che segue la ragazza da anni- 

di una condizione anatomica conseguente a trombosi o a manovre di incalunamento della vena ombelicale sui neonati, fatte in modo errato”. Proprio come è successo a Chiara. La ragazza si ritrova in questa condizione a causa di una trombosi alla vena porta che gli è stata procurata dai medici appena nata. Dopo aver scoperto l’origine di tutto questo, Chiara e la sua famiglia hanno ottenuto, dai giudici del Tribunale di Ravenna, conferma che quanto accaduto ha delle responsabilità mediche comprovate. La malattia  si è ormai evoluta al punto che adesso è necessario un trapianto di fegato per poter aiutare Chiara, in lista di attesa da due mesi al Centro Trapianti dell’ospedale Molinette di Torino. Si tratta comunque di un tentativo, perché non vi è alcuna certezza sulla reale riuscita di un intervento che finalmente porterebbe Chiara ad avere una vita simile a quella di ogni altra diciannovenne. L’evoluzione della malattia  ha portato fegato e milza a non lavorare come dovrebbero e anche per questo mantenere la concentrazione è diventato sempre più difficile. Inoltre, come se ciò non bastasse, la situazione le ha provocato uno shunt polmonare, che consiste in un passaggio di sangue dal distretto venoso a quello arterioso in assenza di una adeguata ossigenazione, mentre nel corso del tempo certamente la malattia andrà a colpire anche altri organi.

La vita di Chiara, condizionata da un cavernoma portale, è fortemente compromessa: non può più fare sport, assume farmaci ripetutamente e, almeno fino a quando non ci sarà il trapianto, è costretta a rimanere chiusa in casa. Ma lei continua a lottare senza arrendersi e, nonostante l’intervento sarà più complicato rispetto ad altri della stessa tipologia, con una durata probabile di 16 ore, spera che la sua storia possa aiutare gli altri a conoscere meglio questa patologia e ad aiutare la ricerca. “Spesso sono arrabbiata e preoccupata dal fatto che non ci sia una cura ma credo nel destino e credo che tutto possa andare nel verso più giusto per ogni persona. Incrociamo le dita”.

GRAVISSIMO INCIDENTE SUL LAVORO: OPERAIO RIMANE SCHIACCIATO

Un gravissimo incidente sul lavoro è accaduto questa mattina alle Acciaierie di Calvisano, nel Bresciano. Vittima dell’incidente è un operaio di 48 anni rimasto schiacciato da una pesante billetta d’acciaio. Secondo una prima ricostruzione, intorno alle 7,30 l’uomo stava lavorando all’interno dei capannoni dell’azienda quando il semilavorato siderurgico a forma di sbarra del peso di circa settecento chili gli sarebbe crollato addosso colpendolo alle gambe: l’uomo è stato immediatamente aiutato dai colleghi presenti con lui nei capannoni di via John Fitzgerald Kennedy.

Dopo essere stato liberato è stato soccorso dal personale sanitario intervenuto sul posto che lo ha trasportato in eliambulanza in codice rosso all’ospedale San Gerardo di Monza. L’uomo rischia l’amputazione di un piede. I carabinieri di Desenzano, giunti sul luogo dell’incidente stanno indagando sulle dinamiche dell’incidente insieme con i tecnici dell’Azienda sanitaria territoriale e i vigili del fuoco. Agli ispettori dell’Ats spetta invece il compito di verificare il rispetto delle regole di sicurezza sul lavoro. 

 

SONO MORTI A POCHI ORE DALLE NOZZE: LA TRAGICA NOTIZIA

Erano in viaggio verso la chiesa dove avrebbero coronato il loro sogno d’amore in quello che sarebbe dovuto essere il giorno più bello della loro vita. Kathryn Schurtz, 35 anni, e Joseph Kearney, entrambi di Pittsburgh (Stati Uniti) in chiesa non ci sono mai arrivati a causa di un terribile incidente avvenuto lungo l’interstatale 78.  Secondo la ricostruzione fornita da Nbc Philadephia, un camion avrebbe tagliato la strada all’auto di Kathryn e Joseph, investendola in pieno per poi prendere fuoco.

Almeno quattro i veicoli rimasti coinvolti nell’incidente e tre le persone che sono rimaste ferite. Inutili i soccorsi per i due fidanzati, entrambi morti sul colpo. “Le nostre vite sono cambiate tragicamente lo scorso mercoledì. Nostro nipote Joseph e la sua bellissima fidanzata Kate sono morti in un incidente stradale mentre stavano tornando a casa per il loro matrimonio che si sarebbe tenuto quel giorno. I nostri ricordi ci aiuteranno a superare questo momento. Erano luce, si sono spenti troppo presto”, ha scritto la zia di Joseph su Facebook.

“MIO FIGLIO È SCOMPARSO”: CRISTINA PARODI IN LACRIME IN TV PER LA TOCCANTE STORIA

Grande emozione su Rai1 nel programma “La prima volta” condotto da Cristina Parodi. Ospite Stefano, un papà che ha perso il figlio e che nel momento più difficile e doloroso della sua vita ha deciso per espianto degli organi del figlio. Il giovae è morto a 24 anni per un tumore al cervello. Il ragazzo ha donato gli organi e il papà ha poi voluto fare un appello su Facebook per cercare i riceventi.

Un mese fa Stefano ha trovato l’uomo che ha ricevuto il fegato del figlio, e la redazione del programma condotto da Cristina Parodi, ha ripreso il toccante momento dell’incontro. Grandissima commozione nello studio ma anche sul web, dove sono stati tantissimi i commenti su Facebook e Twitter per questa storia di grande tristezza ma anche di umanità e allo stesso tempo di aiuto verso il prossimo; un bel momento televisivo che va sostituire il solito trash di cui la televisione italiana è ormai stracolma.

PRESERVATIVI GRATIS PER I PROFUGHI: POCO FA LA DECISIONE DEL GOVERNO

Tra le tante questioni che l’Italia deve affrontare, ora scoppia anche il caso preservativi. Del resto il nuovo governo del cambiamento ci sta abituando a continui colpi di scena. La Lega impone il dietrofront sui contraccettivi gratis ai profughi e anche stavolta i grillini desistono. L’idea di fornire preservativi gratis anche ai migranti beneficiari di protezione internazionale o richiedenti asilo merita attenzione, ma per il momento è destinata a non avere riscontro.

Nella passata legislatura Il Pd aveva proposto una legge identica, i grillini la bocciarono e ora hanno provato loro a presentarla nel loro governo. Stavolta, però, la bocciatura è toccata a loro ad opera della Lega.

È MORTA ACCANTO AL PADRE: AVEVA SOLO 19 ANNI

A Luzzara, Reggio Emilia, una ragazza di 19 anni ha perso la vita in un incidente stradale accaduto poco prima delle 18 in via Carboni, la strada provinciale che collega Tagliata a Villarotta di Luzzara, già tristemente nota per altri gravissimi incidenti. La giovane 19enne si chiamava Arijana Seferi, era di origine macedone risiedeva a Villarotta e frequentava le scuole superiori. La ragazza era passeggera sulla Fiat Bravo guidata dal padre di 41 anni, l’auto si è schiantata contro una Multipla condotta da un cittadino di origine indiana di 53 anni.

Il forte impatto ha portato entrambe le auto fuori strada. Sul posto sono intervenuti i soccorritori con tre ambulanze della Croce Rossa di Reggiolo e Guastalla, personale dell’automedica e autoinfermieristica e i vigili del fuoco di Guastalla e Luzzara che hanno estratto i feriti dalle lamiere della vettura. La diciannovenne e il cittadino indiano sono stati trasportati nell’ospedale di Guastalla mentre il padre della giovane è stato trasferito in ambulanza al Santa Maria Nuova di Reggio.

È MORTA DAVANTI A TUTTI: LA TRAGEDIA POCO FA

A Fidene, Roma un dramma è accaduto in strada dove Pierina Tavano a 77 anni è morta investita da uno scooter. Sabato pomeriggio scorso, in via Tina Pica, la donna è stata centrata in pieno dal veicolo a due ruote. Per l’anziana non c’è stato nulla da fare, troppo gravi le ferite riportate nel violento impatto. L’anziana è stata soccorsa dal personale sanitario del 118 che purtroppo non ha potuto far altro che constatarne il decesso.

A bordo dello scooter un uomo di 57 anni, rimasto ferito e trasportato in ospedale dove ha ricevuto le cure necessarie e, come da prassi, ė stato sottoposto ai test per verificare la presenza di alcol e droga nel sangue. La polizia locale di Roma Capitale ha svolto i rilievi del caso e ha posto sotto sequestro lo scooter. L’incidente mortale è avvenuto proprio durante il week end in cui ricorreva la Giornata in ricordo delle vittime della strada che è stata celebrata domenica in Piazza del Popolo dalle famiglie che hanno perso i propri cari in incidenti o investimenti.

“HO ABORTITO”: ANTONELLA CLERICI LASCIA IL PUBBLICO SENZA PAROLE

Ieri è andata in onda la classica puntata domenicale di Domenica In. Antonella Clerici, è stata ospite nel programma condotto da Mara Venier nella puntata di domenica 18 novembre. Nella lunga intervista la ex conduttrice de La prova del cuoco, che attualmente è impegnata nel sabato sera di Rai1 con Portobello, si è raccontata a Mara Venier. Più che un intervista quella tra le due signore bionde della televisione è sembrata una chiacchierata tra amiche. Diversi gli argomenti toccati, molti commoventi come quello dedicato al ricordo di Fabrizio Frizzi e l’amicizia che lo legava ad Antonella e Carlo Conti. Il pubblico durante all’intervista era tutto orecchi, proprio perchè la conduttrice stava raccontando un fatto privatissimo della sua vita e di cui non aveva mai parlato prima.

“La vita corre veloce – ha detto Antonella Clerici – Ho incontrato il principe azzurro e ho capito di dover dare una svolta. Pensi che questo lavoro rendi immune da tante cose, ma dopo quello che è capitato a Fabrizio, ho capito di dover chiudere una porta”. La Clerici non si è risparmiata nulla e ha parlato a Mara Venier a cuore aperto come se si stesse confidando con un’amica. Antonella ha spiegato i motivi che l’hanno spinta ad  abbandonare La Prova del cuoco e le ragioni della scelta di andare a vivere in campagna.

Il pubblico si è molto emozionato anche perché traspariva l’emozione e la spontaneità della Clerici, che l’ha sempre contraddistinta durante la sua carriera. Tantissime le persone che da casa, hanno iniziato a commentare l’intervista, numerosissimi i commenti di stima su Twitter e anche sugli altri social network. Antonella aveva già lasciato la conduzione de La prova del cuoco quando era nata sua figlia Maelle ma allora le cose andarono diversamente. “Quando è nata Maelle, mi fu strappata in maniera ingiusta. Dopo Sanremo, ho detto che non volevo niente, nemmeno un aumento, volevo solo tornare a La prova del cuoco. Non volevano farmelo rifare, mi hanno promesso dodicimila programmi e io ho detto no a tutti”, ha raccontato la Clerici ricordando il torto fattole dalla dirigenza della Rai.

Antonella racconta di aver provato tanto ad avere sua figlia. A 45 anni pur di coronare il suo sogno, si è sottoposta a tante terapie, anche molto invasive. Ebbe anche un aborto prima dell’arrivo di Maelle, la figlia di nove anni avuta da Eddy Martens. “Ho fatto un sacco di cure per avere la mia bambina – ha detto – Mi facevo le punture prima di andare in onda con Il treno dei desideri. Prima di Maelle ho perso un bambino. Sapevo che prima o poi sarebbe arrivata”, ha detto commossa. “Ora è una bambinona, devo dire che assomiglia al papà. Con lui abbiamo rapporti buoni. Ora ha una compagna, Carmen, che mi piace molto e vuole bene alla mia bambina. Vivono a Bruxelles, sono contenta che anche lui abbia trovato un suo equilibrio”. Oggi la Clerici ha un nuovo compagno, Vittorio Garrone: “L’ho conosciuto grazie a una mia amica che da anni voleva presentarmelo ed era convinta che fosse l’uomo giusto per me. Finalmente, quando entrambi ci eravamo separati, ci siamo incontrati a Roma. È nato subito un feeling, anche se io ero spaventata. Ha saputo aspettare e corteggiarmi, il suo primo regalo è stato una clessidra, mi ha detto: ‘per tutto il tempo che ti serve’”. Insomma è stata un’intervista molto intima e personale.

SONO STATI RITROVATI: ERANO SCOMPARSI DA GIORNI

Un ragazzo di 21 anni e la sua fidanzata di 18 anni erano scomparsi da diversi giorni. Si tratta di Gaetano Scrima e Miriam Bruno che fortunatamente sono stati ritrovati poco fa. I due erano stati visti per l’ultima volta venerdì scorso e da allora erano scomparsi nel nulla. Il giorno della scomparsa, Gaetano si sarebbe allontanato da casa della nonna paterna d Altavilla Milicia su una Toyota Aygo grigia targata DD 518 TM.

Qualsiasi indizio anche quello più insignificante potrebbe essere utile alla ricerca”. “Nessuno dei due ha portato via nulla e quindi difficile ipotizzare che si tratti di un allontanamento volontario. Aiutateci, siamo molto preoccupati”, aveva aggiunto il signor Scrima. Nella giornata di oggi sono stati ritrovati grazie all’aiuto di un testimone che li ha riconosciuti nel centro commerciale Levante e ha avvertito la polizia. Il ritrovamento è stato possibile grazie alle tantissime segnalazioni su Facebook che si sta rivelando un mezzo utilissimo in questo tipo di situazioni.

GRAVISSIMO LUTTO PER RED CANZIAN: È MORTA POCO FA

Grave lutto Red Canzian che piange la morte della madre e lo fa anche con un post sulla sua pagina Facebook in cui la ricorda e la saluta la mamma scomparsa a 98 anni:

“CIAO MAMMA… Come quando andavo a scuola, e ti dicevo ciao mamma, ma questa volta non non mi hai detto di stare attento… eri troppo stanca CIAO MAMMA… Come quando partivo orgoglioso per le prime tournée, e ti dicevo ciao mamma… e tu mi abbracciandomi mi dicevi di stare attento… sempre preoccupata per quello che poteva capitarmi. CIAO MAMMA… Come quando ti venivo a trovare, dopo che il papà ci aveva lasciato, e ti dicevo ciao mamma, e ti raccontavo orgoglioso quello che stavo facendo e guardavamo insieme le fotografie sul telefonino… e tu mi ascoltavi orgogliosa”.

“TI PREGO NON FARLO” IL GESTO ESTREMO DI NADIA TOFFA CHE SCONVOLGE I FAN

Nadia Toffa ha commesso un gesto che non è piaciuto ai suoi fan. Nadia ha pubblicato un video nel quale è in compagnia della sua cagnolina e fino a qui nulla di strano, se non che ad un certo punto si fan sono rimasti sorpresi per un’abitudine molto strana. La conduttrice ha deciso di rinchiudere la sua cagnolina Totò in bagno quando lei non è in casa. Il suo video è stato accompagnato dalle seguenti parole:

“Buonasera ragazzi Sono appena rientrata a casa per studiare il copione di domani delle Iene. Guardate l’accoglienza della mia amata totó buonanotte a tutti e a domani”.

Molti dei followers sono rimasti sconvolti, anche se il comportamento della conduttrice potrebbe semplicemente essere educativo per il suo amico a 4 zampe. Dopo aver postato questo video posto sono arrivati molti commenti negativi del tipo: “Ma come si fa a chiudere un cane in bagno e andarsene? Questo non è amore per gli animali! Mi dispiace ma non condivido affatto!”. “Concordo pienamente”.

VIOLENTO TERREMOTO A RIMINI: MAGNITUDO 4.2

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è verificata alle ore 13.48 nella provincia di Rimini. Lo rende noto su Twitter l’Ingv. La scossa di terremoto è stata chiaramente avvertita anche nel nord delle Marche. L’epicentro è stato registrato nella zona di Santarcangelo di Romagna. Il sisma si è verificato a 43 km di profondità.Tantissime le telefonate dei cittadini spaventati ai vigili del fuoco.

La sindaca di Santarcangelo Romagna:“Non ci risultano danni evidenti anche se siamo già partiti con delle verifiche. In città il terremoto si è sentito bene e i cittadini sono scesi in strada preoccupati, mentre nelle frazioni la scossa è stata più lieve”, dice Alice Parma, sindaca di Santarcangelo di Romagna, il Comune più vicino all’epicentro. 

LUTTO NEL CALCIO ITALIANO: SI È SUICIDATO A 19 ANNI

Lutto nel mondo del calcio giovanile, si è suicidato Fabio Colucci a soli 19 anni: “Con profondo rammarico l’Asd Martina Calcio 1947 partecipa all’immenso dolore della famiglia nel ricordo di Fabiano Colucci. Il nostro under classe 1999 è venuto a mancare. Non ci sono parole per dare seguito a una notizia così sconvolgente che ha colpito tutta la società, dirigenza, squadra, settore tecnico e giovanile con grande tristezza. In segno di cordoglio la partita odierna ‘Audace Barletta-Martina Calcio non verrà disputata. Il messaggio su Instagram della fidanzata di Fabiano Colucci:

Fabio ma cosa mi combini? Ieri siamo stati insieme, e oggi non ci sei!Tu con il tuo sorriso, facevi sorridere anche me, mi facevi sempre ridere anche quando non ne avevo voglia, eri diventato così importante nella mia vita. Eri diverso dagli altri, facevi il forte ma in fondo eri un ragazzo buono, premuroso, gentile, mi facevi sempre arrabbiare, ma ora darei qualunque cosa per riaverti qui…Ti ricordi martedì siamo stati in giro fino a tardi insieme a parlare di cose nostre, a confidarti, a ridere è scherzare♥️Come faccio ora, che ogni mattina lasciavi il bar, per venire da ugo a farmi compagnia… Come faccio ad andare avanti sapendo che non entrerai più da quella porta.

Avevo finalmente trovato qualcuno che mi facesse ridere, ma ora mi fai piangere, ora sto male, perché perché perché….Sai come sta la tua famiglia, morta… Certo che lo sai perché da lassù stai vendendo tutto…mVorresti ritornare indietro?Vorresti a quest’ora stare con me e i tuoi amici seduti dietro ugo come ogni giorno? Ora sei il mio Angelo, l’angelo più bello lassù♥️ ora vivi dentro di me, ci resterai per sempre, mi hai insegnato tanto cose, non le scorderò mai…

Ti amo da morire amò ❤️

NADIA TOFFA, IL TRAGICO LUTTO E IL GRANDE DOLORE: “SONO SCONVOLTA”

L’Italia ogni giorno di più si trova a dover parlare di terribili fatti di cronaca familiare che lasciano senza parole. Ultima tra tutti, la tragedia di qualche giorno fa in Val D’Aosta, dove una madre infermiera ha somministrato un’iniezione letale ai suoi due bambini per poi suicidarsi. Nadia Toffa è tornata sui social non per parlare del tumore che l’ha colpita un anno fa ma per un terribile fatto che ha sconvolto l’intero Paese. La popolare conduttrice si è affidata al suo profilo Twitter per dire a coloro che la seguono il grande dolore che sta provando in queste ore.

“Sono sconvolta per la madre che uccide i suoi bimbi con un’iniezione letale, per l’ex che uccide la fidanzata e il nuovo compagno per poi togliersi la vita. Un padre di famiglia uccide moglie cognata e i suoceri sono gravi all’ospedale… Preghiamo per tutti loro”.

 

FENATI CORRE SULL’AUTOSTRADA 14: FERMATO E DENUNCIATO PER RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE

Ancora guai per Romano Fenati; dopo il brutto gesto in Moto2 di qualche mese fa con Stefano Manzi che gli costò il licenziamento immediato, ora il pilota come riportato dal Resto del Carlino, è stato fermato dalla Polizia mentre andava a tutta velocità sull’autostrada A14.

Quando la polizia ha fermato l’Audi Q3, Al momento dei controlli e alla richiesta dei documenti, è emerso che si trattava di Romano Fenati, che invece di chiedere scusa per il proprio comportamento, sarebbe andato in escandescenze inveendo contro gli agenti. Il pilota oltre che per eccesso di velocità, è stato anche accusato anche di resistenza al pubblico ufficiale. In primis gli agenti hanno tentato di far accostare il conducente senza riuscirci e da li è nato un inseguimento di qualche km prima di riuscire a fare accostare il veicolo.

 

TERREMOTO IN ITALIA: GRANDE PAURA PER LA POPOLAZIONE

Terremoto a Belluno poche ore fa. La terra non smette di tremare in Italia e u a nuova scossa di terremoto è stata registrata a Belluno. Il sisma è stato di magnitudo 3.1 è stata registrata dall’Ingv in Veneto, in provincia di Belluno. La scossa è stata registrata dai sismografi alle 11.50  con epicentro a 3 chilometri dal Comune di Santo Stefano di Cadore, a 6 chilometri di profondità. Fortunatamente, non si registrano danni a cose o persone. 

IMG_5872.jpg

MILLY CARLUCCI SCATTA LA DENUNCIA: “È TUTTO FALSO”

Milly Carlucci è intervenuta nella puntata andata in onda ieri di Italia Si, il programma condotto da Marco Liorni, in onda di solito alle 16.40. La conduttrice è intervenuta durante un collegamento molto arrabbiata per alcune bufale che circolano da qualche sul web, riguardanti delle presunte creme vendute e sponsorizzate proprio da lei. ”Sono sul podio per sbugiardare un sito che ha messo in giro una grande balla, una bugia spaziale che mi riguarda si è trasformata in una truffa:

contrariamente a quello che hanno detto, io non produco, non commercializzo e non sponsorizzo nessuna miracolosa crema di bellezza! E’ tutto falso, è un vero e proprio imbroglio! Dunque è stata fatta una denuncia alla polizia postale. Sappiate che io non ho niente a che vedere con questo! Questa è la mia protesta. Le fake news vanno bene, ma non bisogna imbrogliare il pubblico a casa.”

AMANDA KNOX SI SPOSA: LA PROPOSTA DI MATRIMONIO POCO FA

Amanda Knox, la 31enne s prima condannata e poi assolta per l’omicidio di Meredith Kercher, uccisa a Perugia nel 2007, tra pochi mesi sposerà sposerà il fidanzato Christopher Robinson. La proposta di matrimonio è diventata virale su YouTube e nel video si vede il fidanzato che le dice: “Non ho un anello, ma un grosso sasso. Vuoi sposarmi?”. Dopo il sì della Knox è arrivato un bacio. 

Il fidanzato le ha fatto trovare nel giardino di casa un meteorite caduto dallo spazio sulle note della colonna sonora di E.T. l’extra-terrestre. All’interno della roccia c’era un messaggio speciale per lei: “Nessun’altra unione ha prodotto tanto calore cerebrale-empatico quanto quella di Amanda Marie Knox e Christopher Gerald Robinson. Hanno perseguito diversi progetti di grande ambizione, anche mentre si inseguivano l’un l’altro. L’amore è cresciuto in modo esponenziale dal loro primo incontro”.

E infine “Vuoi sposarmi?”. Amanda, visibilmente emozionata, risponde: “Sì”. Niente anello, dunque, ma, come chiarito dal fidanzato, solo perché la Knox non ne porta.

CARMELO ZAPPULLA STA MEGLIO: ECCO LA PRIMA FOTO DOPO L’INFARTO

Carmelo Zappulla, posta la prima prima foto dopo l’infarto scrivendo: “Dio è grande”. Il cantante napoletano Carmelo Zappulla si mostra per la prima volta in foto dopo l’infarto che l’ha portato ad un passo dalla morte: “Grazie a tutti, Dio è grande” ha scritto su Facebook mostrando il pollice all’insù, simbolo di una situazione in netto miglioramento.

L’artista è ancora sotto cure mediche dopo il malore degli scorsi giorni, ma le sue condizioni stanno via via tornando alla normalità. Tantissimi i commenti per salutare il cantane di musica napoletana neomelodica, famosissimo sopratutto negli anni Settanta e Ottanta.

TERREMOTO IN ITALIA: GRANDE PAURA PER LA GENTE

Nuova scossa di terremoto nella mattinata di oggi sabato 17 novembre. La scossa è avvenuta nel bellunese e il sisma, di magnitudo 3.1, è stato avvertito dalla popolazione sopratutto a Cortina ma anche a Sappada, in Friuli. Paura per la popolazione, anche se fortunatamente, non si registrano danni e feriti.

La scossa è stata avvertita alle 11.50 tra il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. L’epicentro è stato localizzato a cinque chilometri di distanza da Vigo di Cadore, in provincia di Belluno, e a quattro chilometri da Santo Stefano di Cadore.

ELISA ISOARDI IN PERICOLO: IL SUO STALKER SI PRESENTA IN STUDIO CON UN PACCO SOSPETTO

Pochi giorni fa, si è scoperto chi è lo stalker di Elisa Isoardi. Secondo il settimanale di gossip Gente che è uscito in edicola oggi Sabato 17 novembre, si tratterebbe di una persona di circa 60 anni che vive a Napoli. L’uomo è molto conosciuto dalle sue parti e negli ultimi mesi questa ha stalkerato l’ex compagna di Matteo Salvini, tanto che quest’ultima ha deciso di sporgere Denuncia.

Qualche giorno fa l’uomo si è presentato come se niente fosse ai controlli degli studi Dear di Roma dove la vigilanza lo ha fermato. L’uomo sosteneva di essere un caro amico di Elisa Isoardi e voleva incontrarla per consegnarle un regalo che aveva tra le mani. Questo “pensiero” che l’uomo portava con se, faceva un rumore strano e proprio per questo motivo gli è stato sottratto e gli artificieri hanno controllato che non fosse nulla di esplosivo. In realtà si è poi scoperto, che il pacco conteneva un regalo molto costoso. La Isoardi potrà finalmente tirare un sospiro di sollievo? Vedremo…

PAOLA PEREGO PERDE LA TESTA: COLPISCE UN UOMO CON UN MARTELLO

Ieri è andata in onda la seconda puntata di Scherzi a Parte dove è andato in scena il “cattivo” scherzo che ha visto come vittima Paola Perego. Lo scherzo fatto alla conduttrice è stato abbastanza pesante poichè Minsky, un finto artista della street art ha iniziato a disegnare, una cacca sopra la Fiat 500 rossa della Perego.

La conduttrice ha perso immediatamente la pazienza e ha detto all’artista: “Tu le tue opere d’arte te le fai a casa tua con le tue cose”. Anche il finto critico che ha riconosciuto l’artista non è riuscito a far calmare Paola, proponendo ben 5000 euro per la portiera pasticciata. L’artista non ha accettato e si è dimostrato deciso a finire l’opera a tutti i costi l’opera ed è proprio a questo punto che la Perego è esplosa esclamando”Tu hai bisogno di un medico serio…” per poi afferrare un martello e per colpire l’artista che le ha fatto lo scherzo. Per fortuna poi arrivati gli autori del programma per dire alla conduttrice di essere vittima di Scherzi a parte. La conduttrice a questo punto molto preoccupata, ha detto: “Ti ho fatto male?”.poi assicurando di non aver fatto male al finto artista lo ha abbracciato forte.

È MORTO CADENDO DAL TETTO: LASCIA LA MOGLIE

Ennesimo incidente mortale sul lavoro. Questa volta a perdere la vita è stato un operaio straniero di Marano. L’uomo è morto mentre stava lavorava sul tetto della scuola elementare Ranucci (stava sistemando una guaina). L’uomo, per motivi da accertare ha improvvisamente perso l’equilibrio ed è caduto sull’asfalto morendo sul colpo. Sul posto sono arrivati carabinieri della Compagnia di Marano.

La vittima dell’incidente sul lavoro è Mebarki Abdel Karim, 55enne di origine algerine. Abitava Pozzuoli ed era sposato con un’italiana, l’uomo come si è appreso poco fa, lavorava in nero per una ditta che si occupa, per conto del comune di Marano, della manutenzioni scolastiche.

NON MANGIATELO: RITIRATO DA TUTTI I SUPERMERCATI

Un altro prodotto ritirato dal mercato. I marchi interessati sono stati Elios e Sea Party, prodotti da T&M Trade & Marketing Srl presso lo stabilimento di via Bruno Buozzi, a Bari. Il motivo del richiamo è avvenuto dei prodotti utilizzati per la produzione dei piatti. Arpa Puglia ha infatti riscontrato la presenza di alti livelli di sostanze contaminanti che possono trasferirsi all’interno degli alimenti contenuti all’interno dei piatti fondi Elios in polipropilene. 

Nel dettaglio, i lotti interessati del marchio Sea Party sono: 1SEAPARTYFO10, 1SEAPARTYPI12, 700SEAPARTYFO, 700SEAPARTYPI, 500SEAPARTYFO28, 500SEAPARTYPI30. Quelli Elios, invece, sono i lotti numero 1ELIOSFO8, 1ELIOSPI10, 700ELIOSFO12, 700ELIOSPI14, 500ELIOSFO18, 500ELIOSPI20. 

VITTORIO SGARBI UBRIACO ROTOLA PER TERRA IN AUTOGRILL: ECCO COSA È SUCCESSO

In un video pubblicato da ViterboNews24, il sindaco di Sutri Vittorio Sgarbi sembra  “apparentemente ubriaco” mentre in autogrill si rotola per terra. Nel video una sua collaboratrice lo aiuta a rimettersi in piedi. Sgarbi sarebbe crollato a causa dei festeggiamenti eccessivi in una serata di gala a palazzo Brancaccio (Roma), dove aveva ricevuto un premio poche ore prima.

 In un secondo filmato, questo volta pubblicato sulla sua pagina Facebook, Sgarbi spiega cosa è successo: “Io non bevo – ha spiegato Sgarbi –, non posso dire di essere astemio perché il vino ha una sua meraviglia, un suo colore, una sua forza. Bevo per diletto e per puro piacere solo lambrusco, un vino leggero e spiritoso che non può dare nessuna ebrezza e che bevo per appartenenza geografica… Ed ecco allora che qualcuno mi vede a terra e pensa che io sia ubriaco e ricostruisce una serata che in realtà fu abbastanza solenne, almeno nello spirito”.

‘Una serata non particolarmente eccitante ma con una sua dolcezza, – ha detto ancora lo storico d’arte e sindaco di Sutri, in provincia di Viterbo – con persone gentili e belle donne. Dopodiché sono partito per andare a Tarquinia a prepararmi la mattina dopo per i funerali di Omero Bordo”. La ricostruzione fatta dal quotidiano inline di Viterbo è stata smentita da Sgarbi, che è intervenuto con un comunicato stampa. Io non bevo, non posso dire di essere astemio perché il vino ha una sua meraviglia, un suo colore, una sua forza. Bevo per diletto e per puro piacere solo lambrusco, un vino leggero e spiritoso che non può dare nessuna ebrezza e che bevo per appartenenza geografica.

”Essendo pressoché astemio, non avendo mai bevuto, ed ebbro soltanto di libri, ritengo offensiva, perché totalmente falsa e tendenziosa, la ricostruzione di www.viterbonews24.it di una serata (il 9 novembre) in cui ho ricevuto un premio di lunga tradizione, ”Giusta causa”, in palazzo Brancaccio a Roma, e di un viaggio notturno verso Tarquinia per partecipare ai funerali di Omero Bordo, nel Duomo, dove ho pronunciato un’orazione funebre, severa e commossa, di cui non ho letto traccia”. 

INCIDENTE PER PAOLA PEREGO: ATTACCO DIRETTO AL COMUNE

Paola Perego cade in una buca e per il piccolo incidente se la prende con il comune di Roma. La conduttrice televisiva ha mostrato su Instagram il suo ginocchio sbucciato e se la prende direttamente con l’amministrazione comunale della capitale. La conduttrice  una storia nel suo profilo Instagram, dove mostra un ginocchio sbucciato scrivendo “Grazie al comune di Roma per per le meravigliose buche”. Quella delle buche resta uno dei più grossi problemi nella città di Roma ma sembra non venire mai risvolto, come dimostra questo incidente.

Questo spiacevole inconveniente magari porterà la Perego a partecipare alla class action portata avanti dal Codacons contro Roma Capitale. L’obiettivo di questa class action è quello di fare ottenere 1000 euro dalle casse cittadine a ogni partecipante, “anche in assenza di lesioni fisiche e solo per essere costretti a vivere in una città dove strade mettono seriamente a repentaglio la vita dei cittadini”. Anche gli stessi marciapiedi che spesso sono pieni di buche e possono rappresentare un pericolo sopratutto per le persone anziane. 

MOTOGP VALENCIA 2018: PETRUCCI DOMINA LE FP2

Nell’ultimo round del mondiale 2018, oggi è stata la Ducati non ufficiale di Danilo Petrucci la moto più veloce nelle FP2; in una sessione caratterizzata da molta pioggia il pilota italiano ha girato in 1’41″318 Marc Marquez (+0.407).

Valentino Rossi migliora è dopo il 12° posto della prima sessione, nella FP2 ha chiuso al terzo posto a (+0.763). Quarto tempo per la Suzuki di Andrea Iannone (+1″047) Aleix Espargaro (+1″067). Grande delusione Andrea Dovizioso che chiude 12° a (+1″932),  Jorge Lorenzo ancora peggio a (+2″480).

SI È IMPICCATO A UN ALBERO A SOLI 25 ANNI: TRAGEDIA IN ITALIA

Si impicca ad un albero in campagna: Alberto aveva solo 25 anni. Il corpo di Alberto Marzo è stato trovato in un campo alla periferia di Tiggiano, luogo in cui viveva. Il primo ad accorgersi della sua scomparsa è stato il padre questa mattina. Secondo le prime informazioni sembra che il giovane abbia deciso di suicidarsi. Il padre, alzandosi per andare a lavoro, si è accorto che il giovane non era casa. Per diverse ore non si sono avute notizie. Poi il 25enne è stato trovato impiccato ad un albero in una campagna, proprio nel giorno del suo onomastico Sant’Alberto.

Sulla sua pagina Facebook tantissimi i messaggi di chi gli voleva bene: “Micio ci hai lasciato così senza dire niente sempre con il sorriso sempre… parlavamo, sorridevi come sempre. Ti vogliamo bene. Tutti  Buon viaggio angelo… sempre nel cuore micio, guardami ogni tanto e dimmi se sbaglio… sei e sarai sempre un amico”. E ancora: “Oddioooooooooo Alberto miooooooooo non ci posso credere. R.i.p amico miooo“.

“SCHUMACHER HA AVUTO UN ICTUS”: LA CLAMOROSA INDISCREZIONE

Resta ancora un vero e proprio alone di mistero sulle reali condizioni di salute di Micheal Schumacher. Ormai sono già passati 5 anni dal terribile incidente sugli sci e non si sa effettivamente quali siano le reali condizioni della leggenda della Formula 1. Le parole della moglie Corinna, dopo anni di silenzio, hanno riacceso le voci sulle reali ciò che avrebbe causato l’incidente. La versione ufficiale parla di un sasso che avrebbe fatto inciampare Michael. Negli anni sono arrivate versioni diverse da Zurigo, l’ultima tra tutte quella di un ictus che avrebbe colpito Micheal proprio poco prima della cadura. “Indiscrezioni da Zurigo consegnerebbero una versione dei fatti diversa: Schumacher potrebbe essere stato colpito da un ictus durante la discesa” rivela Dagospia

Nella versione ufficiale dell’incidente si legge: “Aveva il caschetto, ma sarebbe stata la telecamerina GoPro posizionata sopra, a spaccare l’elmetto, penetrando e danneggiando il cervello dell’ex pilota. Quando uscirono queste ipotesi, l’azienda smentì tutto, e la famiglia ribadì la versione ufficiale”. La moglie e i figli poi hanno scelto il silenzio. Ma qualche giorno fa, quando è stata pubblicata la risposta di Corinna a Sascha Herchenbach, il musicista tedesco che gli ha dedicato la canzone ”Born to Flight” si sono risvegliate le varie tra cui anche quella dell’Ictus.

GESSICA NOTARO L’EX FIDANZATO CONDANNATO A 15 ANNI DI CARCERE

Gessica Notaro, l’ex fidanzato condannato a 15 anni e 5 mesi per l’aggressione con l’acido. La sentenza è arrivata oggi in tribunale, una sentenza che ha soddisfatto la Notaro e che si è svolta davanti alla Corte di Appello di Bologna, dove la donna e il suo aggressore si sono trovati per la prima volta faccia a faccia dopo l’aggressione. A

ppena dopo la lettura della sentenza la ragazza ha commentato la sentenza alla trasmissione “Pomeriggio Cinque” su Canale 5. “È andata bene, è sicuramente quello che ci aspettavamo, forse qualcosina in più del previsto», è stato il primo commento della Notaro. «Sembra un film, è incredibile finire così. È una persona con cui ho dormito tre anni. Ma se l’è cercata, ha fatto tutto lui. Tavares è stato l’amore più grande della mia vita, nonostante i tradimenti e le difficoltà nel rapporto per via degli atteggiamenti di lui. Ma non riuscivo a lasciarlo. Me lo sentivo che poteva succedere. Quando stavamo insieme avevamo parlato del suo caso. Tavares mi aveva inoltre messa in guardia da alcune persone sue conoscenti che avrebbero potuto tirarmi una secchiata di acido. Nella mia testa la paura c’era»

MADRE UCCIDE I SUOI FIGLI DI 7 E 9 ANNI: DRAMMA FAMILIARE IN ITALIA

Ennesima strage familiare in Italia. Questa volta a compiere un gesto davvero terribile è stata una madre. La tragedia è avvenuta poche ore fa a Aymavilles in Valle D’Aosta. Una donna ha ucciso i due figli, di 7 e 9 anni, e poi si è suicidata. La donna era un’infermiera, e per uccidere i figli, avrebbe somministrato ai due bambini un’iniezione letale per poi anche le togliersi la vita. La donna si chiamava Marisa Charrère e aveva48 anni. Sul posto dopo la chiamata del marito, è arrivata immediatamente la squadra mobile della questura di Aosta. Il marito, Osvaldo Empereur, agente del corpo forestale della Valle d’Aosta ha trovato la moglie e figli morti dopo il suo rientro a casa, intorno a mezzanotte.

L’infermiera, prima di uccidere i suoi due figli di 7 e di 9 anni e di togliersi la vita, ha scritto due lettere dove cercare di spiegare il motivo del terribile gesto, causato dal peso insopportabile delle avversità della vita. Le lettere sono state trovare nella casa e le tre salme sono a disposizione dell’autorità giudiziaria. Non si è ancora saputo se verrà effettuata l’autopsia. 

TERREMOTO IN ITALIA: PAURA TRA LA POPOLAZIONE ITALIANA

Nuova scossa di terremoto questa notte in Calabria. Una scossa di terremoto è stata registrata nelle scorse ore al nord della provincia di Cosenza. Secondo i dati dell’INGV, la scossa ha avuto una magnitudo 3.1 ed è stata registrata alle ore  02:17:11. L’epicentro è avvenuto nel comune di Villapiana con coordinate geografiche mentre l’ipocentro è stato individuato ad una profondità di circa 24 chilometri.

La scossa è stata dalla popolazione  nel raggio di dieci chilometri vale a dire Francavilla Marittima, Trebisacce, Cerchiara di Calabria e Plataci. Secondo le prime informazioni non si registrano danni a persone o cose. Nei giorni passati erano avvenute altre scosse in Calabria ma sempre a largo delle coste tirreniche.

MOTOGP GP VALENCIA 2018: LORENZO ULTIMA GARA IN DUCATI. LE PAROLE DI DALL’IGNA

Domenica andrà in scena l’ultima gara di MotoGP 2018 e anche l’addio di Jorge Lorenzo alla Ducati. Una stagione quella del maiorchino fatta di grandi delusione nelle prime gare, ma più di grandi soddisfazione nelle ultime tanto da lasciare un po’ l’amaro in bocca ai tifosi. Gigi Dall’Igna intervistato da Sky Sport ha parlato proprio dell’addio tra Ducati e Lorenzo:

“Non si può dire che sia mancato qualcosa al pilota. In questi casi manca qualcosa all’insieme. Di sicuro avevo aspettative diverse, pensavo che non servisse un anno di ambientamento per poter esprimere il suo potenziale sulla nostra moto. In realtà le cose sono andate in modo un po’ diverso. Non dall’inizio, ma da quest’anno siamo riusciti a dimostrare che poteva andare forte anche con la Ducati. Di cose belle ne abbiamo fatte comunque tante, siamo stati tutto sommato anche sfortunati perché nel finale della stagione avremmo potuto capitalizzare di più, ma purtroppo ha dovuto saltare molte gare. Ora è all’ultimo GP con noi, penso dispiaccia a entrambi, ma ormai le cose non si possono cambiare e dobbiamo andare avanti da nemici”.

STRADE FAMIGLIARE: MARESCIALLO UCCIDE LA MOGLIE E LA COGNATA E SI SUICIDA

Ennesima strage familiare a Vairano Patenora, dove un maresciallo della guardia di finanza, ha ucciso la moglie e la cognata a colpi di pistola e poi si è suicidato. Si tratta di Marcello De Prata, 52 anni,  in servizio al Comando Provinciale di Napoli. La tragedia è avvenuta in una cartoleria di via Roma. L’uomo secondo una primissima ricostruzione sarebbe entrato all’interno del negozio di proprietà della moglie e ha sparato uccidendola insieme alla sorella e ferendo poi i suoceri. De Prata ha poi rivolto la pistola contro sé stesso per suicidarsi e ogni soccorso è stato inutile: è deceduto poco dopo.

Non sono ancora chiari i motivi di questa terribile tragedia. Secondo le prime informazioni, i due si stavano separando e c’erano stati alcune liti che avevano coinvolto anche i famigliari, ma l’uomo non era mai stato denunciato in precedenza. I carabinieri stanno indagando sul caso. La coppia lascia due bambini.

RITIRATI DA TUTTI I SUPERMERCATI: RISCHIO CHIMICO

Ennesimo ritiro alimentare da par del Ministero della Salute; poche ore fa si è appreso del ritiro dei Marshmallow Palla Rossa “Le Monelle” per presunto rischio chimico. Il Ministero della Salute ha ordinato il richiamo del lotto di produzione 0618, poichè non conforme per valori eccedenti il limite di 300 grammi per kg del colorante E124. Dunque questo ritiro è avvenuto per il troppo colorante presente nel prodotto del lotto indicato.

La decisione è stata comunicata con una nota apparsa sul sito internet ufficiale del dicastero, dove si indica che il prodotto ha data di scadenza per il 26 agosto 2019 e venduto nella busta da 1000 grammi. Questo colorante, se assunto in dosi superiori a quelle stabilite dalle nostra legge, può avere effetti collaterali che vanno dall’asma all’insogna o manifestazioni di iperattività. 

 

È NATO: GRANDISSIMA GIOIA PER IL CANTANTE ITALIANO

È diventato papà! Grande gioia in casa Negramaro. Arriva la più bella delle notizie dopo  il periodo difficilissimo per Lele Spedicato; il chitarrista dei Negramaro che il 17 settembre scorso era stato colpito da un’emorragia cerebrale oggi è diventato papà. Poi, più di un mese dopo, Spedicato è stato dimesso dall’ospedale e trasferito in un centro specializzato dove affronterà un programma di recupero e riabilitazione. A dare il lieto annuncio della nascita del “primo maschietto in casa Negramaro” è stata la moglie del chitarrista, Clio Evans che you social scrive:

“Benvenuto Ianko Spedicato. Finalmente sei arrivato. Primo maschietto in casa Negramaro”, il post è già diventato virale e ha raccolto tantissimi like e commenti di congratulazioni. Il piccolo Ianko è nato poco dopo la nascita della figlia di Giuliano Sangiorgi, il cantante della band salentina.

IMG_5742

GRAVISSIMO INCIDENTE SULL’AUTOSTRADA A10: C’È UN FERITO GRAVE

Gravissimo incidente stradale poco fa in autostrada che ha provocato il ferimento di almeno tre persone. Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno, lungo l’autostrada A10 Genova Ventimiglia, tra Imperia Ovest e Arma di Taggia. Per cause ancora da accertare, c’è stato un tamponamento a catena che è partito da un furgone con targa romena che avrebbe inizialmente tamponato molto violentemente un tir lituano. Il furgone si è completamente distrutto nell’incidente sarebbero rimaste coinvolte anche due automobili, una Renault Clio e un Suzuki Vitara.

Il conducente della Renault Clio è stato trasportato in codice verde all’ospedale di Imperia. Il conducente del camion lituano è stato invece portato in codice giallo all’ospedale di Sanremo mentre il ferito più grave, trasportato in codice rosso sempre a Sanremo, è il conducente del furgone che ha innescato l’incidente. 

OMICIDIO A SUICIDIO AD AVVELINO: ACCOLTELLA LA FIDANZATA E SI LANCIA DALLA FINESTRA

Omicidio e tentato suicidio ad Avellino; poco fa un uomo ha accoltellato alla gola l’ex compagna e ha ucciso una persona che era in casa con loro. L‘uomo dopo l’omicidio, si è barricato in casa non appena ha notato l’arrivo della polizia municipale minacciando di far esplodere l’appartamento con il gas. inutili i tentativi di mediazione: dopo qualche minuto l’uomo si è lanciato dal balcone cadendo al suolo davanti alle persone che circondavano l‘appartamento, richiamate. L’ex compagna, che è scappata è grave in ospedale.

L‘accoltellamento è avvenuto per motivi passionali. La convivente dell’uomo è una 18enne e l’omicida e suicidato, si chiamava Gian Marco Gimmelli di 32 anni. La lite per motivi passionali, è degenerata in una colluttazione dove l’omicida ha estratto un coltello e ha colpito più volte la donna ferendola gravemente.

ADDIO A TOMMASO: MORTO A 19 MESI PER UNA RARA MALATTIA

Addio a Tommaso, morto a 19 mesi per una malattia rara: “Stava bene fino a un anno”. Il piccolo Tommaso Prataviera è spirato ieri a pochi mesi da una malattia rarissima sconosciuta anche alla medicina. I genitori hanno deciso di donare le ricerche sul Dna del figlio in modo che possano essere utilizzate per capire la malattia e salvare altri bambini nelle stesse condizioni. Era stato bene per un anno, poi all’improvviso i primi sintomi che in poco tempo di sono aggravati sempre di più fino a portarlo alla morte ad appena 19 mesi.

Questa è la terribile storia del piccolo Tommaso Prataviera, un bimbo San Donà di Piave che è morto nelle scorse ore. Visite specialistiche e analisi cliniche approfondite infatti non sono riuscite a stabilire con certezza il male incurabile che lo aveva colpito: una malattia rarissima, sconosciuta anche alla medicina. Il piccolo si è spento ieri all’ospedale di San Donà dopo una crisi epilettica che lo aveva colpito.

È STATO RITROVATO: ERA SCOMPARSO DA 3 SETTIMANE

È stato ritrovato Reda Kaoutari, il giovane di 15 anni che era scomparso dal 23 ottobre da Seregno. L’adolescente è stato ritrovato, vivo a Roma. Il ritrovamento è avvenuto nella serata di martedì 13 novembre dopo una segnalazione arrivata alla famiglia. Il papà di Reda è partito per Roma e ha riportato il figlio a casa. Ora dopo il grandissimo spavento, la famiglia dovrà chiarire il motivo dell’allontanamento figlio minorenne per evitare che accada anche in futuro.

Il giovane già in passato si era allontanato volontariamente da casa, ma era sempre ritornato dopo qualche giorno. Questa volta però il giovane era sparito da tre settimane e la cosa stava iniziando a farsi molto preoccupante, I famigliari allarmati dal passare del tempo, avevano subito fatto denuncia di scomparsa ai carabinieri e avevano e poi scritto diversi appelli sui social network. Quest’ultimo tentativo si è rivelato efficace in quanto qualcuno ha infatti avvistato il ragazzo a Roma e informato la famiglia.

SCOMPARSA EX MISS ITALIA: LA MAMMA CHIEDE AIUTO A CHI L’HA VISTO

Nel 2003 aveva partecipato al concorso di bellezza ”Miss Italia” con il numero 92 e aveva vinto la fascia ”Meri Ragazza In Gambissime Lombardia”, Maria Franzoso Erokhova, 32 anni, è scomparsa. È stata proprio la mamma a lanciare un appello nel programma Rai ”Chi l’ha visto?”, nella puntata che è andata in onda mercoledì 14 novembre 2018.

 

Temo che le sia successo qualcosa di brutto. Ho bisogno di abbracciarla, di sentire il suo profumo, di toccarle i capelli”, ha raccontato in lacrime la mamma. La donna ha raccontato poi qualche aneddoto sulla vita della figlia. Maria è stata fidanzata per un anno con un componente della boy band ”Blue”, Lee Ryan. ”Maria si trovava ad un evento e Lee le aveva dedicato una canzone al pianoforte. Da quel momento hanno iniziato a frequentarsi e lui l’ha convinta a trasferirsi a Londra. Maria ha così iniziato la carriera di modella in Inghilterra, ma spesso tornava a casa dove aveva ancora degli interessi”. 

 

‘Era proprietaria di alcuni appartamenti a Milano e aveva un mutuo da pagare. La storia con il cantante del gruppo è finita dopo un anno ma Masha ha deciso di restare a vivere a Londra. Ci siamo sentite quattro mesi fa, lei mi ha detto che avrebbe chiamato ma da quel momento è scomparsa nel nulla. Adesso sono molto preoccupata, perché lei non avrebbe mai fatto perdere le sue tracce senza dirmi niente”.

 

CARNE E PESCE SCADUTI NEI SUPERMERCATI: SCANDALO IN ITALIA

Carne scaduta, frutta e pesce vecchio il tutto viene venduto tranquillamente nei nostri supermercati. Il caso shock è stato descritto nell’inchiesta di Giulio Golia a Le Iene e gli alimenti scaduti sopra descritti sarebbero presenti in molti supermercati in Italia. A denunciare i gravissimi fatti sono stati proprio i commessi dei supermercati che senza svelare la loro identità, hanno confessato ciò che accade realmente per porre fine a questo scandalo. È abitudine nei reparti rietichettare questi prodotti per evitare meno sprechi possibili. Io ho girato in quattro diversi centri commerciali e tutti e quattro fanno la stessa cosa», spiega a Giulio Golia uno dei commessi.

 

«Si ritira il prodotto che oggi è scaduto, si sconfeziona, si riconfeziona e si ricambia l’etichetta. E la scadenza si va a cambiare. Anziché esser scaduto oggi, scadrà domani, dopodomani, dipende dal prodotto. Così finché proprio non è a livelli di indecenza che lo apri e senti puzza”.Fai conto che oggi sia il 2. Io metto in vendita una salsiccia scaduta l’1, cioè ieri. Domani però che è il 3 se la carne scaduta è ancora lì io la rimpacchetto con la data del 3. E se non viene venduta il 4 la rimetto in vendita con la data del 4, ma è sempre quella scaduta l’1», racconta una donna. «Questo avviene in tutti i reparti, non solo in macelleria con la carne scadutaFrutta, verdura, pescheria, gastronomia, panetteria, in salumeria, nelle vachette dell’insalata russa. Se nella faccia del formaggio inizia a esserci muffa si può pulire, riconfezionare e rimettere fuori in vendita. In pescheria tutte le sere tirano su il pesce confezionato, lo scartano, lo ghiacciano, lo mettono nelle casse di polistirolo, lo mettono in cella. La mattina il caporeparto arriva, prende e rietichetta tutto con la data del giorno, non solo la carne scaduta. Questo avviene tutti i giorni, la data viene cambiata anche 20 volte, finché il pesce non puzza.

TRAGEDIA SUL LAVORO: MORTI DUE OPERAI CADUTI DA UNA GRU

Ennesima tragedia sul lavoro. Due operai, sono precipitati da un’altezza di dieci metri, dopo che ha ceduto la gru su cui stavano lavorando. Il dramma è avvenuto questa mattina, intorno alle ore otto, al quartiere Tamburi durante i lavori di ristrutturazione di una palazzina. I due lavoratori stavano lavorando su una gru quando improvvisamente si sarebbe staccato il cestello della macchina.

Entrambi sono precipitati nel giro di pochi attimi dal terzo piano. I soccorsi sono stati lanciati immediatamente e sul posto sono arrivate le ambulanze del 118 e le auto della Polizia. Purtroppo per i due lavoratori non c’è stato nulla da fare, erano già morti.

È MORTO LUCHO GATIA: CANTÒ “BESAME MUCHO” E “SINCERIDAD”

Addio al cantante e attore Lucho Gatia che era soprannominato “il re del bolero”. Si è spento oggi a 90 a Città del Messico, dove viveva da sempre. Era un cantante famosissimo in tutto il mondo soprattutto per aver interpretato famosi brani come ‘Bésame mucho’ e ‘Sinceridad’. Queste, famosissime canzoni sono poi diventate anche cover di tanti altri cantanti famosissimi nel mondo. Gatica aveva recentemente festeggiato 50 anni di carriera incidendo ben 90 dischi.

Le sue canzoni sono state anche “coverizzate” niente meno che dai Beatles con Paul McCartney, (Besame Mucho durante la famosa session alla Decca) e reinterpretata anche da Elvis Presley e Nat King Cole. E proprio Paul McCartney ha riconosciuto che le sonorità di ‘And I Love Her’ si ispirarono proprio alle musiche di Gatia, sopratutto nel riff di chitarra acustica iniziale. Anche la nostra Laura Pausini duettò con Gatica in ‘Un historia de un amor’ nel 2013 e anche Luis Miguel tenne un concerto omaggio dedicato a Gatica a Miami negli Stati Uniti.

MAMMA A 62 ANNI: PARTO RECORD IN ITALIA

Al San Giovanni di Roma una donna di 62 anni ha dato alla luce una bambina di 3 chili e 200 grammi. Entrambe stanno bene. La mamma è un’infermiera senza compagno che per averla si è sottoposta all’impianto dell’intero embrione a Tirana, in Albania. La bimba è nata con parto cesareo programmato e per l’epidurale è stata usata la tecnica in via di sperimentazione dell’eco-navigazione – spiegano dall’ospedale – ossia una sonda ecografica che indica all’ago la via per eseguire l’operazione. “Di nascite dopo i 60 anni sia in Italia che all’estero ce ne sono già state” commenta Marco Traversa il responsabile di anestesia ostetrica del San Giovanni. Si tratta di un caso, infatti, raro ma non unico:

due anni fa alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno un’altra 62 enne ha partorito un bimbo di tre chili e mezzo. E aggiunge: “Quello che raccontano i dati è che nel Lazio la popolazione ostetrica è sempre più anziana. Soprattutto dalla nostra esperienza viene fuori che nell’area metropolitana in media le donne partoriscono per la prima volta intorno ai 40 anni e anche oltre, e arrivano a fare il secondo figlio anche tra i 46 e i 50 anni”. In molte si affidano alla procreazione medicalmente assistita: “Nel Lazio la percentuale è del 20%” spiega Traversa.

Esiste una legge a riguardo, la 40/2004 che di fatto non prevede un limite di età fisso per chi intende avere un figlio in provetta. Il legislatore stabilisce infatti che possano accedere alla pratica “coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, entrambi viventi”. Molte Regioni italiane hanno stabilito dei limiti di accesso alla Pma nel sistema pubblico, in genere intorno ai 42-43, ma nel Lazio come nelle Marche e in Abruzzo, non sono previsti e spetta al medico decidere di accettare o meno la richiesta.

 

PRESERVATIVI GRATIS IN ITALIA: ECCO CHI POTRÀ USUFRUIRNE

Buone notizie per i ragazzi under 26 anni residenti in Toscana. Nella Regione italiana è infatti stata approvata una delibera in materia di educazione alla salute sessuale e riproduttiva e per l’accesso alla contraccezione, stabilendo che per gli under 26 i preservativi e ogni altra forma di contraccezione sia gratis. Ieri il governatore Enrico Ross ha postato l’annuncio sul suo profilo Facebook spiegando le novità della delibera approvata lunedì dalla Giunta regionale.

“Una decisione che abbiamo fortemente voluto e fondamentale per contrastare malattie sessualmente trasmissibili, evitare gravidanze indesiderate, ridurre il ricorso all’aborto” ha spiegato Rossi, ricordando che non sono solo i profilatici ad essere gratis ma anche altri metodi anticoncezionali come pillola, cerotto, anello, pillola del giorno dopo, spermicidi e spirale. Oltre agli under 26 la novità riguarderà anche altre categorie particolari come le donne fino a 45 anni che si trovano in difficoltà economiche, le donne sotto i 45 anni che decidono di utilizzare anticoncezionali durante una gravidanza o entro i 12 mesi dal parto, oppure dopo un’interruzione di gravidanza o entro i 24 mesi dall’intervento. “Ora lavoriamo per potenziare l’educazione sessuale nelle scuole, l’attività dei consultori e le campagne informative su una sessualità sana e consapevole. Con l’obiettivo di raggiungere tutti i giovani nei luoghi di vita e formazione. Per una Toscana dove la salute sessuale è al primo posto” ha aggiunto il Governatore. 

“Con gli intervention previsti da questa delibera vogliamo tutelare e promuovere la salute sessuale riproduttiva dei giovani e delle donne, prevenire le interruzioni di gravidanza e ridurre i tassi di abortività, prevenire le malattie sessualmente trasmesse e la diffusione dell’Hiv. E tutto questo non si riduce alla sola erogazione gratuita di contraccettivi, ma comprende il potenziamento dell’attività dei consultori, delle campagne informative, dell’educazione sessuale nelle scuole” ha ribadito l’assessora regionale al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi. La Toscana si affianca così ad Emilia Romagna, Puglia, Piemonte, e Lombardia nella lista delle regioni che distribuiscono anticoncezionali in maniera gratuita.

HO PERSO TUTTO: LE TRISTI PAROLE DI MILLY CARLUCCI DOPO IL GRAVE LUTTO

Non è certo un periodo tra i migliori per Milly Carlucci. La presentatrice del famoso programma Rai “Ballando con le stelle”, si è raccontata in una lunga intervista al settimanale ”Chi”, parlando anche dei lutti famigliari che l’hanno colpita recentemente.

“Nel giro di tre anni ho perso sia mamma sia papà. Mio padre è mancato da pochi giorni. Nonostante la razionalità della mente mi porti a pensare al naturale ciclo della vita, il cuore soffre davvero tanto. Come vuole che stia? Ho la grande fortuna di lavorare molto in questo periodo, altrimenti non so come avrei fatto.

Siamo in giro per l’Italia con Ballando on the road: la risposta del pubblico, mai come quest’anno, è davvero sorprendente e io non vedo l’ora di iniziare la 14esima edizione di Ballando con le stelle. Nonostante il dolore riesco ancora ad avere entusiasmo perché Ballando è un inno alla creatività. È un’onda inarrestabile che non si ferma mai e che tornerà, dal 9 marzo, in prima serata”.

SCUOLA, ADDIO AL CERTIFICATO MEDICO PER GIUSTIFICARE LE ASSENZE

Gli studenti di otto regioni italiane non avranno più l’obbligo di presentare certificato medico per giustificare la propria assenza, neanche dopo le assenze di 5 giorni.

Il Lazio risulta essere l’ultima regione ad aver aderito alla disposizione del ministero della Sanità. L’unico caso in cui il certificato medico sarà richiesto riguarda i casi di una profilassi prevista a livello nazionale e internazionale “per esigenze di sanità pubblica”. Questa rivoluzionaria disposizione del Ministro della Sanità era già diventata legge nel Nord in Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, esclusi Veneto e Valle d’Aosta. Molti non sono d’accordo con il Ministro e nelle ultime ore sono molti i commenti contrariati che arrivano Federazione italiana medici pediatri.

“NON SEI MIO FIGLIO”: FRANCESCO TOTTI RINNEGA IL FIGLIO IN DIRETTA TV

Non sei mio figlio…”, Francesco Totti, scherza durante l’ospitata da Fabio Fazio a Che tempo che fa. L’ex fuoriclasse della Roma ha parlato del figlio Christian stupendo tutti. Il giovane, durante l’ultima partita, si è accorto del portiere avversario in difficoltà e, invece di segnare, si è fermato in attesa dei soccorsi al suo rivale. Totti Jr ha commentato: “Per me era importante sapere che stesse bene, del gol non m’interessava”. Un gesto davvero di spessore morale per un 13enne, che si è già fatto notare in tutto il mondo. Ma il padre non è d’accordo.

Francesco Totti non avrebbe fatto la stessa cosa e lascia senza parole tutto lo studio del programma Rai dicendo:  “Gli ho detto: non sei mio figlio, io avrei segnato e poi sarei andato dal portiere Scherzo dai, ha fatto bene”. Ovviamente l’ex numero dieci ha parlato con ironia ma magari anche no: un cannibale di reti come lui, avrebbe forse seguito il suo più forte istinto, quello del gol.

TERREMOTO IN PUGLIA: LA SCOSSA IN MONTENEGRO

Forte scossa di terremoto poche ore fa. L’epicentro è stato registrato in Montenegro a pochi chilometri dal confine con l’Albania con una magnitudo di 5.0. Anche la Puglia ha tremato per la violenta scossa. Nella regione Italiana, la scossa è stata avvertita sopratutto nell’area tra le province di Bari e Brindisi, dove sono state molte le segnalazioni.

L’epicentro è avvenuto nel territorio di Dulcigno, noto comune all’estremo Sud del Montenegro vicino alla capitale Podgorica. Fortunatamente in Italia, non si registrano danni a cose o persone anche se la paura è stata tanta. 

23ENNE SI BUTTA DALLA FINESTRA PRIMA DELLA LAUREA: ERA TUTTO INVENTATO

Una tragedia assurda e inaspettata quella successa nelle Marche. Un giovane di soli 23 anni doveva discutere la sua tesi di laurea e arrivato il grande giorno, parenti e amici lo stavano aspettando sotto casa per andare tutti insieme all’università. Purtroppo era tutto una bugia. Patrick Ceccomarini di 23 anni residente nel Comune di Colli al Metauro, in provincia di Pesaro-Urbino, si è suicidato. Il giovane si è lanciato da una finestra dell’abitazione di famiglia dove viveva con i genitori ed è morto dopo una caduta nel vuoto da diversi metri

 “La persona più gentile e tranquilla” queste le parole di un suo conoscente “Davvero un ragazzo speciale e dolcissimo, riposa in pace”, ” Un bravissimo ragazzo e molto educato” scrivono altri su Facebook. Secondo le prime indagini, il gesto di Patrick sarebbe stato premeditato e volontario, in quanto gli inquirenti hanno trovato nella casa del giovane alcuni biglietti che aveva lasciato per i famigliari. Sono state inoltre trovare indicazioni per trovare una chiavetta Usb dove il ragazzo aveva trasferito un video di addio. Probabilmente il 23enne non ha retto al peso della bugia della tesi di laurea preparata. Amava molto i suoi genitori e non voleva deluderli.

LUTTO NELLA POLIZIA: SI È SUICIDATA A SOLI 36 ANNI

La poliziotta francese Maggy Biskupski, diventata il simbolo della lotta contro l’odio per la divisa e che si batteva per evitare i suicidi tra i colleghi, si è tolta la vita a trentasei anni. La donna si è suicidata in casa con l’arma di servizio, alla vigilia dell’anniversario degli attentati che il 13 novembre sconvolsero Parigi. Maggy Biskupski era diventata il simbolo dell’associazione dei “poliziotti in lotta”, nata nel 2016 dopo l’ennesimo agguato a una pattuglia di agenti con le bottiglie molotov, nella banlieue di Parigi. Maggy era diventata molto popolare anche sui media – spesso andava in tv proprio per denunciare l’odio e l’intolleranza nei confronti di chi faceva il suo stesso lavoro – recentemente la poliziotta era finita nel mirino di un’inchiesta interna per aver divulgato notizie riservate attraverso una delle sue denunce. La donna aveva denunciato di sentirsi pressata dalle indagini gerarchiche.

È stata aperta un’indagine per chiarire l’esatta dinamica della morte. La notizia del suicidio di Maggy Biskupski ha scosso il Paese tante le manifestazioni di cordoglio giunte dal mondo politico. “Non si poteva non essere d’accordo con lei – così si è espresso il ministro dell’Interno, Christophe Castanere, manifestando profonda tristezza – per lei esisteva soltanto l’ideale di difendere i poliziotti, il loro onore, i mezzi per lavorare”. “È il simbolo di una polizia che non ce la fa più – ha commentato invece il capo dei Republicains, Laurent Wauquiez – lei tutelava quelli che ci proteggono, noi non siamo riusciti a proteggere lei”. Marine Le Pen ha parlato di questo suicidio come del “terribile simbolo della sofferenza dei poliziotti che lei denunciava instancabilmente”. In Francia nel 2017 sono 51 i poliziotti che si sono tolti la vita, nel 2018 al momento sono 30.

INCIDENTE A SONCINO: MAMMA MUORE SUL COLPO

Incidente mortale a Soncino. Una donna di nome Joselita Gaiardi era quasi arrivata a casa ma nell’ultima curva prima di raggiungere la sua abitazione è avvenuto il fatale incidente. Forse è stata una distrazione, forse la stanchezza. La sua auto una BMW serie 3 è uscita di strada improvvisamente.

La donna viveva da sola, in un’abitazione vicino ai suoi genitori e aveva due figli, maggiorenni. Un testimone ha visto l’incidente e ha chiamato immediatamente i soccorsi. Joselita stava viaggiando verso Soncino quando è arrivata in prossimità della curva la sua auto non ha sterzato. La BMW è finita nel campo fino e quando la donna ha provato a rientrare in strada, l’autovettura si è impennata ribaltandosi poi diverse volte  sull’asfalto. La donna è stata sbalzata dal posto di guida fuori dall’auto ed è finita violentemente sull’asfalto. Sul posto sono arrivati subito i soccorsi ma per la donna non c’è stato niente da fare.

INCIDENTE MORTALE IN CALABRIA: MORTI DUE GIOVANI

Ancora sangue sulla strade italiane. Un terribile incidente è avvenuto poche ore e purtroppo ha causato la morte di fa tre ragazzi. L’incidente è avvenuto sulla strada provinciale che collega Sersale a Cropani e le persone decedute sono Carmine Sinatore, 31 anni, e Tommaso Iaquinta, 24, che entrambi vivevano a Cropani. Ferita una ragazza che si trovava a bordo dell’autovettura, B.L., 30 anni che si è fortunatamente salvata. I ragazzi viaggiavano a bordo di una Nissan Micra che si è scontrata contro i gabbioni di sostegno laterali alla strada, mentre stavano percorrendo una curva.

Il conducente dell’auto è stato sbalzato fuori dall’abitacolo, mentre l’altro ragazzo morto è stato estratto dalle lamiere dell’auto. I ragazzi stavano tornando da una festa di compleanno che si era svolta a Sersale.

IMPRENDITRICE MUORE SCHIACCIATA DA UN MULETTO: AVEVA 48 ANNI

Tragedia sul lavoro in un’azienda del Foggiano. Un’imprenditrice è morta co dopo essere rimasta schiacciata da un muletto guidato da un suo dipendente. La vittima è la 48enne Rita De Vellis e il dramma si è avvenuto nel pomeriggio di lunedì in un terreno nelle campagne di Torremaggiore. Secondo una prima ricostruzione della tragedia, la donna stava dirigendo delle operazioni di carico e scarico di alcune balle di fieno e paglia quando è stata travolta dal muletto guidato da un uomo che stava effettuando una manovra in retromarcia.

Per lei inutili gli immediati soccorsi da parte dei presenti e poi del 118 arrivato che è arrivato sul posto con un’ambulanza. Nonostante ciò i sanitari, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della 48enne. Sul caso stanno indagando i carabinieri che, su ordine della procura di Foggia, hanno messo sotto sequestro sia l’intera area dove si è verificato l’incidente.

CAMILLA FERRANTI E CHRISTOPHER LAMBER SI SPOSANO: HANNO 31 ANNI DI DIFFERENZA

Christopher Lambert è pronto a sposare la sua Camilla Ferranti, hanno 31 anni di differenza. Lambert, dopo due matrimoni andati male, sarebbe pronto a dire nuovamente “si”. Il divo di Hollywood che oggi ha 61 anni sembra abbia chiesto la mano della sua compagna 39enne, l’attrice Camilla Ferranti, ex tronista di Uomini e Donne. Un amore nato sul set della nuova fiction di Barbara D’Urso, “La Dottoressa Giò”.

Secondo le voci di gossip, gli attori stanno insieme dalla scorsa estate, hanno avuto un vero e proprio colpo di fulmine; Lambert, dopo pochi mesi di storia, avrebbe già chiesto a Camilla di convolare a nozze. Una dichiarazione fatta a New York con anello di fidanzamento annesso.

EMMA MARRONE: “IL TUMORE MI HA COLPITO ALLE OVIE”

Emma Marrone ha raccontato come la malattia le ha cambiato la vita, lasciando tutti senza parole. Probabilmente per questo quando canta riesce a trasmettere le sue emozioni coinvolgendo maggiormente chi l’ascolta.

E’ una cantante molto amata Emma, che ha regalato successi internazionali. Come lei stessa racconta in un’intervista al Corriere non ha avuto una vita facile.  A gennaio di quest’anno è uscito il nuovo album di Emma Marrone, la cantante di Amici più amata degli ultimi anni “Essere qui”: l’album è stato rilanciato in questi giorni con grandi novità per i tantissimi fan : l’album “Essere qui” contiene quattro nuove canzoni e una versione deluxe, una sorta di rivista: dice ridendo Emma ai microfoni del Corriere della Sera. Una rivista di circa 70 pagine in cui l’artista ripercorre le tappe della sua vita e della sua carriera con otto racconti e foto inedite. Un magazine che contiene anche uno scatto della cicatrice lasciata dal doppio intervento per un tumore alle ovaie: “E’ una ferita che mi ha fatto meno male, la cicatrice indica che è il male è stato tolto. Il male che resta dentro, ad esempio, è quello che viene dalle parole scagliate con irruenza”. 

Si riferisce agli haters Emma e nell’intervista al Corriere della Sera, l’ex concorrente di “Amici di Maria De Filippi” risponde alle critiche fatte al suo album “Essere qui”:

«Un disco può subire scossoni. “Essere qui” non è paraculo, anzi. Musicalmente è il più ricco della mia carriera: mi sono avvicinata ad autori come Diego Mancino e Dario Faini cui ora si sono aggiunti Colapesce, Canova e Serpenti. Non gli è stato lasciato il tempo di esprimersi: subito si è gridato al flop. Con altri artisti non si è gridato alla tragedia sebbene i risultati siano simili».

BAMBINO CARDIOPATICO ABBANDONATO DALLA MADRE: I MEDICI E GLI INFERMIERI LO ADOTTANO

Una storia che tocca il cuore quella di questo bambino cardiopatico di soli 48 giorni. Eppure la sua vita è già stata segnata. La scorsa settimana il piccolo, affetto da una malattia metabolica congenita, è stato abbandonato dalla mamma nell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari e affidato ai servizi sociali. Il bambino, nato a Taranto il 24 settembre, dopo soli cinque giorni è stato trasferito a Bari, prima nel reparto di terapia intensiva neonatale e successivamente, in quello di malattie metaboliche, dopo la diagnosi di leucinosi. La madre è una giovane romena residente a Taranto che per alcune settimane, fino a giovedì scorso, gli è stata accanto con modi amorevoli che non hanno destato alcun sospetto in nessuno dei sanitari che si stanno prendendo cura del piccolo paziente. Poi all’improvviso la fuga della madre e il bambino cardiopatico che da allora non è stato lasciato solo un istante.

Medici e infermieri hanno volontariamente organizzato tre turni da otto ore ciascuno per stargli accanto e monitorarlo costantemente. Mentre sui social è già iniziata, immancabile, anche la gara di solidarietà di chi si dice pronto ad adottare il bimbo, affetto da patologie serie ma gestibili se ben curate e monitorate. La malattia delle urine a sciroppo d’acero (MSUD) o leucinosi è infatti un raro disturbo genetico che riguarda il metabolismo della leucina (LEU), isoleucina (ILE) e valina (VAL). L’accumulo di questi aminoacidi ramificati nei pazienti non trattati esita in un danno neurologico irreversibile e in morte. Lo scopo della gestione alimentare è di prevenire l’accumulo di questi aminoacidi ramificati attraverso una dieta a basso tenore proteico. Il fabbisogno proteico viene raggiunto  integrando la dieta con una miscela di aminoacidi priva di leucina, isoleucina e valina ed una piccola quantità di proteine naturali per fornire i necessari fabbisogni di leucina, isoleucina e valina.

L’assunzione di proteine naturali viene determinato in base ai fabbisogni di leucina e potrebbe essere necessaria un’integrazione anche di isoleucina e valina. Mentre la gestione alimentare è la chiave del trattamento della MSUD, esistono anche varianti più leggere della malattia che reagiscono positivamente alle vitamine (tiamina). Sono necessari regimi di emergenza in periodi di scompenso e di catabolismo. Speriamo che, per il piccolo bambino cardiopatico, sia l’inizio di una nuova meravigliosa vita. In attesa che qualcuno si prenda per sempre cura di lui.

PAPA FRANCESCO POTREBBE DIMETTERSI: L’INDISCREZIONE BOMBA

Il sito Dagospia lancia una bomba mediatica su Papa Bergoglio da qualche settimana a questa parte corre voce che Papa Francesco I starebbe valutando di lasciare il pontificato. È Roberto D’Agostino tramite il noto portale web  ‘Dagospia’, a diffondere la notizia. Il sito,ha pubblicato un dettagliato report che il giornale ‘Libero’ ha ripreso.

Papa Francesco pronto a lasciare il pontificato? Dagospia ha scelto il seguente titolo per annunciare la clamorosa notizia: “Oltretevere tira già aria di preconclave”. A rafforzare i sospetti  su queste probabili dimissioni di Papa Francesco ci sarebbero le recenti dichiarazioni fatte dal Cardinale Camillo Ruini rilasciate al ‘Corriere della Sera’. Quest’ultimo

ha escluso che possa esserci stato un complotto per mano dei Cardinali tradizionalisti volto a compromettere il pontificato di Bergoglio. Ma quali  potrebbero essere le ragioni che spingono l’attuale Papa a prendere questa decisione? Una su tutti le incomprensioni che si sono verificate nell’ultimo sinodo. Nel caso in cui le voci sulle dimissioni di Papa Francesco I fossero fondate ci si interroga sul probabile successore. Sembra che negli ambienti del Vaticano, qualcuno si stia già portando avanti col lavoro. Nello specifico sarebbe già in corso una specie di toto-Pontefice che vedrebbe come prima scelta, proprio l’Arcivescovo di Milano, Angelo Scola, il mentore del Cardinale Quellet. 

SCHUMACHER, LA MOGLIE ROMPE IL SILENZIO: ECCO LE CONDIZIONI DI MICHEAL

Pochissimi tra gli amici fidati possono realmente sapere quali sono le condizioni di Micheal Schumacher. Per ora nessuna novità novità, se non attraverso comunicati sempre più rari, ma poche ore fa, sarebbe stata la moglie a rompere il silenzio con una lettera inviata al musicista tedesco Sascha Hercenbach dopo che lui stesso aveva composto un inno dedicato a Schumacher intitolato “Born to Fight” e inviato il cd a casa del campione.

“Vorrei ringraziarvi sinceramente per il vostro messaggio e per il bel regalo che ci aiuterà in questo difficile momento. È bello ricevere così tanti regali, è un grande sostegno per la nostra famiglia. Michael è un combattente e non si arrende”.

PAPÀ SCIVOLA DALLE SCALE CON IL FIGLIO NEONATO IN BRACCIO: MARTINO MUORE A 2 MESI

Oggi Martino avrebbe compiuto due mesi di vita, se fosse riuscito a sopravvivere a quel banale incidente domestico avvenuto sabato mattina nella casa in cui viveva con i genitori e il fratellino a Paderno di Ponzano, in provincia di Treviso. Il padre Diego – maresciallo della Guardia di Finanza – è accidentalmente caduto dalle scale mentre aveva il piccolino in braccio: Martino è finito contro lo stipite di una porta riportando un trauma violentissimo, per cui non hanno potuto fare nulla i medici del Ca’ Foncello di Treviso prima e quelli dell’ospedale di Padova poi, dov’è stato trasferito per tentare l’impossibile. Il neonato è morto sabato sera, alla vigilia del suo onomastico.

Papà Diego e mamma Sara stavano preparando un weekend a casa, dove avrebbero accolto amici e parenti che sarebbero andati a fare visita al nuovo arrivato Martino e al fratellino di 4 anni. L’uomo stava scendendo le scale di casa con in braccio proprio il figlioletto: indossava un paio di ciabatte e proprio a causa di esse, arrivato all’ultimo gradino, è scivolato improvvisamente. Diego ha invano cercato di proteggere Martino, ma non è riuscito in nessun modo a evitare che urtasse violentemente contro lo stipite della porta. I genitori del bambino hanno chiamato immediatamente il 118: medici e infermieri del Ca’ Foncello di Treviso si sono subito accorti della gravità del trauma.

Dopo averlo medicato lo hanno trasferito al pronto soccorso con la massima urgenza. Per il piccolo non sembrava esserci alcuna speranza, ma i dottori hanno voluto provare un ultimo disperato tentativo, trasportando il piccolo in elicottero a Padova, nel centro specializzato nella neurochirurgia neonatale. I traumi riportati dal bambino si sono però rivelati troppo gravi e in serata il piccolino è morto.

CARMELO ZAPPULLA È IN GRAVI CONDIZIONI: HA AVUTO UN INFARTO

Paura e preoccupazione per Carmelo Zappulla, che domenica 11 novembre 2018, è stato ricoverato d’urgenza in gravi condizioni alla clinica ‘Pineta Grande’ di Castel Volturno, Napoli. Il cantante e attore neomelodico noto interprete di sceneggiate e film della tradizione napoletana è arrivato in ospedale quasi privo di conoscenza e con valori pressori altissimi e, stando a quanto riportano i quotidiani locali, sarebbe ancora in pericolo di vita. Il cantante siciliano d’origine ma napoletano d’adozione, è stato sottoposto ad una Tac e poi tenuto sotto stretta osservazione in terapia intensiva fino a lunedì pomeriggio, quando gli è stata fatta una seconda Tac che ha evidenziato la necessità di un intervento chirurgico d’urgenza: “Se non lo operiamo, muore: queste le parole dei medici”, ai parenti di Zappulla. 

“I medici hanno fatto riferimento ad un infarto – hanno proseguito i familiari – ma le cause sono incerte, come incerte sono le modalità e l’esito dell’operazione”. Zappulla era già stato ricoverato d’urgenza al secondo policlinico di Napoli, nel  giugno 2008, per un attacco di cuore e ora c’è grande preoccupazione per la sua salute. Nato il 7 novembre 1955 a Siracusa, Zappulla ha iniziato a cantare da bambino. Il primo successo arriva nel 1979 con ‘Pover’ammore’, brano dedicato alla moglie scomparsa.  Il brano, firmato da Nino D’Angelo, fu interpretato per la prima volta dal cantante di successo Mario Trevi, ma 3 mesi dopo viene inciso da Zappulla, che vende un milione e mezzo di copie. Nei primi anni Ottanta il brano, con una sceneggiata omonima, passa dal teatro al cinema e arriva così anche il debutto cinematografico per Zappulla. Nel 1998 partecipa e vince il primo premio della categoria Big al Festival di Napoli su Rete 4 con il brano ‘Sempe’ e nel 2005 festeggia i 25 anni di carriera al Palapartenope di Napoli con il concerto Carmelo Zappulla live, presentato da Gigi Sabani.

Con la collaborazione di Gianni Fiorellino nel 2015 pubblica l’album Mia, e nello stesso anno,17 anni dopo aver scritto il libro autobiografico Quel ragazzo della Giudecca, inizia a girare il film Il ragazzo della Giudecca, con la regia di Alfonso Bergamo, con Tony Sperandeo, Franco Nero e Giancarlo Giannini. Un film attraverso cui decide di raccontare la sua esperienza durante gli anni della latitanza. Succedeva negli anni Novanta, quando Zappulla finì al centro di una vicenda giudiziaria in cui fu incolpato di essere il mandante dell’omicidio dell’amante della madre. Dopo 3 anni da latitante, fu assolto nel 1996.

METEO NESSUNA TREGUA: ECCO COSA ACCADRÀ NEL WEEKEND

Il tempo mite derivato dall’alta pressione di origine africana permarrà sull’Italia anche nei prossimi giorni dopo una lunga fase interessata dal maltempo, che ha ingrossato il fiume Po al punto che è scattata  l’allerta arancione della Protezione Civile su alcuni settori del Veneto per il passaggio della piena. Come spiega Meteo.it, in provincia di Rovigo la terza ondata si è verificata nella notte tra sabato e domenica e il livello del fiume continua ad essere costantemente monitorato. Nel frattempo a Genova si contano i danni provocati dal maltempo nello scorso weekend. Le piogge abbondanti e continue hanno infatti originato numerose piccole frane e smottamenti. 

In Val Varenna, sulle alture del capoluogo, la frazione di San Carlo di Cese, abitata da  300 persone, è rimasta parzialmente isolata a causa del cedimento della strada carrabile che la collega alla città. Continuano le ricerche di  un uomo disperso che potrebbe essere stato travolto dalle acque del torrente Varenna. Per i prossimi giorni, almeno fino a giovedì è previsto un clima eccezionalmente mite per la stagione; le temperature previste sono in netta crescita, con valori al di sopra della norma anche di 5/6 gradi.

Queste condizioni di stabilità previste, tuttavia, favoriranno la comparsa di nebbie localmente anche fitte, e di strati di nubi compatte su pianure e valli del Centro-Nord. Questo scenario lascerebbe il nostro Paese venerdì quando sarà esposto a più fredde correnti orientali provenienti dai Balcani, con un conseguente sensibile calo delle temperature a partire dalle regioni adriatiche e un aumento dell’instabilità al Sud.

ARBITRO PICCHIATO A ROMA DA 2 TIFOSI: RICOVERATO DOPO AVER SBATTUTO LA TESTA

Ancora violenza nel mondo del calcio; alcuni tifosi della Roma, hanno picchiato arbitro: Gravina indignato, l’AIA si ribella e sciopera. La terribile aggressione a San Basilio, dove un arbitro di 24 anni è stato assaltato da alcuni tifosi ed è finito in ospedale. “Prenderò provvedimenti, Queste persone non possono far parte del nostro mondo”, ha dichiarato il nuovo presidente della Figc. 

Il giovane arbitro aveva diretto una partita molto combattuta fino la fina, vinta in rimonta dagli ospiti dopo che erano stati espulsi due giocatori della Virtus. Riccardo Bernardini è stato poi preso a schiaffi e pugni ed è successivamente stato trasportato in ospedale dopo aver sbattuto la testa violentemente. I medici hanno ricoverato il ragazzo con una prognosi di 10 giorni.

EMORRAGIA CEREBRALE: MORTA EMANUELA PREVITALIA A SOLI 34 ANNI

Manuela Previtali, si era sentita male mentre era al lavoro. Era direttrice dell’ufficio postale di Ranzanico, sul lago di Endine, in Val Cavallina e aveva solo 34 anni. Manuela aveva accusato un mal di testa forte ed improvviso e poco dopo aveva perso conoscenza. Due persone presenti al momento del malore sono subito intervenute praticandole un massaggio cardiaco, ma purtroppo non è servito a nulla.

Purtroppo nonostante la corsa al Papa Giovanni di Bergamo non si è mai ripresa dal coma e ieri ed è morta per emorragia cerebrale. I familiari hanno acconsentito al prelievo degli organi. Madre di due bimbi piccoli. Abitava a Piangaiano di Endine, Manuela. Lascia il marito Nicola Ziboni e i loro bambini, Anna di un anno e mezzo e Alessio di quattro.

CLAMOROSA SVOLTA SU ROBERTA RAGUSA: “IL SUO CORPO POTREBBE TROVARSI QUÌ”

In tutti questi anni le ricerche di Roberta Ragusa non si sono mai fermate e si sono fatte moltissime ipotesi riguardo a dove potrebbe essere il corpo della donna. Su questo ormai famoso caso di cronaca nera, si è parlato ieri a Pomeriggio Cinque, condotto da Barbara D’Urso. Sembra che in questi giorni è stata fatta una nuova segnalazione a dir poco clamorosa. E’ stato detto che nel cimitero, poteva esserci la presenza di un corpo oppure di un oggetto che poteva appartenere a Roberta Ragusa.

Il corpo di Roberto Ragusa si trova veramente nel cimitero di Pisa? Barbara D’Urso ha mandato in onda un filmato in cui ricostruiva tutta la storia della scomparsa di Roberta Ragusa. L’inviata si è poi avvicinata sul triangolo dove è stato detto di cercare e alcuni uomini del luogo (volontari) hanno poi iniziato a scavare. La segnalazione porterà finalmente a una svolta?

TERREMOTO IN PIEMONTE: MAGNITUDO 2.4

Ancora terremoto in Italia; un sisma di magnitudo ML 2.4 è avvenuto a Monterosso Grana, ed è stato registrato alle 12:15:43 ad una profondità di 11 km.

Il terremoto è stato avvertito in altri comuni della zona. Ecco la lista dei paesi in un raggio di 10 chilometri dall’epicentro: Pradleves, Demonte, Castelmagno, Valgrana, Valloriate, Aisone, Montemale di Cuneo, Rittana, Moiola e Gaiola. Nessun danno a persone o cose, anche se la scossa è stata avvertita in diversi punti e paesi del Piemonte.

IVA ZANICCHI SPIETATA BOSS: TORNA L’ESPETTORE COLINDRO

Da mercoledì sera su Rai Due torna la nuova stagione de L’Ispettore Coliandro, la serie con Gianpaolo Morelli. Quest’anno attori di grande spessore arricchiscono il cast, tra questi Claudia Gerini e addirittura Iva Zanicchi.  Vedremo l’aquila di Ligonchio protagonista nella terza puntata dove interpreterà un personaggio di mafia molto cattivo. Iva Zanicchi, in una lunga intervista al Corriere della Sera, ha dichiarato di essere assolutamente entusiasta dell’esperienza fatta sul set de L’Ispettore Coliandro. E ha fornito alcune anticipazioni delle terribili azioni compiute dal suo personaggio come l’uccisione di una persona con un fucile a pompa e un omicidio con la frusta. L’artista ha affermato che non è stato semplice vestire i panni della mafiosa e soprattutto prendere confidenza con le armi.

“Quando ho sparato la prima volta sembrava una bomba, mi è preso un colpo… Il maestro di frusta invece mi ha insegnato con un colpo ad avvolgere il laccio intorno al collo di una persona, avevo paura di ammazzarlo davvero”,  ha dichiarato la Zanicchi che durante una scena della fiction è stata anche presa a botte da Gianpaolo Morelli. Nel corso dell’intervista rilasciata al Corriere della Sera, l’artista ha confessato che, a differenza del personaggio nella fiction di Rai Due, lei è una donna molto calma, per nulla cattiva, e incapace di portare rancore alle persone che le fanno del male. Chiede subito perdono e piange spesso.

LE ULTIME PAROLE DI CHARLIE 5 ANNI, PRIMA DI MORIRE: “MI DISPIACE MAMMA”

Nella notte di sabato Charlie Proctor, 5 anni, se ne è andato dopo un brutto male. I suoi genitori hanno fatto tutto il possibile per salvarlo, arrivando a raccogliere una somma di oltre 400mila euro per una complicata operazione negli USA. Purtroppo non c’è l’hanno fatta. Charlie, ha dovuto sottoporsi ad un trapianto di fegato dopo che nel 2016 gli è stato diagnosticato un tumore raro. I genitori Amber Schofield e Ben Proctor hanno lanciato un appello per raccogliere £ 855.580 per far operare il figlio negli Stati Uniti, ma la cifra raggiunta è stata meno della metà. Le ultime parole del piccolino alla mamma sono state davvero struggenti. Nella notte di sabato Amber,

originaria di Accrington, nel Lancashire, ha pubblicato una foto di Charlie con le ali d’angelo e poco prima aveva pubblicato un’ultima struggente immagine di suo figlio, in cui riporta le ultime parole pronunciate dal piccolo: “Mamma mi dispiace per questo”.

“Ieri sera alle 23:14 il mio migliore amico, il mio mondo, Charlie, ha esalato il suo ultimo respiro. Si è addormentato pacificamente coccolato tra le mie braccia e quelle del suo papà. I nostri cuori sono doloranti. Il mondo

 ha perso un bimbo incredibile” ha scritto Amber. “Charlie, mi hai dato la possibilità di essere mamma. Sei stato, non solo la nostra più grande ispirazione, fonte d’ispirazione per migliaia di persone in tutto il mondo. Mi hai mostrato cosa significa

veramente l’amore. Ora è tempo di andare, sono così orgogliosa di te. Hai combattuto così tanto. Mi mancherai per sempre, baby bum. Sogni d’oro, piccolo mio” ha scritto ancora la donna.

VASCO ROSSI DA RECORD: 6 DATE DI FILA A SAN SIRO NEL 2019

Il successo di Vasco Rossi è davvero inarrestabile, e dopo i 225mila biglietti pagati al  Modena Park sono stati annunciati sei concerti a San Siro nel giro di 12 giorni. Una cosa davvero eccezionale.

I biglietti stanno andando davvero a ruba; al momento le vendite sono chiuse online per la data del 1° giugno, mentre per le altre date si trovano biglietti solo per alcuni settori. I settori gold e prato normale per ora, non risultano essere in vendita. Il rischio è che per così tanti biglietti disponibili, viste le sei date, si sfoci nel solito bagarinaggio online dove i biglietti raggiungeranno prezzi esorbitanti e molti fan pur di accaparrarsene qualcuno supportino indirettamente il “mercato nero” dei biglietti

UCCISE LA FIGLIA DI 12 ANNI MENTRE DORMIVA: ERGASTOLO PER ROBERTO RUSSO

Uccise la figlia 12enne mentre dormiva, confermato l’ergastolo per Roberto Russo. Roberto Russo nel 2014 uccise nel sonno la figlia 12enne Laura, ferendo gravemente anche la sorellina maggiore. L’uomo è stato condannato poco fa all’ergastolo dai giudici della Corte d’Appello di Catania che ha confermato la sentenza di primo grado. L’ergastolo è arrivato poichè secondo i giudici Russo intendeva uccidere i figli e poi uccidersi, per punire la sua moglie Giovanna.

Il verdetto è stato emesso dalla Corte d’Assise d’Appello di Catania alla presenza di Russo – che ha chiesto espressamente di non riprendere la lettura della sentenza – e della madre della vittime, l’ex moglie Giovanna Zizzo. La tragedia avvenne a San Giovanni la Punta, il 21 agosto 2014. Roberto Russo prima aggredì la figlia Laura, 12 anni, che dormiva nel suo letto per poi scagliarsi sulla 14enne Marika, che avendo fortunatamente sentito le urla riuscì a difendersi dalla furia del padre, soprattutto grazie all’aiuto dei due fratelli maggiori che lo bloccarono prima che riuscisse a uccidersi con il coltello.

ATTRAVERSA LA STRADA: STRASCINATO PER 50 METRI. MORTO 27ENNE

A Marghera, nel Veneziano, domenica pomeriggio è morto un ragazzo di ventisette anni. Il giovane Alvise Donà era un informatico residente a Cannaregio. Secondo la ricostruzione dei quotidiani locali, domenica pomeriggio intorno alle 19 il giovane stava attraversando la strada in via Colombara, a Marghera, per andare a prendere l’autobus e tornare a casa. Si tratta di una zona priva di strisce pedonali e poco illuminata: probabilmente il conducente dell’auto che lo ha travolto non lo ha proprio visto. Alvise è stato investito in pieno da una Mercedes ed è stato sbalzato dalla macchina per alcune decine di metri.

 Il ventisettenne è morto sul colpo.  L’impatto è stato terribile e per il giovane non c’è stato purtroppo nulla da fare: inutile anche l’intervento dei soccorritori. Subito dopo l’incidente l’investitore si è fermato in stato di shock. Secondo la ricostruzione de La Nuova Venezia, il papà della vittima avvisato dalla polizia municipale, una volta giunto sul luogo dell’incidente avrebbe avuto un malore e sarebbe stato riaccompagnato subito a Venezia. Probabilmente il ragazzo ieri sera  era appena uscito da un centro commerciale ed era intenzionato a prendere un autobus per tornare a casa quando, all’incrocio fra via Fratelli Bandiera e via Colombara, è stato investito. Alvise viveva con i genitori a Cannaregio e lavorava come informatico all’Interlogica di via Miranese, a Mestre. Viene descritto come un giovane che conduceva una vita molto riservata.

LUTTO SHOCK IN TV: È MORTA A SOLI 40 ANNI

È morta a soli 40 anni, a causa di un brutto male che l’ha colpita improvvisamente. Si tratta  dell’attrice Shirley Hellyar famosa per aver lavorato in televisione e per aver partecipato a varie produzioni targate Netflix. La sua morte, ha generato una grande tristezza, ma ciò che più sconvolge è il gesto che ha compiuto prima di morire. La donna, sapendo che sarebbe morta di cancro, ha raccolto 7mila sterline su Go Found Me per aiutare i genitori a sostenere le spese del suo funerale. Non voleva che la sua morte gravasse sul loro conto in banca:  già per loro sarebbe stato difficile gestire lo choc per la sua perdita. Voleva quindi evitargli di trovarsi in un momento così triste a dover affrontare un ulteriore problema a livello economico. Un gesto che non è certo passato inosservato. Ma vediamo come è iniziato il tutto. Il mese scorso Shirley Hellyar era in vacanza a Newcastle per festeggiare il suo quarantesimo compleanno.

Dopo il festeggiamento non si è sentita bene e ha rimandato la partenza, successivamente, in seguito ad una visita medica ha scoperto che era malata terminale e che le restava pochissimo da vivere. Per l’attrice ovviamente è stato un forte choc. Shirley avrebbe tanto voluto assistere all’uscita del suo ultimo lavoro televisivo e ha chiesto a parenti e amici di aiutarla economicamente per le esequie.

“I miei genitori hanno perso già un figlio, non voglio che paghino un altro funerale”, ha spiegato la ragazza poco prima di chiudere gli occhi per sempre. Perché i genitori di Shirley hanno sfortunatamente già perso un figlio, suo fratello. Per questo l’attrice voleva ricongiungersi con la famiglia perché impossibilitata a tornare a casa. Ecco il suo messaggio: 

“Ora sono a cura in un ospedale palliativo a Newcastle, ho amici meravigliosi a Newcastle che mi amano e sostengono, ma ho bisogno della mia famiglia qui. Vengo dalla Scozia e sono stata informata che non sto bene per viaggiare, quindi passerò il mio prezioso tempo qui a Newcastle fino alla morte”, si legge sulla sua pagina Go Fund Me. Shirley è morta nel sonno mercoledì 7 novembre. L’avviso è apparso sulla pagina insieme alla cifra raccolta e donata in suo onore.

NADIA TOFFA COLPITA ALLE SPALLE IN DIRETTA: SCATTA LA DENUNCIATA

In questa nuova truffa sono stati coinvolti diversi personaggi del mondo dello spettacolo: Ignazio Moser e la fidanzata Cecilia Rodríguez, la showgirl Francesca Cipriani, l’attore Marco Bocci, Valentina Vignali e altri ancora. Nel servizio trasmesso domenica sera molti dei personaggi famosi hanno chiesto scusa ai fan per queste. Nella puntata di  ieri sera è stato trasmesso un servizio che coinvolge i personaggi del mondo dello spettacolo, testimonial a loro insaputa di prodotti.

Tra questi malcapitati c’è anche Nadia Toffa che è stata vittima di una truffa. In passato Nadia è apparsa sui social come testimonial di Choco Lite: un prodotto che promette di dimagrire 30kg in solo 4 settimane. Inoltre, erano stati realizzati alcuni video contenenti alcune dichiarazioni della conduttrice che invitava ad acquistare il prodotto in questione. Il problema è che la Iena, non aveva dato il consenso per essere testimonial di Choco Lite e tanto meno non ha mai acquistato prodotti di questa marca.

In questa nuova truffa sono stati coinvolti diversi personaggi del mondo dello spettacolo: Ignazio Moser e la fidanzata Cecilia Rodríguez, la showgirl Francesca Cipriani, l’attore Marco Bocci, Valentina Vignali e altri ancora. Nel servizio trasmesso domenica sera molti dei personaggi famosi hanno chiesto scusa ai fan per queste pubblicità ingannevoli il cui scopo principale è quello di raggirare le persone  spingendole ad acquistare prodotti a prezzi scontatissimi e che poi difficilmente vengono recapitati ai destinatari, perché distribuiti con un ingannevole metodo piramidale.

Molti dei personaggi famosi hanno dichiarato di non essere stati a conoscenza del raggiro commerciale. È una ‘truffa’ diffusa negli ultimi anni che continua ancora oggi a raggirare molte persone, con la promessa di acquistare oggetti molto cari a solo un terzo del loro reale valore.

DRAMMATICO INCIDENTE STRADALE: MORTI SUL COLPO DUE UOMINI NEL VERCELLESE

Due uomini morti e una donna ferita gravemente, è il bilancio dell’ennesimo terribile incidente automobilistico avvenuto poche ore fa. Lo schianto si è verificato sulla strada provinciale 594 nel territorio tra i piccoli comuni di Oldenico e Albano Vercellese. Le due vetture coinvolte, che viaggiavo in direzione di marcia opposta, si sono scontrate in un impatto frontale davvero devastante.

Per le due vittime non c’è stato nulla da fare e sono morte sul colpo. I due uomini sono stati soccorsi dai vigili del fuoco e dal personale del 118 giunto sul posto con un’ambulanza ma non c’era più niente da fare. Quando i pompieri li hanno tirati fuori dalle lamiere contorte delle auto, erano già morti e i medici hanno solo potuto costatarne il decesso.

LA CALIFORNIA IN GINOCCHIO PER GLI INCENDI: 25 MORTI E 110 DISPERSI

La California è in ginocchio per gli incendi degli ultimi giorni. Le terribili fiamme non danno tregua ai soccorritori che continuano a trovare nuove vittime; il bilancio delle vittime è salito ora a 25, e si è appreso che l’incendio risulta essere non solo il peggiore della storia del Golden State ma anche il più mortale dal 1991 e il terzo di tutta la storia.

4096542_california.jpg

Purtroppo sembra che al peggio non ci sia fine: sono ancora 110 i dispersi che si spera si siano rifugiati da qualche parte, anche se le speranze svaniscono più passano le ore. Intanto alcune star di Hollywood tra cui Lady Gaga a Orlando Bloom raccontano sui social la fuga dalle loro ville di Malibu circondate dal fuoco.

4100692_2310_california_ultime_notizie.jpg

F1 GP BRASILE: SPINTONI TRA VERSTAPPEN E OCON NEL POST GARA

Scintille durante il GP di Interlagos dove Max Verstappen è andato su tutte le furie per la manovra assurda di Esteban Ocon. Il pilota della Red Bull (a fine gara è andato a testa bassa verso Ocon, spingendolo più volte e dicendogli anche parole durissime). Durante la gara Verstappen era in testa e poteva vincere la gara, quando inspiegabilmente durante il doppiaggio di Ocon, è stato speronato finendo in testa coda alla prima curva. 

BERLUSCONI: “IL GOVERNO CADRÀ PRESTO, SIAMO ALL’ANTICAMERA DI UNA DITTATURA”

Silvio Berluconi, poche ore fa ha attaccato duramente il governo, spiegando che secondo il suo punto di vista il governo cadrà a breve che siamo all’anticamera di una dittatura. Ecco le parole di Berlusconi:

«Se si continua così, siamo davvero all’anticamera di una dittatura.. Sono convinto che questo governo non potrà durare cinque anni, la Lega si accorgerà presto di non poter tradire il programma del centrodestra presentato ai nostri elettori. Questo governo cadrà e allora ci saranno due possibilità. La prima, ha spiegato, è quella di «un mandato al centrodestra che trovi i voti necessari in Parlamento per formare una maggioranza. Siamo in una democrazia illiberale. Anche il Pd ha capito che siamo di fronte a un governo pericoloso».

Dura la replica di Matteo Salvini alle parole del Cavaliere: «Io certe sciocchezze le lascerei dire ai burocrati di Bruxelles e ai frustrati di sinistra. Chi parla di rischio dittatura in Italia non ha ben presente che l’Italia sta bene. Mi dispiace che Berlusconi usi le parole che di solito usano i Renzi, le Boldrini e gli Juncker».

SALVINI SUI MIGRANTI: “SE PRESI IN GIRO PRONTI A BLOCCARE I BILANCI UE”

Matteo Salvini torna a parlare di Migranti sul caso Malta e annuncia che è pronto a bloccare i bilanci UE. Ecco le parole ministro dell’interno che non usa mezzi termini sulla questione:

“Abbiamo dimostrato che sappiamo difendere i confini e dimostreremo che eventualmente possiamo anche bloccare bilanci e attivita’ europee fino a che l’Europa e qualche Paese continuera’ a prendere in giro gli italiani”. Poco fa Salvini è tornato inoltre a parlare del governo scrivendo su Facebook. “Abbiamo fatto più noi in 5 mesi che il Pd in 5 anni di governo. Non si molla di un centimetro. Se puoi sognarlo, puoi farlo”.

AMAZON POTRÀ VENDERE PRODOTTI APPLE: RAGGIUNTO ACCORDO STORICO

Un accordo veramente storico: Apple si è accordata con Amazon venerdì sera per la vendita dei suoi prodotti sul colosso sito di ecommerce ; la collaborazione riguarderà Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Giappone e India.

Fino a settimana scorsa era davvero impensabile trovare ad esempio degli trovare smartphone e tablet di Aplle su Amazon. I prodotti sono sempre stati venduti ufficialmente su apple.it/come. Dal 4 gennaio 2019 tutto questo cambierà: solo Apple, e i venditori autorizzati da Cupertino su Amazon, potranno continuare a offrire i vari iPhone e iPad. Dall’accordo raggiunto dai due colossi, è stato escluso l’assistente digitale HomePod, poichè Amazon ha già il suo prodotto che si chiama “Amazon Echo”.

GIUSEPPE TROVATO MORTO DAGLI AMICI A 27 ANNI: È STATO UCCISO

È stato trovato morto Giuseppe Marchesano. Il 27enne giovane perito meccanico è stato trovato dagli amici nella sua casa. Marchesano sarebbe stato ucciso da tre colpi di pistola alla testa ne suo appartamento di Castel Del BoscoCome detto il corpo è stato ella tarda serata di sabato, sono stati gli amici che poi hanno chiamato i carabinieri. “Non lo vedevamo da venerdì, non rispondeva al telefono e allora abbiamo deciso di capire che cosa fosse successo”, hanno detto ai Carabinieri. Si apre dunque un’inchiesta per omicidio volontario anche se non è ancora chiaro come si avvenuto il delitto.

TU SI QUE VALES: LA DRAMMATICA STORIA DI CHICCA COMMUOVE I GIUDICI

Durante la puntata di ieri Sabato 10 novembre 2018 di Tu si que vales, è stata raccontata la drammatica storia di Chicca, una bambina di 13 anni, che purtroppo si è ammalata di un tumore raro. A parlare della bimba sono stati i suoi genitori, che sono entrati in studio raccontando: “Aveva 13 anni, si è ammalata di un tumore raro alla testa. Non si è mai lasciata sconfiggere, le ha portato via i gesti quotidiani che facciamo… camminare, correre, sentire… fino a quando il drago l’ha sconfitta dopo un anno. La Chicca ci ha insegnato tanto e lasciato tante cose”. In un tema aveva scritto che voleva aiutare i bambini come lei che stanno affrontando una malattia del genere. I genitori hanno cosi deciso di fondare l’associazione “Chicca, Il sole esiste per tutti”.

 

Oltre ad aver fondato l’associazione hanno trasformato il tema di terza media della figlia in una canzone, cantata da un coro di bambini. In studio fiumi di lacrime da parte di tutti i giudici che non sono riusciti a trattenere la commozione. Un dramma senza senso che però secondo Maria, proprio grazie a questa associazione, potrebbe aiutare bimbi con malattie simili.

È MORTO RAFFAELE BALDASSARRE: HA AVUTO UN INFARTO

E’ morto in ospedale per un infarto a 62 anni l’ex deputato europeo Raffaele Baldassarre. Nelle ultime ore è arrivato il grande cordoglio dell’ex presidente della Provincia e coordinatore provinciale di Direzione Italia Antonio Gabellone che scrive : «Non ho parole per descrivere i miei sentimenti e il mio cuore spezzato. Ciao Raffaele». Condoglianze anche dal presidente di Noi con l’Italia Raffaele Fitto:

«La morte di Raffaele Baldassarre è giunta come un fulmine a ciel sereno. Improvvisa e per questo più dolorosa.  La Politica salentina perde un autorevole, serio, competente esponente. Io perdo un amico con il quale ho sempre avuto un rapporto sincero e franco e con il quale ho condiviso tante battaglie».

F1 GP BRASILE 2018: POLE PER HAMILTON, 2° VETTEL 3° BOTTAS

Ancora Lewis Hamilton, nonostante il campionato vinto la scorsa gara si aggiudica anche la Pole Position del GP del Brasile a Interlagos. Hamilton ha stabilito il nuovo record del tracciato in 1:07.281, seguito da Sebastian Vettel a (+0.093), 3° tempo per Bottas a (+0.160), 4° Raikkonen a (+0.175). Più staccate le Red Bull rispettivamente a (+0.497) Verstappen e (+0.499) Ricciardo.

IMG_4961.jpg

VIRGINIA RAGGI È STATA ASSOLTA: CADE L’ACCUSA DI FALSO

Virginia Raggi è stata assolta dall’accusa di falso, dopo che i giudici hanno respinto le richieste dell’accusa e la sindaca di Roma Virginia Raggi è stata pienamente assolta dall’accusa di falso. La crisi politica in Campidoglio come tanti temevano, non avverrà. Si era temuto davvero per la Raggi visto che il codice del M5s la prima cittadina si sarebbe dovuta dimettere e così si sarebbe dovuto rivotare in primavera Virginia Raggi ha commentato così la notizia su Facebook: 

“Nessun rancore, ma ora stop all’odio. Umanamente è stata una prova durissima ma non ho mai mollato. Credo in quel che faccio; credo nel lavoro, nell’impegno costante, nel progetto che nel 2016 mi ha portato alla guida della città che amo follemente. Un progetto che finalmente può andare avanti con maggiore determinazione. Vorrei liberarmi in un solo momento del fango che hanno prodotto per screditarmi, delle accuse ingiuriose, dei sorrisetti falsi che mi hanno rivolto, delle allusioni, delle volgarità, degli attacchi personali che hanno colpito anche la mia famiglia.

Vorrei, soprattutto, che questo fosse un riscatto per tutti i romani, di qualsiasi appartenenza politica, perché il loro sindaco ce la sta mettendo tutta per far risorgere la nostra città. Mi auguro che quanto accaduto a me possa divenire una occasione per riflettere: il dibattito politico non deve trasformarsi in odio. Adesso vorrei che i cittadini, tutti, collaborassero alla rinascita di Roma. Rimbocchiamoci le maniche: da domani si torna al lavoro. Ancora piu’ forti”.

INCIDENTE MORTALE A SAN GIORGIO DI PIANO: MORTI DUE RAGAZZI

All’alba di oggi 10 novembre, un terribile incidente è avvenuto a San Giorgio di Piano (Bologna). Le vittime sono due ragazzi di 18 e 19 anni, entrambi nati a Cento, uno, A.F.  di origine marocchina, a Cento e l’altro, P.D.M., italiano, a Pieve di Cento. Sembra che i due ragazzi stessero rientrando da una serata in discoteca quando a Mascarino, si sarebbero imbattuti in un posto di blocco dei carabinieri e avrebbero invertito il senso di marcia. Nel fare manovra i due hanno urtato un altro mezzo, senza causare fortunatamente conseguenze gravi.

I ragazzi si sono poi dileguati velocemente, tanto che i carabinieri hanno subito perso il contatto visivo e non è stato possibile un inseguimento. Dopo alcuni chilometri i militari dell’Arma hanno trovato il Suv dei due ragazzi fuori strada. Fatale è stato lo scontro dell’automobile con un palo al margine della carreggiata. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. Ora verranno eseguiti gli esami tossicologici. La Procura ha aperto un’inchiesta. 

ATTENTATO A MELBORUNE: MORTO L’ITALIANO SISTO MALASPINA

Ieri si era diffusa la notizia di un attentato nella città di Melbourne, dove un uomo armato di coltello ha ucciso una persona. È stato ucciso Sisto Malaspina, un 74enne di origini italiane proprietario di un noto bar nella città australiana. Sisto è stato ucciso a coltellate da un uomo che prima ha aggredito improvvisamente i passanti e poi i poliziotti nel pieno centro di Melbourne.

L’italiano era emigrato a 18 anni a Melbourne e aveva fatto conoscere il caffè espresso in città rendendo il suo bar uno dei posti di culto per gli amanti del caffè. Tra i tanti che piangono la sua scomparsa il famosissimo attore Russell Crowe che scrive sui social: “Frequentavo il Pellegrini’s fin dal 1987, non sono mai passato da Melbourne senza andare a trovare Sisto. Era come lo zio preferito, una delle ragioni per le quali amo andare a Melbourne. Quando ci siamo conosciuti, io ero un attore di teatro mal pagato, lui mi ha sempre trattato come un principe”.

SCHERZI A PARTE: BARBATA D’URSO SCONVOLTA DAL FIGLIO

Lo storico e amatissimo programma tv, Scherzi a Parte è tornato ieri sera con la conduzione di Paolo Bonolis. Nella prima puntata sono state cinque le vittime protagoniste degli scherzi: in questo articolo vi parleremo di quello di Barbara D’Urso, che è davvero bene riuscito

Barbara d’Urso, come detto poco fa, è stata una delle prime vittime della nuova edizione di Scherzi a parte, condotto da Paolo Bonolis. La prima puntata di ieri è iniziata proprio con lo scherzo per la conduttrice di Canale 5, con l’inaspettata complicità di suo figlio Emanuele che è apparso per la prima volta in TV. Il figlio ha fatto credere alla madre di aver affittato una sua casa in campagna, a cui Barbara tiene davvero moltissimo, per una sera a un fotografo. Durante questa serata, il fotografo ha organizzato una festa con molte persone. Emanuele con delle foto e dei video, ha convinto la madre che è accaduto ciò che lei non avrebbe mai immaginato. La D’urso è rimasta senza parole, non riusciva a credere a ciò che Emanuele ha fatto e si è detta sicura che il figlio non avrebbe mai potuto fare una cosa del genere.

Le telecamere nascoste in studio hanno ripreso la D’Urso in lacrime, poiché a questa casa in campagna tiene davvero tanto. Dai filmati, si è potuto notare la tanta l’ansia della conduttrice a cui è stato fatto lo scherzo durante le pause della diretta di Domenica Live il 27 Maggio scorso.

INVESTITA DA UN FURGONE MENTRE ATTRAVERSA LA STRADA: MORTA A 46 ANNI

È morta dopo otto ore di agonia dopo uno spaventoso incidente. Barbara Gazzetto è stata investita da un furgone mentre stava attraversando la strada. Poche ore fa si è appresa la tragica notizia che non ce l’ha fatta Barbara, mamma e moglie di 46 anni di Legnaro. La donna è stata travolta Venerdì 2 novembre sulla strada statale Romea.

econdo una prima ricostruzione del sinistro, la donna è stata travolta dal furgone proprio mentre stava attraversando. Barbara è stata portata all’ospedale di Padova dove le sue condizioni sono apparse da subito critiche ed è poi deceduta qualche ora dopo. La donna era operaia in un tomaificio a Ponte San Nicolò, lascia infatti il marito Renzo Gislon, meccanico di 50 anni, e la figlia Giada, di 21 anni.f

È MORTA LIDIA MONTANARI: ATTRICE E DOPPIATRICE

È morta a 70 anni Lidia Montanari la famosa attrice, doppiatrice e regista del cinema e della TV. La Montanari è morta all’ospedale Grassi di Ostia e aveva esordito nel teatro con Giuliano Vasilicò con Le 120 Giornate di Sodoma recitando nel ruolo di attrice protagonista diretta dal regista Memè Perlini per quasi 20 anni. Ha recitato insieme a Carmelo Bene, Sergio Castellitto, Sergio Rubini, Ennio Fantastichini, Massimo Ranieri, Anna Bonaiuto in teatro e anche con Verdone, Sordi, Gullotta, Mattioli.

Ha inoltre interpretato il ruolo di Centomilalire per Marco Ferreri. Da ricordare anche le sue partecipazioni ne il cupo Castighi (1988) Le Stelle Fredde (1989) tratto da un racconto di Guido Piovene, entrambi diretti in co-regia insieme a Giorgio Lòsego.

È MORTA NEL SONNO A SOLI 43 ANNI: ADDIO A VIVIANA TOSATO

Come ogni sera Viviana Tosato era andata a dormine tranquillamente senza dare alcun segno di sofferenza, poi durante la notte un solo singolo sospiro e non si è più risvegliata. È morta così improvvisamente nelle scorse ore, la 43enne di San Giorgio delle Pertiche, nel Padovano, molto conosciuta nella zona perché insieme ai fratelli era proprietaria di una storica Ortofrutticola. Il compagno della donna che dormiva accanto a lei si è accorto che qualcosa non andava e immediatamente ha chiamato i soccorsi ma per la 43enne è stato tutto inutile.

“Viviana non ha dato nessun segnale, non ha chiesto aiuto né si è lamentata ho solo sentito una specie di sospiro, ma è stato un attimo e poi non ha più respirato” ha raccontato l’uomo a il Mattino di Padova. Il compagno, i parenti e gli amici sono tutti attoniti per una morte tanto improvvisa quanto inattesa. Viviana infatti non aveva accennato a nessun tipo di problema e anche la sera prima della tragedia si era coricata senza manifestare malesseri.

“Non riusciamo a capire cosa può essere accaduto, Viviana non soffriva di nulla, era attiva e amava il suo lavoro, si curava e faceva attività sportiva”, continuano a ripetere i familiari senza saper dare una spiegazione all’accaduto. Solo l’autopsia sul cadavere, che verrà eseguita nei prossimi giorni potrà chiarire i dubbi.

NE BASTA UN BICCHIERE IN LAVATRICE: IL TRUCCO DI CUI NON NE FARETE PIÙ A MENO

L’aceto, il prodotto dell’acidificazione dell’acido etilico in acido acetico, ha una forte azione antimicrobica. Oltre ad essere usato in cucina per condire alcune pietanze, come verdure o frutti, è un prodotto economico e facilmente reperibile, oltre che per uso alimentare l’aceto viene utilizzato come sostituto naturale dei detergenti chimici e, insieme a bicarbonato, sale e limone è la base per la preparazione di detersivi fai da te. È importante ricordare che l’aceto è un prodotto ecologico con un’azione antibatterica, disinfettante, e grazie all’acido acetico è ottimo per eliminare il calcare. Solitamente, per le pulizie domestiche, si usa l’aceto bianco e per attenuare il forte odore, non da tutti gradito, si può aggiungere qualche goccia di olio essenziale.

Di seguito vi parliamo di alcuni preziosissimi consigli per l’utilizzo dell’aceto in ambito domestico:

Come pulire il bagno: Per pulire il bagno in modo naturale basterà mescolare il detersivo per lavare i piatti con acqua e aceto. Le superfici risulteranno velocemente pulite e disinfettate senza ricorrere all’utilizzo di prodotti chimici aggressivi. Con l’aceto è anche possibile sturare lavandini e scarichi intasati, senza servirsi dei prodotti chimici in commercio: con mezzo litro di aceto insieme ad un bicchiere di bicarbonato, si creerà una reazione chimica, che eliminerà gli ingorghi nelle tubature.

Come pulire pavimenti e superfici lavabili. Aggiungere una tazzina di aceto ogni 5 litri di acqua vi aiuterà a eliminare ogni traccia di polvere e di sporco dal pavimento. Questa soluzione non va però utilizzata su marmo o parquet. Per pulire le superfici lavabili e i vetri, sarà sufficiente preparare una soluzione con 150 ml di aceto e 250 ml di acqua distillata e servirsi poi di uno spruzzino e un panno morbido.

Come pulire la lavatrice: Per pulire il cestello della lavatrice ed eliminare eventuali residui di calcare si può utilizzare l’aceto versandone un bicchiere nel cestello e un altro nella vaschetta del detersivo. Occorrerà poi avviare la lavatrice facendo un ciclo di lavaggio a vuoto. L’aceto può essere utile anche per pulire la vaschetta e, in caso di muffa sulle guarnizioni, sarà possible eliminarla preparando una miscela di acqua e aceto che eliminerà anche il cattivo odore.

Come pulire la lavastoviglie: L’aceto è un’ottima soluzione anche per pulire e donare  freschezza alla nostra lavastoviglie. Si procederà versando sul fondo della lavastoviglie vuota una tazza di aceto, avviando successivamente un ciclo completo di lavaggio ad alta temperatura.

Come pulire il forno: Il forno e uno degli elettrodomestici che si sporca di più in assoluto per via del grasso che si deposita sulle sue pareti; dopo alcuni utilizzi, il forno necessita infatti di essere sgrassato e la cosa migliore è quella di utilizzare un prodotto naturale come l’aceto. Basterà scaldare dell’acqua in una pentola a cui andrà aggiunto un bicchiere di aceto. Appena l’acqua bolle, si procederà a spostare la pentola nel forno per circa 15 minuti. Successivamente utilizzeremo una spugna bagnata per eliminare lo sporco che verrà via facilmente lasciando il forno pulito e profumato. Con questo metodo naturale ed efficace riporterete il vostro forno a risplendere come da nuovo.

F1 GP BRASILE 2018: VERSTAPPEN È IL PIÙ VELOCE NELLE LIBERE

Max Verstappen riprende da dove aveva lasciato, confermandosi oggi il più veloce alla fine della prima sessione di prove libere del Gp del Brasile 2018 a Interlagos. Verstappen ha fatto segnare 1’09″011. Secondo per Sebastian Vettel  a +0″049, e terzo per Lewis Hamilton su Mercedes +0″096. Insomma i primi tre sono racchiusi in meno di un decimo di secondo. Più lontano Daniel Ricciardo, +0″384 che ha fatto registrare il quarto tempo nella prima sessione. Ricciardo domenica sarà retrocesso di cinque posizioni sulla griglia di partenza per la sostituzione del turbocompressore, per la sesta volta in questa stagione, andando oltre i limiti imposti dal regolamento.

Schermata 2018-11-09 alle 17.03.20.png

TERREMOTO AD ALTAMURA: SCOSSA DI 3.5 DI MAGNITUDO

Una forte scossa di terremoto ha colpito la provincia di Bari poche ore fa verso l’ora di Pranzo. Il sisma, secondo l’INGV ha avuto una magnitudo di 3.5 della scala Richter con epicentro vicino al comune di Altamura a sud di Bari. Per l’esattezza, la scossa di terremoto è stata registrata dai sismografi dell’Ingv alle ore 13.45 del 9 novembre ed è stata  avvertita in modo limpido dalla popolazione non solo nella provincia di Bari ma anche nelle altre province confinanti e in Basilicata. Molte le persone che sono scese in strada spaventate dalla scossa che si è avvertita anche ai piani bassi delle case. Fortunatamente, non si registrano danni a cose o persone.

Secondo i dati dell’Ingv, l’epicentro del scossa di terremoto ad Altamura ha avuto coordinate geografiche (lat, lon) 40.87, 16.59 a circa 5 chilometri dal centro cittadino del popoloso comune pugliese, e ipocentro ad una profondità di circa 38 chilometri. 

 

iPhone XR: arriva l’Haptic Touch con iOS 12.1.1

iPhone XR il nuovissimo smartphone “economico” marchiato Apple, sta letteralmente facendo dannare i suoi neo possessori per alcune limitazioni; in primis c’è da dire che lo schermo installato su l’XR che è un LCD edge-to-edge risulta più difficile da gestire rispetto allo schermo OLED montato sui top di gamma; per via di questa differenza sull’iPhone XR 3D Touch è assente.

Questa differenza dovrebbe essere meno evidente grazie al nuovo aggiornamento ad iOS 12.1.1 uscito poche ore fa in cui troviamo Haptic Touch, che dovrebbe fare sentire meno l’assenza del 3D Touch; grazie a questa nuova feature, basta una pressione prolungata per espandere le notifiche su iPhone XR, così da visualizzare un’anteprima senza aprire l’applicazione.

SALVIAMO IL CRODINO: LANCIATA PETIZIONE ONLINE PER NON FARE CESSARE LA PRODUZIONE

Il Crodino rischia di scomparire per sempre; eh si la famosissima bevanda che per decenni ha caratterizzato i nostri aperitivi potrebbe non esistere più. “L’analcolico biondo fa impazzire il mondo”. Questo il famosissimo slogan, ripetuto migliaia di volte spot televisivo dedicato al Crodino. Poco fa si è diffusa la notizia che lo stabilimento produttivo molto probabilmente chiuderà nel 2021.

Dopo questa notizia Giorgia Riganti, una ragazza di 21 anni di Villadossola, ha deciso di lanciare una petizione online su Change.org. “A fronte della cessata produzione del Crodino che avverrà nel 2021 si richiede intervento alla comunità per impedire che avvenga e per portare avanti una tradizione Ossolana! Firmiamo tutti per salvare il crodino!!!”, è il testo della petizione, che è indirizzata a Luigi Di Maio.

SHOCK NELLA MACELLERIA DI NAPOLI: INSETTI NELLA CARNE

Choc nella macelleria di macelleria Napoli: rinvenuti insetti congelati insieme a carne e al pesce. La terrible scoperta è avvenuta grazie ai carabinieri del Nas, con l’aiuto dei colleghi della stazione di Borgoloreto nella macelleria nella zona del porto di Napoli. In quest’ultima, sono stati scoperti numerosi insetti nei congelatori sporchi in cui venivano conservati carne e pesce destinati alla poi vendita. Altro elemento davvero inquietante è che alimenti non avevano le indicazioni di provenienza previste dalla nostra legge. Il proprietario è un 38enne originario del Banglaesh e i prodotti sequestrati ammontano a circa 80 kg. L’uomo è stato denunciato dai carabinieri all’Autorità Giudiziaria competente. 

ADDIO AL PICCOLO SAMUELE: MORTO DI LEUCEMIA A 8 ANNI

Samuele Calligaris aveva solo 8 anni e come ogni bambino della sua età aveva tanti sogni tra cui quello di diventare un calciatore. Ma quel terribile male ha cancellato la sua vita e tutti i suoi sogni. La sua morte ha profondamente sconvolto tutta la comunità di San Giovanni al Natisone, in Friuli, dove il bambino viveva con i genitori Martina e Stefano e la cittadinanza di Pradamano, il paese dove era cresciuto fino ai suoi 6 anni. Era piccolissimo “Samu” quando si è ammalato, frequentava l’asilo, ed allora le prime cure hanno fatto ben sperare tanto che il piccolo era tornato a scuola e aveva iniziato a giocare a calcio nella Serenissima di Pradamano. Sfortunatamente lo scorso anno la leucemia si è ripresentata ancora più aggressiva, impedendogli anche di frequentare la terza elementare.

Dopo il ricovero a Trieste e poi all’ospedale pediatrico del Bambin Gesù di Roma, Samuele aveva iniziato un percorso di cure sperimentali, ma purtroppo senza successo. Papà Stefano al Messaggero Veneto racconta: “Era un bambino che aveva tanto coraggio e che ha affrontato con forza e serenità la sua malattia, anche negli ultimi giorni di sofferenza non si era abbattuto ed è stato lui che ha voluto fare ritorno a casa dall’ospedale pediatrico Bambin Gesù per vivere gli ultimi istanti della sua vita nella sua cameretta. È un dolore straziante che viviamo nel suo ricordo, nel suo sorriso e nella forza dimostrata nel lungo calvario”.

Il sindaco Valter Braida, gli assessori e i consiglieri comunali, sono intenzionati a proclamare un momento di lutto cittadino e organizzare un pullman per consentire ai bambini, almeno quelli della sua classe, di presenziare domani alle 11 al funerale di “Samu”, che si terrà nella chiesa di Villanova dello Judrio. Otre a papà Stefano, il bimbo lascia mamma Martina e la sorellina Chiara. “La comunità di San Giovanni – dice il sindaco Braida –, dopo la scomparsa del piccolo Samuele, è vicina al loro dolore; partecipiamo tutti con un sentimento di rispetto e vicinanza a un triste momento che nessuno vorrebbe e alla straziante sofferenza dei genitori del bimbo”.

RAGAZZA MASSACRATA IN DISCOTECA: PRESA A PUGNI E BOTTIGLIATE DA UN UOMO

Doveva essere una serata allegra e spensierata trascorsa  a ballare e a divertirsi con amici in un locale notturno. Invece si è trasformata in una serata da incubo quando la protagonista dell’aggressione si è ritrovata a dover correre in ospedale per le gravi ferite riportate. Tutto è successo, in Svezia, a Malmo, dove Sophie Johansson si stava scatenando in discoteca senza sospettare quello che le sarebbe successo da lì a breve . All’improvviso, infatti, la giovane ha sentito delle mani che la sfioravano da dietro. Inizialmente la vittima ha pensato ad un contatto casuale nella ressa della pista da ballo. Poi però l’approccio é diventato lampante quando ha sentito delle mani palparle il seno e il sedere. Una vera e propria molestia che ha spinto Sophie a reagire a quella aggressione sessuale: si è così girata e ha fatto capire all’estraneo che stava davvero esagerando, divincolandosi dalla sua presa e spingendolo via. A quel punto sotto gli occhi esterrefatti dei presenti è iniziata la follia.  Neanche il tempo di realizzare che L’aggressore stava per reagire, e Sophie è stata colpita in faccia da un violento pugno. L’uomo ha approfittato del momento d’incredulità generale per infierire sulla vittima,  è diventato lampante quando ha sentito delle mani palparle il seno e il sedere. 

Una vera e propria molestia che ha spinto Sophie a reagire a quella aggressione sessuale: si è così girata e ha fatto capire all’estraneo che stava davvero esagerando, divincolandosi dalla sua presa e spingendolo via. A quel punto sotto gli occhi esterrefatti dei presenti è iniziata la follia.  Neanche il tempo di realizzare che L’aggressore stava per reagire, e Sophie è stata colpita in faccia da un violento pugno. L’uomo ha approfittato del momento d’incredulità generale per infierire sulla vittima, spaccandole una bottiglia in testa prima di dileguarsi tra la folla evitando di essere bloccato dalle persone presenti nel locale. 

A giocare a suo favore le luci psichedeliche del locale, che gli hanno concesso un margine di vantaggio prima che il personale della sicurezza si accorgesse dell’accaduto. La ragazza ha raccontato la sua storia attraverso le pagine di Metro, mostrando foto scioccanti del suo viso pieno di sangue. “Non ho neanche fatto in tempo a realizzare cosa stava per succedere, stavo ballando per i fatti miei – racconta lei – quando all’improvviso ho sentito una mano che mi passava sul sedere, poi sopra la pancia e giù tra le gambe. Inizialmente pensavo a un contatto accidentale con qualcuno alle mie spalle, poi ho visto che la cosa andava avanti e mi sono girata, molto infastidita”. La polizia sta indagando sull’incidente chiedendo la collaborazione dei presenti per risalire all’identità dell’uomo che al momento è ancora ignota. Sophi, nel frattempo è stata costretta a ricorrere alle cure dei medici e a dei punti di sutura. Ci troviamo di fronte alla solito caso di violenza sulle donne che fortunatamente per questa volta non è sfociato in una tragedia. Le foto mostrate sul web dalla ragazza dovrebbero fare riflettere a quanto oggi questi gravissimi episodi, siano quasi all’ordine del giorno.

TERRIBILE INCIDENTE A CATANZARO: CI SONO FERITI GRAVI

Scontro frontale a Catanzaro sulla strada statale 280 nei pressi dello svincolo per Sarrottino. L’incidente è avvenuto nella zona della SS280 interessata dal restringimento della carreggiata per i lavori in corso. 

Le autovetture coinvolte nell’incidente sono due e sei sono le persone ferite. Sul posto sono intervenute 3 ambulanze e un elisoccorso per prestare i soccorsi. Si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco, giunti dalla sede centrale, per estrarre 3 persone incastrate dalle lamiere. Quattro sono i feriti in modo grave. 

APPLE, CALO DELLE VENDITE. TROPPO CARI I NUOVI IPHONE XS e XR

Il colosso Apple è preoccupata per il calo improvviso di vendite dei nuovissimi devices rilasciati pochi giorni fa. Il lancio dei nuovi modelli Xs e Xs Max che superano la cifra dei 1.000 euro, arrivando anche a 1.400 euro. Anche il modello più economico XR che costa sotto i 1.000 euro non sta facendo registrare le vendite sperate.

Questo crollo delle vendite sta nel fatto che i nuovi iPhone, sono sei gioielli preziosissimi di tecnologia, ma non così rivoluzionari  rispetto ai modelli precedenti. Per assurdo i modelli 8 e 8 plus stanno registrando vendite in crescita, grazie a prezzi in calo e prestazioni di tutto rispetto. Nel frattempo crescono le vendite di altri smartphone di prezzo più economico ma con prestazioni sempre più simili agli smartphone di punta. Insomma gli iPhone restano come sempre gli smartphone più desiderati e amati, ma attenzione se i prezzi continueranno a crescere anche i più affezionati utenti potranno optare per altri devices.

 

LONDRA MUORE 15ENNE ACCOLTELLATO AL CUORE

Atroce la storia che ci arriva da Londra che ha come protagonista un quindicenne che si trovava fuori ad un negozio di pollo fritto con un amico. La sua unica colpa è stata quella di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato. Questa storia ha veramente scioccato il mondo. Cos’è successo di preciso? Visto l’orario, le 5 del pomeriggio, probabilmente i due studenti volevano fare uno spuntino e mai avrebbero potuto immaginare la tragedia che stava per accadere. Improvvisamente i due vengono assaliti da una gang di rapinatori a volto coperto. L’amico fugge, ma per Jai Sewell non c’è nulla da fare: viene accoltellato mortalmente al cuore. Come riporta The Sun, le immagini a circuito chiuso hanno ripreso quegli attimi agghiaccianti in cui il 15enne perde la vita. Lo scopo della divulgazione del filmato é quello di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sul problema sicurezza nella capitale inglese. Il tasso di omicidi avrebbe superato quello di New York e il sindaco Sadiq Khan ha detto che ci vorranno dieci anni per risolvere l’attuale situazione. Una situazione difficilissima quella di Londra che all’apparenza sembra una città molto tranquilla, ma spessissimo nei sobborghi e non solo omicidi, scippi, rapine sono all’ordine del giorno. 

Nel durissimo video condiviso sui social si vede perfettamente il rapinatore affondare il coltello nel petto di Jai. Patrick Green, Ceo del Ben Kinsella Trust (associazione che si occupa di contrastare il crimine delle armi da taglio) ha dichiarato che il video choc “dimostra tragicamente che un colpo può essere fatale. Negli ultimi sei anni – conclude – abbiamo lavorato duramente per istruire e convincere i giovani che una pugnalata è sufficiente per uccidere qualcuno. E questo video dimostra come una ferita da taglio può uccidere una persona e rovinare la vita di molti altri”. Molte persone girano con un coltello nella capitale inglese e questo porta a questo tipo di situazioni che spesso degenerano addirittura in efferati omicidi. Solo negli ultimi due tre anni il tasso  di omicidi per arma da taglio è salito spaventosamente.

“Abbiamo bisogno di educare i giovani – continua – non c’è un posto sicuro, ognuno a Londra può essere accoltellato ovunque. I giovani hanno bisogno di sentire questo messaggio. “Il 2018 è stato un anno terribile per il crimine da coltello. È il peggiore che abbiamo visto in 10 anni. È estremamente serio e merita una risposta per riflettere la crisi che stiamo affrontando. La comunità londinese è rimasta inorridita per questo ultimo delitto, l’ennesimo di una settimana ricca di violenze sanguinose:  John O , 16 anni, Rocky Djelal, 38 anni, Jai Sewell, 15 anni, Malcolm Mide-Madariola, 17 anni, e Ayodeji Habeeb Azeez, 22 anni, sono stati tutti uccisi nei sei giorni dal 31 ottobre al 5 novembre.” Nelle cifre stilate da Anti-Knife UK, risulta che  quest’ultimo omicidio è stato il 250° accoltellamento fatale in tutto il Regno Unito, finora e solo per l’anno in corso. Una cifra spaventosa e molto più elevata a quella conteggiata nel 2015 e nel 2016. Importante sottolineare che quello di Jai è il quinto omicidio operato con coltelli, a Londra, negli ultimi sei giorni. Il numero totale di omicidi nella capitale quest’anno è salito a 117.

MTV EMA 2018: CAMILLA CARBELLO DOMINA, ANNALISA VINCE UN PREMIO

Agli MTV EMA è stata la notte delle donne ma soprattutto la notte di Camila Cabello. È la diva di “Havana”. La Cabello ha dominato in assoluto gli MTV EMA 2018 conquistando ben quattro premi, tra cui: “Best Artist”, “Best Song” e “Best Video” per la famosissima “Havana”. Per quanto riguarda l’Italia, Annalisa ha vinto il “Best Italian Act”. Anche nella celebre premiazione, è continuata la sfida tra le due dell’hip pop Nicki Minaj e Cardi B: ha vinto la Minaj con il premio “Best Hip Hop” e premio “Best Look”.

A Cardi B è stata invece riconosciuto il grande lavoro nelle produzioni musicali odierne: “Best New Pop”. Il “Best Pop” è di Dua Lipa, il “Best World Stage” è di Alessia Cara. Il “Best Electronic” lo vince Marshmello. Il premio “Best Alternative” è dei Panic! At The Disco.

 

PAUL MCCARTNEY SCEGLIERÀ UN FAN CHE DUETTERÀ CON LUI AL CONCERTO DI LIVERPOOL

Un vero sogno per i fan di Macca. Il 12 dicembre Paul McCartney si esibirà sul palco della Echo Arena di Livepool, niente di strano visto che solca i palchi da più di 50 anni, se non che lui stesso ha indetto un contest per permettere ad un fortunato fan di raggiungerlo nella città inglese e poter salire e duettare con l’ex Beatle nel bel mezzo del concerto.

Per farlo i fan dovranno fare una donazione entro il 25 novembre sul sito omaze.com/paul. Di cosa si tratta? Di una donazione a favore del Meat Free Monday, l’iniziativa benefica di Paul McCartney per accrescere nelle persone la consapevolezza dei danni che il consumo di carne quotidiano causa all’ambiente. Paul è vegano, grazie soprattutto alla moglie Linda che purtroppo morì per un tumore nel 1998.

Il vincitore, che sarà estratto tra tutti i donatori, si aggiudicherà un biglietto aereo, pernottamento e biglietti VIP per il concerto, sold out da tempo, di Paul  per due persone, oltre all’irripetibile occasione di poter duettare con una delle leggende viventi della storia della musica moderna. 

MICHEAL SCHUMACHER: LA MANAGER ROMPE IL SILENZIO. DANNI PERMANENTI

Sono ormai passati cinque anni dal terribile incidente sugli sci di Micheal Schumacher. Ancora aleggia un mistero sulle reali condizioni della leggenda della Formula 1. Pochi giorni fa, si è tenuto il tributo a Michael Schumacher e il manager, dopo mesi torna a parlare delle sue condizioni attuali di salute. La manifestazione in suo onore è stata chiamata ‘Keep Fighting Foundation’ creata per omaggiare il pilota con un poster che lo vede su una monoposto; in occasione della nuova campagna pubblicitaria per la raccolta fondi, Khem ha commentato l’iniziativa in modo positivo:

“Questo è un modo eccezionale di rendere omaggio all’iconica carriera di Michael, nonché un bellissimo poster”. Per quanto riguarda le condizioni di Schumacher, il manager ha ribadito che i dettagli sono riservati alla famiglia e che basti sapere come stia continuando a lottare. La situazione per ora resta ancora stazionaria.

TRAGEDIA IN RUSSIA: 3 BAMBINI BRUCIATI VIVI IN CASA

Un’errore, una distrazione hanno portato a una tragedia che ha sconvolto tutto il mondo. Tre bambini sono morti bruciati vivi per colpa di una caldaia difettosa che non è mai riparata per mancanza di soldi. Una madre ha lasciato soli i suoi tre figli piccoli chiudendoli a chiave dentro casa per poter fare visita a un’amica. Un gesto sbagliato che è sfociato in una terribile tragedia: i tre bimbi sono morti bruciati vivi divorati da un incendio spaventoso che si è scatenato proprio da quella caldaia che necessitava di manutenzione. La madre dopo aver appreso la notizia sotto choc ha tentato il suicidio. Questa la tragedia accaduta Natalia Vorobyeva, una 36enne di Stary Buyan, nella Russia sudoccidentale.

I suoi tre figli sono rimasti in trappola e purtroppo per Danil, il figlio di sei anni, e i due gemelli di tre anni, Sasha e Denis non c’è stato niente da fare. Natalia, che è una madre single, era uscita da sola per andare a trovare un’amica, convinta che Danil, nonostante i suoi 6 anni, fosse in grado di badare ai suoi fratellini. Straziante la scena che si è presentata agli occhi dei soccorritori che hanno trovato i corpi dei bimbi proprio accanto alla porta d’ingresso, chiusa a chiave. Il più grande probabilmente aveva tentato di aprire cercando una via di fuga per lui e per i fratelli. Il corpo di Danil era sopra i gemellini, ciò dimostra che fino all’ultimo, aveva tentato di proteggerli dalle fiamme.

TRAGEDIA A PALERMO: UOMO DI 50 ANNI MUORE INVESTITO DAL BUS

Tragedia a Palermo dove un uomo di nome Giovanni Testaverde, 50 anni, è morto ieri pomeriggio dopo essere stato investito da un autobus numero 101 dell’Amat. L’incidente si è verificato in via Mazzini. Sul posto sono subito accorsi i vigili del fuoco della stazione di Palermo, che hanno liberato con difficoltà il corpo dell’uomo che era rimasto incastrato sotto l’autobus.

Secondo una prima ricostruzione di alcuni testimoni presenti, l’uomo non si sarebbe accorto dell’arrivo dell’autobus e l’impatto sarebbe stato inevitabile. L’autista che non avrebbe avuto il tempo di frenare. La strada è stata immediatamente chiusa e transennata dai vigili urbani di Palermo per poter effettuare tutti i rilievi del caso. L’impatto è stato molto violento visto che il parabrezza del bus è andato in gran parte in frantumi.

LUTTO NEL CALCIO FEMMINILE ITALIANA: È MORTA A SOLI 19 ANNI

Il calcio femminile italiano è in lutto per l’improvvisa scomparsa di Verena Erlacher. La giovane aveva solto 19 anni e purtroppo restano ancora ignote le cause del decesso; Verena aveva giocato per quasi tutta la sua carriera nella squadra del Sudtirol Damen ed era una centrocampista. Era oiginaria di Lagundo e negli ultimi mesi alcune tristi videndedella sua vita privata le avevano causato dolore.

 

“Tutto il CF Sudtirol Damen è vicino alla famiglia Erlacher per la perdita della figlia Verena. Noi Verena la vogliamo ricordare con il sorriso, la gioia e la passione che lei sapeva darci in campo e fuori. Avremmo voluto rivederla con i nostri colori ma qualcosa di più grande di tutti noi, il tempo, la vita, non ce lo ha permesso. La salutiamo nel modo che a lei faceva ridere quando lo ripeteva dopo le prima volte che lo aveva sentito…ciao poppa !”.

È MORTO IL REGISTA MAX CROCI: SI È SPENTO A SOLI 51 ANNI

È morto a 51 anni il regista Max Croci. La notizia è stata comunicata da Sky, per cui lui stesso aveva collaborato in passato. Si è spento dopo una terribile malattia. Il suo film d’esordio è stata la commedia romantica Poli opposti con protagonisti Luca Argentero e Sarah Felberbaum. Il film è stato poi seguito da Al posto tuo, sempre con Argenterò, Stefano Fresi e Ambra Angiolini.

L’ultimo film di Croci è stato “La verità, vi spiego, sull’amore” una commedia, tratta dal libro omonimo e dal blog di Enrica Tesio Ti asmo. In questo film il regista aveva richiamato Ambra Angiolini, insieme a Carolina Crescentini, Massimo Poggio e Giuliana de Sio. I funerali si celebrano sabato 10 novembre alle ore 14,00 nella Chiesa dei Frati a Busto Arsizio.

TIR PRENDE FUOCO IN GALLERIA SULL’A1: AUTOSTRADA CHIUSA IN DIREZIONE FIRENZE

Oggi pomeriggio intorno alle 14.15 lungo la A1 Direttissima, è stato chiuso il tratto compreso tra l’allacciamento con la A1 Panoramica località La Quercia e Firenzuola, in direzione di Firenze, a causa di un autocarro in fiamme nella galleria Poggio Civitella, all’altezza del chilometro 19, lo rende noto Autostrade per L’Italia.

La società ha inoltre specificato che non ci sono feriti e altri veicoli all’interno della galleria. Agli automobilisti che da Bologna sono diretti verso Firenze si consiglia di utilizzare la A1 Panoramica. Sul posto, oltre al personale della Direzione quarto Tronco di Firenze, sono intervenute le pattuglie della polizia stradale, i vigili del fuoco e i soccorsi meccanici, che dopo avere domato l’incendio stanno procedendo nelle operazioni di rimozione del camion e di ripristino del manto stradale. La galleria, quindi, verrà verosimilmente riaperta solo nelle prossime ore, quando non ci saranno pericoli per gli altri utenti della strada.

CADUTO AEREO DI LINEA IN RUSSIA: SONO TUTTI SALVI

Nella mattinata di oggi, giovedì 8 novembre uno spaventoso incidente aereo è avvenuto in Russia e solo per miracolo non si è trasformato in tragedia. Un velivolo Antonov An-2 che stava effettuando un volo di linea interno, poco dopo il decollo ha riscontrato grossi problemi e fallito il tentativo di ritornare allo scalo di partenza ha finito per schiantarsi in una zona ricoperta da foreste nella regione dell’Arkhangelsk nell’estremo nord della Russia europea. A bordo del velivolo, oltre ai membri dell’equipaggio i passeggeri erano 11 tra cui un bambino, fortunatamente tutti salvi.

A renderlo noto sono le agenzie di stampa russa. Ad avere la peggio, nell’incidente è stato il pilota, soccorso e trasportato nel ospedale più vicino della zona, solo lievi contusioni per gli altri. Stando ai rapporti preliminari, poco prima dell’impatto l’aereo aveva lanciato un Sos al centro di controllo del traffico aereo regionale dicendo di voler tornare indietro, ma dopo aver perso il contatto radio è precipitato tra gli alberi. L’incidente è avvenuto intorno alle 11:30 e da una prima ipotesi la causa è imputabile alla formazione di ghiaccio sulla fusoliera e sulle ali dell’aereo.

L’agenzia Interfax ha reso noto che l’area dell’incidente è particolarmente difficile da raggiungere via terra e per questo i soccorsi sono stati inviati sul luogo con elicotteri Mi-8 . Dieci passeggeri dell’aereo  sono stati portati all’aeroporto di Talagi, mentre un altro passeggero, un utente di sedia a rotelle, due membri dell’equipaggio e quattro piloti della base di ricerca e soccorso regionale di Arkhangelsk sono stati  portati da un altro elicottero all’aeroporto di Vaskovo. L’aereo ha riportato danni  irreparabili visto che sia le ali che il telaio sono stati completamente distrutti. Sul caso è stata aperta un’indagine per violazione degli standard di sicurezza aerea.

ALLATTA AL SENO LA FIGLIA DI 9 ANNI: CRITICATA SUL WEB “SEI UNA PEDOFILA”

Questa storia ha letteralmente fatto il giro del mondo e la protagonista è Sharon Spink è una 50enne inglese che ha confessato in pubblico di aver allattato sua figlia fino all’età di 9 anni. Ha smesso solo quando sua figlia Charlotte ha chiesto di non voler più il “latte di mamma”. “Per me è stata una cosa assolutamente normale e ha creato un legame permanente tra noi” ha detto la donna di Sherburn-in-Elmet, nel North Yorkshire, ad alcuni media britannici. Sharon, ha compiuto questo bizzarro gesto perchè crede fermamente nello svezzamento a termine naturale, ovvero sostiene che sua figlia è sana e in questi anni raramente si è ammalata “solo grazie alle proprietà benefiche” del suo latte.

Sharon vuole abbattere il concetto che l’allattamento fino a tali età sia sbagliato “molte mamme là fuori che lo fanno” ha detto. “È bello che il bambino abbia il controllo, piuttosto che forzare la fine dello svezzamento. È stato un processo graduale e una sua scelta. Negli ultimi tempi si è nutrita del mio latte una volta al mese quando non si sentiva bene”.

Oggi come oggi sono due mesi che Sharon non allatta Charlotte. “Mi ha detto che si sarebbe fermata quando avrebbe compiuto 10 anni, che sarà ad aprile del prossimo anno, ma sembra che la fine naturale sia arrivata prima, anche se le avrei permesso di continuare per tutto il tempo che desiderava. Non mi sento triste per questo, anche se un po’ quella sensazione mi manca. Non abbiamo mai avuto una discussione sul fatto che dovesse smettere oppure no. Spero solo che quando sarà più grande, ricorderà anche lei quella sensazione di conforto e sicurezza”

“Ho allattato al seno i miei primi due bambini per un paio di settimane e mia figlia Isabel per circa sei mesi, ma mi sono imbattuta in alcuni problemi e sentivo che c’era una mancanza di supporto. Ero determinata a farlo funzionare per Charlotte” dice la donna. Fino all’età di cinque anni Charlotte si nutriva tre volte al giorno, misura che si è gradualmente ridotta negli ultimi quattro anni fino a quando lo ha fatto circa una volta al mese. Ovviamente ci sono stati commenti negativi. Ma alla fine so che si tratta dei soliti leoni da tastiera. Sono stata chiamata con ogni nome. Mi è stato detto che si trattava di abusi sui minori, sono stato definita pedofila e dipinta come un mostro”, e conclude: “Io voglio solo che le altre mamme si chiedano: ‘ dovrei o non dovrei farlo? Questo è normale e la loro deve essere una scelta”.

MARCO MENGONI HA UN NUOVO FIDANZATO: ECCO CHI È

Marco Mengoni è stato paparazzato dal sito Tabloit con un misterioso ragazzo, durante una cena in un ristorante di cucina argentina. L’atmosfera del posto è senza dubbio romantica, quindi fa pensare  che il cantante si sia veramente fidanzato. Il giorno successivo Mengoni è stato visto con il misterioso uomo, mentre facevano la spesa in un supermercato.

 

 

Il cantante ha cercato di coprirsi con il cappuccio, ma ciò non è servito poichè è stato comunque riconosciuto dai paparazzi. Queste che vi mostriamo sono immagini che raccontano di un rapporto speciale, anche se Mengoni non h mai voluto dichiarare il suo orientamento sessuale. Le voci e i rumors sul suo conto, negli anni, sono stati numerosi. ”Mi piace il mistero, l’ambiguità e giocare su questo fatto. Io prendo esempio da tanti artisti che su questo hanno costruito la loro carriera, da David Bowie a Renato Zero” dichiarò il cantante in un’intervista.  In questi giorni Marco Mengoniinoltre sta promuovendo il suo nuovo album ”Atlantico”.

 

TRAGEDIA SUL LAVORO: MUORE MURATORE DI 38 ANNI INFILZATO DAL CANCELLO

Pier Claudio Mangherini, un muratore di 36 anni di Comacchio, è morto ieri dopo essere caduto da un’impalcatura. L’uomo è stato sfortunatamente trafitto da un’inferriata mentre stava lavorando alla ristrutturazione della facciata di un edificio nei pressi del centro storico quando, per cause ancora in corso d’accertamento, il fondo dell’impalcatura ha ceduto facendolo cadere nel vuoto. Il muratore è finito sull’inferriata a punta del cancello dell’abitazione, che l’ha trafitto causandogli una gravissima emorragia interna. Immediata la richiesta di soccorso.

Sul posto è arrivato il 118 e un’eliambulanza da Ravenna, insieme ai vigili del fuoco a cui è toccato il compito di tagliare l’inferriata per consentire ai sanitari di soccorrere il muratore. Purtroppo però per Pier Claudio non c’è stato nulla da fare. Sul posto della tragedia, oltre ai carabinieri di Comacchio e al personale della Medicina del lavoro dell’Ausl, sono anche i familiari della vittima.

FURGONE COLPISCE ALA DI UN AEREO: PAURA A LINATE

Grande paura all’aeroporto di Milano Linate, dove questa mattina intorno alle 10,30 si è verificato un incidente tra un aereo e un furgoncino. Il mezzo a quattro ruote, avrebbe colpito un’ala dell’aere che quel momento in sosta. Secondo le prime un Az1293, di Alitalia, era al finger in attesa della partenza per Napoli.

A bordo, tra i 76 passeggeri, che non hanno riportato ferite, anche il rapper Ghali, diretto nella città partenopea, per il concerto in programma stasera. Il cantante ha pubblicato sul suo profilo Instagram diverse storie per raccontare cosa è successo. 

MORTA 15 ENNE ALLERGICA: CONDANNATI I DUE RISTORATORI

È giustizia per Megan Lee. Era iniziata così la battaglia legale della 15enne britannica morta per un attacco d’asma il primo gennaio 2017 e a quasi due anni di distanza i giudici della Manchester Crown Court hanno potuto stabilire, forti di prove schiaccianti, che i responsabili della sua morte sono proprio il proprietario del ristorante, il 40enne Mohammed Abdul Kuddus, e il manager 38enne Harun Rashid. La morte di Megan è stata dovuta a un kebab e altri cibi ordinati online con un’amica tramite JustEat e confezionati dal takeaway indiano Royal Spice di Oswaldtwistle, nel Lancashire.

I due sono stati condannati rispettivamente a due e a tre anni di carcere per aver ignorato totalmente le indicazioni che Megan Lee aveva scritto a chiare lettere nell’ordine: allergica a gamberi e noci. Un’indicazione presa alla leggera, come se si trattasse di una cosa di poco conto: una sottovalutazione che a Megan Lee è costata la vita, visto che il cibo fornito era contaminato da arachidi che hanno scatenato nella ragazza una reazione allergica fatale.

ROCCO CASALINO SPUNTA UN VIDEO: “I VECCHI I DOWN MI FANNO SCHIFO”

A Rocco Casalino i down fanno schifo e lo stesso vale per gli anziani. Il portavoce del presidente del consiglio ha scatenato nuovamente polverone. Secondo le ultime news, il celebre sito Dagospia ha scovato e pubblicato un video di ArcadeTv7 nel quale si vede Casalino seduto su una cattedra davanti a una classe. A creare lo scandalo è stato quello che dice sugli anziani e sui ragazzi affetti dalla sindrome di Down.

“Da bambino, da sempre, i vecchi mi fanno schifo. E tutti i ragazzi down…mi danno fastidio. Non ho nessuna voglia di relazionarmi a loro, nessuna voglia di aiutarli, poveretti che gli è capitata sta cosa ma non voglio occuparmene…”, afferma Casalino.

Alle critiche Casalino ha risposto nel seguente modo: “È come se fa schifo il ragno…io provo fastidio…è imbarazzo, non so come spiegarlo, non voglio perderci tempo…non mi va di stare con i vecchietti, non voglio stare dietro ai bambini, non voglio fare bambini, non mi va di stare dietro a uno che è down, che non capisce niente…”.

TERREMOTO IN TOSCANA: SCIAME SISMICO A CASTIGLIONE D’ORCIA

Terremoti a Castiglione d’Orcia: lo sciame sismico è stato avvertito dalla popolazione, che, per la paura si è riversata in strada. Undici scosse di terremoto (la più forte è stata di magnitudo 2.4, tutte ipocentro tra 7 e 10 km) sono state registrate dalla Sala Sismica INGV-Roma questa mattina, dalle 06:01 alle 06:57, a Castiglione d’Orcia, in provincia di Siena. Il sindaco Claudio Galletti ha emesso ordinanza di chiusura delle scuole. Fortunatamente non si segnalano danni a cose o persone. 

SAMMAURESE IN LUTTO: È MORTO A SOLI 28 ANNI UN MASSAGGIATORE

Sammaurese in lutto, è morto ad appena 28 anni un massaggiatore. Il giovane, di appena 22 anni, collaborava anche con la prima squadra. “Il giorno prima era tranquillo, non aveva dato nessun segnale che potesse sentirsi male – spiega il club – sapevamo che aveva problemi cardiaci, da piccolo aveva anche subito un’operazione.

A comunicarci il dramma è stata la sua fidanzata”. Una tragedia improvvisa che lascia sgomenta la società, lo staff e tutti i giocatori: “Ci siamo svegliati con una brutta notizia. Ci ha lasciato questa notte il nostro Mattia Piscaglia, che fino a martedì sera era presente a massaggiare e curare con passione e dedizione i ragazzi della Juniores. La Sammaurese tutta, dirigenti calciatori si uniscono al dolore della famiglia Piscaglia”.

FEDERICA PANINUCCI PIANGE IN DIRETTA A MATTINO 5: LA MADRE DI ENRICO SILVESTRIN È MORTA

Enrico Silvestrin è stato ospite della puntata di ‘Mattino Cinque‘ trasmessa mercoledì 7 novembre. Federica Panicucci ha mandato in onda un video che ha ripercorso la sua esperienza nella casa del ‘Grande Fratello Vip 2018‘. In particolare, il momento in cui in confessionale ha parlato del dolore provato per la morte della madre a cui era legatissimo: “Mia mamma era per me una figura complice. Con me è stata un parafulmine. È stata un tipo di persona fino alla malattia. È scomparsa il 17 settembre del 2011, tre settimane esatte prima che nascesse Gianmarco. La mattina in cui Emanuela (Familiari, la sua ex ndr) mi ha detto sto andando a partorire, avevo dei pantaloncini corti e dentro i pantaloncini avevo la foto incorniciata di mia mamma. Quindi me la sono portata, al parto c’era anche lei”.
Il dolore quando seppe che alla madre restava poco da vivere
Purtroppo i medici gli diedero una tragica notizia. La madre stava perdendo la battaglia contro la malattia. Le restava ormai solo un mese da vivere: “Ci hanno detto che aveva un mese di vita, cosa che noi non sapevamo e che è stato uno shock per tutti. Io l’ho vissuto con l’idea che non fosse vero. Fino a che un mese dopo…sono corso da lei, me la sono abbracciata e le ho detto quello che un figlio sente di dire alla madre. Mi è morta davanti e anche quella è un’esperienza che non dimentichi. Sai perfettamente che quella persona che hai visto tutta la vita, non la vedrai mai più”.
Una volta tornati in studio, Federica Panicucci è in lacrime. Fazzoletto alla mano, ha invitato le sue ospiti ad aspettare un attimo prima di intervenire. Ha fatto un respiro profondo e ha lasciato la parola a Enrico Silvestrin per avere il tempo di riprendersi.

MARSIGLIA: TROVATO IL CORPO DI SIMONA CARPIGNANO

Simona Carpignano, la ragazza di Taranto dispersa dopo il crollo di due palazzi a Marsiglia, è stata ritrovata morta sotto oggi le macerie dei due edifici. Poco fa è stato trovato il corpo della ragazza tarantina di 30 anni che era in Francia per cercare lavoro dopo aver conseguito la sua seconda laurea.

​Simona,  soprannominata “Sorriso” per il suo carattere gioviale e positivo, era dispersa da lunedì mattina, quando era avvenuto il crollo del palazzo dove abitava. In Francia erano subito arrivati i suoi familiari, con il padre Domenico, per cercare di essere utili nella ricerca. Ma purtroppo non c’è stato niente da fare.

Il padre di Simona ancora non ha confermato la notizia: «Attualmente non abbiamo nessuna notizia ufficiale e siamo ben supportati dal nostro consolato. Il console generale Alessandro Giovine è con noi da quando siamo arrivati», ha  Il papà di Simona aggiunge che i soccorritori sono ancora al lavoro in Rue d’Aubagne. «La rimozione delle macerie continua».

RITIRATI DAI SUPERMERCATI: CONTENGONO PEZZI DI VETRO

Tigros ritira Primia Misto funghi con porcini. I supermercati Tigros hanno diffuso il richiamo di un lotto di misto funghi con porcini in olio di girasole a marchio Primia per la possibile presenza di corpi estranei di origine vetrosa.

“Possibile presenza di corpi estranei di origine vetrosa“, si legge nel comunicato ufficiale sul sito web della stessa Tigros. Nello specifico si tratta del prodotto venduto in vasetti da 290 grammi, con il numero di lotto L191A e scadenza 10/07/2021. Il misto funghi è prodotto dalla Società Simens Srl, nello stabilimento di vicolo F. Baracca 1, a San Martino di Lupari, in provincia di Padova.

“Non si può escludere – sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” che in un numero limitato di confezioni possano trovarsi delle schegge di vetro. Consumando i prodotti sussiste quindi il pericolo di ferimento. I clienti possono richiedere il rimborso in tutte le filiali”. Da parte sua Tigros raccomanda a chi avesse comprato il vasetto di misto funghi Primia interessato dal richiamo di non consumarlo e di restituirlo al punto vendita d’acquisto. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’azienda produttrice al numero 0495952588 oppure all’indirizzo e mail qualita@simensalimentare.it.

CALCI E PUGNI ALLA FIDANZATA PER FARLA ABORTIRE: IL TERRIBILE CASO

Una storia terribile, quella che vede protagonista una mamma di Cheltenham, in Inghilterra, che ha rischiato seriamente di perdere la sua bambina. Era il 31 ottobre scorso quando il suo ex compagno, Daniel Holliday, 31 anni, padre della figlia che aspettava, le si è avventato contro prendendola a calci e a pugni nello stomaco. Colpi così forti che l’hanno addirittura fatta sanguinare. In quel preciso momento Natalie Clark, ha avuto paura di aver perso la figlia che portava in grembo da dieci settimane.

Non è successo, per miracolo la bimba, Ivy Rose, è rimasta incolume nonostante la violenza dell’uomo. Oggi ha cinque mesi ed è una bambina in perfetta salute. Holliday, invece, che quel maledetto giorno di un anno fa aveva anche provato a strangolare Natalie, è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio. Ha picchiato selvaggiamente la compagna, rischiando di ucciderla, con l’intento di farla abortire. Il 31enne, tuttavia, non sconterà la sua pena in carcere, ma in una comunità che si prenderà cura delle sue condizioni psicologiche. Il racconto di Natalie, che aveva avuto una figlia, Amelia Rose, da una precedente relazione, è agghiacciante. “È stata la peggiore esperienza della mia vita, la cosa più difficile che abbia mai dovuto affrontare”, ha confidato, come riporta il Mirror. Con Daniel si erano incontrati nell’agosto del 2016, grazie ad amici comuni, quindi avevano iniziato una relazione.

 “Nei primi due mesi – racconta Natalie – ho notato che era una persona arrabbiata, ma ero così innamorata di lui”. Mesi dopo, la coppia ha iniziato a litigare tutti i giorni, di solito dopo che lui aveva bevuto molto. Poi le disse che voleva avere un bambino, promettendole che, diventando padre, sarebbe cambiato.

Ma non andò così. Era sempre più paranoico, ha ricordato la giovane mamma, fino a quel maledetto pomeriggio del 31 ottobre 2017: “Potevo vedere la rabbia nei suoi occhi – ha continuato Natalie – All’improvviso i suoi occhi sono diventati scuri e malvagi. Era come un pitbull”. Ma “era così lui: un minuto andava tutto bene e l’attimo dopo si sarebbe trasformato in un mostro”. 

Mi ha dato un pugno nello stomaco e mi ha fatto davvero male”. È stato un momento “orrendo”, soprattutto dopo che ho iniziato a sanguinare. “Ero davvero preoccupata di aver perso il bambino”, ha detto. Per fortuna non è stato cosi. Come detto, la piccola è venuta al mondo perfettamente sana, ma “da allora – ha concluso la mamma – ho sofferto di una grave ansia che mi fa svenire. Non l’ho mai avuta prima. Questa esperienza, però, mi ha reso più forte”.

GRAVISSIMO LUTTO PER GABRIELE CIRILLI: È MORTA LA MAMMA

Gravissimo lutto per l’attore sulmonese Gabriele Cirilli. Questa mattina nell’ospedale di Sulmona si è spenta la signora Augusta, 83 anni, madre dell’attore. Sono due le occasioni in cui la signora Augusta era apparsa tra il pubblico ultimamente; Prima nel luglio scorso, quando Gabriele è stato protagonista della festa di San Francesco di Paola, annunciando l’evento del premio Ovidio “D’amorosi sensi”, poi il 13 agosto nella serata culminante del premio, nel grande spettacolo in piazza Garibaldi, quando Gabriele si è esibito con Flavio Insinna e Lorena Bianchetti.

In quella occasione lo stesso Insinna, durante lo spettacolo, volle ricordare i raffinati pranzi preparati dalla signora Augusta, per il figlio e per lui, in alcune occasioni di fine settimana trascorsi a Sulmona, durante gli anni degli studi a Roma. Resta il ricordo del sorriso della signora Augusta alle battute del figlio Gabriele e la sua riservatezza. Cosi come rimane indelebile il suo ricordo come volontaria nella Croce Rossa.

TERREMOTO IN IRPINIA: SCOSSA DI MAGNITUDO 3

L’Irpinia, devastata dal terremoto del 1980, torna a tremare e ad avere paura. Intorno alle 12.30, una scossa di magnitudo 3 della Scala Richter si è registrata a Paternopoli, nella provincia di Avellino, epicentro dell’evento sismico. Grande paura tra i cittadini, che hanno sentito la terra tremare sotto i loro piedi e si sono riversati in strada in preda al panico. Molte scuole della zona sono state evacuate precauzionalmente, anche se non si registrano danni a persone o cose. Subito al lavoro la Prefettura di Avellino e la Protezione Civile.

ASIA ARGENTO INSULTA SUA MADRE: “SEI UNA FALLITA, FOTTITI TR***”

Non c’è pace per Asia Argento. Tutta colpa nel nuovo Gossip con Corona: una relazione che non è gradita dalla madre dell’attrice, Daria Nicolodi, che ha commentato così lo scoop di Chi: “Due signori di mezza età con felpa e cappuccetto… che si baciano. Un po’ inguaiata e inguaianti”.

La reazione di Asia Argento è stata durissima. Al punto da mandare un sms al veleno proprio alla Nicolodi. Un messaggino che la madre ha deciso di postare su Twitter: “Mia figlia Asia Argento mi scrive: la mia era una sciarpa, non un cappuccio. Fai schifo. Sei una donna pessima, madre già lo sai, una fallita, sola nel mondo. Torna nel tuo dimenticatoio. Ora hai veramente esagerato. Fottiti tro***

UCCIDE ANZIANA PER 2 EURO: ADOLESCENTE ARRESTATO

Un adolescente russo è arrivato a tagliare via il seno di un’anziana amica di sua nonna, prima di ammazzarla, per rubare l’equivalente di meno di 2 euro. Come riporta il Mirror, citando i procuratori locali, il tredicenne ha fatto irruzione nella casa della vittima, 78enne disabile, armato di un coltello e chiedendo denaro. La sventurata è stata pugnalata alla faccia e al corpo per 60 volte e il suo seno è stato tagliato. Il ragazzino è quindi scappato con 150 rubli – 1.98 euro.

L’efferato crimine è avvenuto nel villaggio di Chesma, nel distretto di Chesmensky nella regione della regione russa di Chelyabinsk, nel centro del Paese. La vittima, che ha riconosciuto il giovane come nipote della sua amica, gli avrebbe chiesto di andarsene prima di essere torturata. Il 13enne si è fermato solo quando si è reso conto che l’anziana non stava più respirando, e dopo aver afferrato i soldi ha lasciato l’appartamento. In seguito con quegli spiccioli, avrebbe fatto un ricarica per il suo cellulare. Il corpo della vittima è stato trovato dai vicini il mattino successivo. 

Un portavoce della polizia ha confermato l’incidente: “Uno studente di 13 anni è stato arrestato. Si tratta del nipote dell’amica della vittima, è stato posto in detenzione temporanea in un’unità sicura per i criminali minorenni. È in corso un’indagine sulle sue motivazioni e ha già confessato il crimine e ha ammesso di aver rubato 150 RUB”. L’età della responsabilità penale in Russia è 14 anni, ma la natura scioccante del crimine potrebbe portare il ragazzino a scontare la sua pena in un istituto speciale per minori in difficoltà.

SPAVENTOSO INCIDENTE IN BRIANZA: SCONTRO TRA AUTO E CAMION

Incidente spettacolare questa mattina all’altezza di Briosco, in provincia di Monza e Brianza. Poco prima delle 9, un tir con rimorchio è finito fuori strada sulla statale 36 in direzione Lecco. Ancora sconosciuta la dinamica dell’incidente che avrebbe coinvolto solo il mezzo pesante, schiantatosi contro le barriere che si trovano a lato della statale. Due le persone coinvolte: si tratta di due uomini di 25 e 48 anni che sembra, fortunatamente, non siano rimasti feriti in modo grave.

Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Milano e i colleghi di Lecco, oltre alla polizia stradale. Agli agenti della polstrada spetterà adesso ricostruire la dinamica dell’incidente. I pompieri stanno lavorando per mettere in sicurezza la statale: la strada risulta bloccata in direzione Lecco, con uscita obbligatoria a Giussano e inevitabili ripercussioni sul traffico.

TROVATA MORTA NELLA SUA CAMERA: PROBABILE OVERDOSE

La 24enne Roxana Chelea, di origine rumena ma da sempre residente in Italia è stata trovata morta nella stanza che un’associazione di Albignasego le aveva messo a disposizione. La causa della morte è probabilmente imputabile ad un’overdose. La notizia della morte di Roxana suscita tristezza e apre inquietanti interrogativi, perché nel giro di quattro giorni sono stati ben tre i decessi nel Padovano su cui incombe l’ombra della droga. Sul suo profilo Facebook si presentava così: “La vita è un labirinto, ma ogni labirinto ha la sua via d’uscita”. La sua, Roxana, non è riuscita a trovarla. Non ha fatto in tempo a superare le difficoltà esistenziali che la tormentavano da mesi e stamani il tragico epilogo.

Sempre più giovani, muoiono per overdose. Un’overdose si verifica quando viene assunta una quantità eccessiva di sostanze stupefacenti o psicotrope (droghe o preparazioni medicinali). Questo fenomeno ha gravi effetti tossici sull’organismo e può rivelarsi letale.

GF VIP MALORE PER JANE ALEXANDER: “NON RESPIRO”

Paura nella notte nella casa del Grande Fratello Vip. Jane Alexander ha avuto un malore. Erano circa le 2.30 di notte quando il fattaccio è successo. Ma cosa ha avuto Jane Alexander? Per via di una discussione tra lei e un altro vip della casa, Walter Nudo. Alla conversazione avevano preso parte anche altri concorrenti del reality ma sono state le parole di Nudo a far sentire male Jane. Quelle avvisaglie, a detta suo, potrebbero essere i sintomi di una malattia. Ma la versione di Nudo ha fatto infuriare Jane Alexander che, in tutta risposta, ha alzato la voce e raccontato il suo dramma personale.

Jane ha perso il padre e la sorella per via del cancro. I tumori di cui si erano ammalati, però, erano asintomatici quindi, quando ha sentito la versione di Walter Nudo, è andata su tutte le furie. Poi, per lo choc, si è sentita male. I vip, quando hanno visto cosa stava succedendo, l’hanno portata subito in camera da letto, mentre lei – che aveva dei tremendi conati di vomito – continuava a lamentare un affaticamento nel respiro. “Sto male”, ripeteva in continuazione. E tutti erano terrorizzati.

Pian piano, poi, l’attrice si è sentita meglio. Per fortuna. Il punto è che Jane Alexander sostiene che il messaggio lanciato da Walter Nudo sia sbagliato. Ha anche detto che fare prevenzione è l’unico modo per prevenire in tempo le malattie. A quel punto, Walter Nudo, che non aveva alcuna intenzione di sollevare quel polverone, né tantomeno voleva riaprire una vecchia ferita dell’attrice, si è scusato. Nel frattempo, in rete, è scoppiata una discussione tra i sostenitori di Nudo e quelli della Alexander. 

CARABINIERE INSEGUE LADRO: MUORE INVESTITO DA UN TRENO

Inseguiva un ladro in fuga, ha scavalcato il muro della stazione ferroviaria ed è stato investito da un treno in corsa. Questa la tragedia morte del brigadiere dei carabinieri Emanuele Reali, 34 anni, in forza al nucleo radiomobile di Caserta. La tragedia è avvenuta a cinquecento metri dalla stazione di Caserta. L’inseguimento è iniziato dopo che una banda di ladri ha assaltato diverse case nella zona residenziale della città. Due di essi sono stati intercettati e fermati, gli altri sono scappati. Uno di loro è riuscito a fuggire sui binari dove il brigadiere lo ha inseguito; a quel punto é sopraggiunto il convoglio che ha centrato il militare uccidendolo sul colpo.

 Il carabiniere era sposato, aveva due figli e abitava a Bellona, nel Casertano.  Sul luogo della tragedia sono arrivati  il generale di brigata Maurizio Stefanizzi, comandante della Legione Carabinieri Campania, il comandante provinciale dei carabinieri di Caserta, colonnello Alberto Maestri, e il tenente colonnello Nicola Mirante.  «Un carabiniere di 34 anni, Emanuele Reali, è stato travolto e ucciso da un treno mentre stava inseguendo un delinquente. È successo a Caserta. Lascia moglie e due figli piccoli. Una preghiera e un abbraccio alla famiglia e agli amici di Emanuele e a tutte le Forze dell’Ordine» ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

TROVATO CADAVERE SUL LUNGO MARRE DI OSTIA

Un cadavere è stato trovato questa mattina a Ostia sul lungomare Amerigo Vespucci. Intorno alle 10.30 alcuni passanti hanno notato in un’aiuola un corpo accasciato con la faccia riversa in terra, e, preoccupati, hanno immediatamente chiamato i soccorsi. Quando sul posto è arrivato il personale sanitario del 118 non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo, di cui ancora non si conoscono le generalità, e che da quanto si apprende sarebbe un uomo sulla sessantina, uno dei senza tetto che frequentano la zona. Le forze dell’ordine hanno transennato la zona per rendere possibile i rilievi della scientifica.

Sul corpo dell’uomo, su cui non sembrano esserci segni evidenti di violenza, è stata disposta l’autopsia per accertare le cause del decesso. La circostanza del ritrovamento del cadavere con i pantaloni e la biancheria intima abbassati, fa ipotizzare che possa essere morto a seguito o durante un rapporto sessuale a causa di un malore. Soltanto gli esami autoptici potranno fare chiarezza sulla morte.

Le forze dell’ordine stanno indagando sul caso per capire come l’uomo sia finito in quel posto e se, al momento del decesso, fosse o meno solo. Nessuna pista è esclusa, tutte le ipotesi sono al vaglio degli inquirenti. 

LUTTO NELLO SCI: È MORTO LUCA BARANDUN A SOLI 24 ANNI

Tragedia per lo sci svizzero e mondiale. Il 24enne Gian Luca Barandun, atleta elvetico specialista della velocità, è morto dopo un incidente in parapendio. Sono proprio i media elvetici a riportare la tragica notizia: l’incidente è avvenuto domenica mattina a Schluein, nel Cantone dei Grigioni. Poco prima delle 11, mentre stava facendo una manovra per avvicinarsi al punto di atterraggio, Barandun è precipitato. Sulle dinamiche precise dell’incidente stanno indagando le autorità, mentre tutto il mondo dello sci svizzero è sotto choc.

Il ragazzo stava compiendo un volo di addestramento in parapendio, ed era partito da Ladir, purtroppo nella fase di preparazione all’atterraggio qualcosa è andato storto e il discesista rossocrociato ha finito con il perdere il controllo del mezzo, impattando violentemente al suolo: i soccorsi sono stati immediati ma la caduta è purtroppo stata fatale.

La Federazione svizzera in un comunicato ha espresso tutto il suo cordoglio: “Siamo profondamente addolorati. Swiss Ski si stringe attorno alla famiglia in questo momento difficile”.

FILIPPO MAGNINI SQUALIFICATO PER 4 ANNI: È UFFICIALE

Quattro anni di squalifica a fronte della richiesta di otto. La Prima sezione del Tribunale nazionale anti doping riconosce la colpevolezza di Filippo Magnini e Michele Santucci ma accoglie solo in parte la mozione della Procura che aveva invocato nei confronti del nuotatore e dell’altro velocista in vasca una pena più severa. Uso o tentato uso di doping è l’accusa che ha messo nei guai i due sportivi.

Il primo, due volte campione del mondo nella specialità dei 100 metri stile libero a Montreal e a Melbourne sconta così la frequentazione con il nutrizionista Guido Porcellini, a sua volta squalificato per 30 anni e a processo penale a Pesaro. Magnini – ritiratosi ufficialmente un anno fa e mai risultato positivo nel corso della sua carriera – s’era detto del tutto estraneo rispetto alle contestazioni mosse dalla Procura e professato innocente facendo leva anche sull’archiviazione da parte del tribunale penale di ogni procedimento per una sua eventuale responsabilità. La Procura sportiva è stata di diverso avviso mostrando severità e soprattutto la volontà di punire anche solo il sospetto che potesse aver fatto uso di sostanze proibite. Quanto a Santucci, si vede sostanzialmente confermata quella che era stata la richiesta formulata a giugno scorso (4 anni).

Condannati in primo grado, ora sia Magnini che Santucci potranno impugnare l’atto e fare ricorso in appello. Qualora nemmeno questo passaggio servisse per vedere riconosciuta la propria innocenza, in ultima istanza potranno rivolgersi al Tribunale sportivo (Tas) di Losanna. Dal processo di alcune settimane fa, Magnini era uscito più ottimista: “Ho raccontato semplicemente la verità e ora sono tranquillo. Che sono totalmente estraneo ai fatti”.

BOXE: MUORE L’EX PUGLIE MARIO MELO. FATALE GARA DI CROISSANT

Boxe, morto l’ex pugile Mario Melo: stava partecipando a una gara di croissant, era diabetico. Il cinquantaseienne argentino, di origini italiane, è morto dopo aver mangiato tre cornetti durante la “Fiesta de la Medialuna” vicino Buenos Aires. Era stato campione dei pesi massimi in Sud America negli anni Novanta, si era ritirato nel ’98.

Stava partecipando alla “Fiesta de la Medialuna” (nome con cui si indicano le brioche in Argentina), nella cittadina di Pinamar, vicino Buenos Aires. La competizione premiava chi riusciva a mangiare il maggior numero di cornetti in un minuto. Melo si sarebbe sentito male mentre era al terzo croissant, al primo turno. Sembra fosse diabetico.

FABRIZIO CORONA BACIA ASIA ARGENTO: STANNO INSIEME

Il bacio appassionato tra Fabrizio Corona e Asia Argento arriva come un fulmine a ciel sereno. Lo scoop è del settimanale Chi che ha paparazzato i due mente si baciavano dopo un pranzo tra abbracci e coccole. “Ci siamo conosciuti per lavoro e quando ci siamo incontrati una chiacchierata di due minuti si è prolungata due ore”, racconta Asia al settimanale, in edicola domani mercoledì 7 settembre. “Quando parlavamo, senza alcuna barriera, ho colto un dolore che ci accomuna, forse perché entrambi arriviamo da un momento di sofferenza e forte ingiustizia”, aggiunge.

“Spiritualmente ho visto dentro di lui qualcosa di rotto – dice, che poi c’è anche dentro di me e, forse, vedere così la sua anima, mi ha portato ad abbracciarlo e ha fatto nascere una grande empatia”. E ancora: “Fabrizio è un ragazzo intelligente e se usasse questa dote per fare del bene potrebbe davvero creare qualcosa di grande. Il fatto è che lui davanti al bivio tra bene e male sceglie sempre la strada sbagliata… ma d’altronde, a lui come a me manca la saggezza di vita”.

Poi racconta: “Anche mia madre mi ha detto: ‘Non fidarti di lui’, però, che cosa devo fare? Ci dipingono come dannati, già vedo i titoli dei giornali ‘ecco Bonnie&Clyde’, ma in realtà siamo due anime buone, la nostra è solo rabbia”. L’attrice, coinvolta nelle accuse di molestie da parte del giovane collega Jimmy Bennett, racconta gli ultimi difficili mesi. “Ho vissuto come un’eremita immersa nel dolore e se oggi ho trovato l’affetto in una persona che si chiama Fabrizio Corona, lasciatemi sognare in pace”. E se dovesse tradire la tua fiducia? “L’ho messo in conto, ma perde lui”.

MADRE INCINTA MUORE IN UN TRAGICO INCIDENTE A BENEVENTO: AVEVA GIÀ 4 FIGLI

Un drammatico incidente quello sulla Tangenziale Ovest di Benevento, nel quale ha purtroppo perso la vita una 37enne incinta. La donna viaggiava, insieme ad altre 4 persone, su una Fiat Multipla che si è scontrata, per cause ancora in corso di accertamento, con una Lancia Ypsilon. La 37enne è stata immediatamente soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata all’ospedale Rummo: purtroppo, nonostante i disperati tentativi, i medici non sono riusciti ad evitare prima il decesso del bambino che aveva in grembo e poi quello della donna, madre di quattro figli. 
L’impatto è stato violentissimo, al punto che si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco per estrarre tutte le persone coinvolte nell’incidente dalle lamiere. Oltre alla 37enne incinta, tragicamente deceduta, nell’incidente sono rimaste ferite anche altre 5 persone, tutte ricoverate tra gli ospedali Rummo e Fatebenefratelli. Due persone sarebbero in gravi condizioni di salute.

ELEONORA DANIELE MINACCIATA DI MORTE IN DIRETTA A STORIE ITALIANE

‘Storie italiane”, spin-off di Unomattina, in onda su Rai 1 dal 2011 e condotto da Eleonora Daniele dal 2013, si è aperto con un servizio che ha lasciato senza parole telespettatori e conduttrice. Protagonista del fatto la giornalista Maria Grazia Sarrocco, l’inviata del programma che ha raccontato in tv di essere stata minacciata, intimidita e spinta a spegnere le telecamere mentre con la troupe era in strada a documentare quello che succede nel quartiere della droga. Nei giorni scorsi la Sarrocco ha infatti spiegato che, all’interno del rione, vige un sistema di spaccio che coinvolgerebbe nel ruolo di sentinelle alcune delle donne che lì risiedono. Secondo l’ipotesi dell’inviata di Storie italiane, che cita fonti investigative, ci sarebbero delle persone appostate giorno e notte che avvertono gli spacciatori della presenza delle forze dell’ordine consentendo quindi ai delinquenti di non esser colti in flagranza di reato.

Alla troupe di Storie Italiane è stato impedito il collegamento all’orario previsto, con alcuni momenti di tensione: ma grazie al tempestivo intervento delle forze dell’ordine locali, il lavoro della troupe ha potuto riprendere prima del termine della trasmissione. La stessa Eleonora Daniele, ha ringraziato i carabinieri per l’aiuto e ha fatto sapere che le telecamere Rai torneranno a Librino tra domani e i prossimi giorni. 

Una città costantemente invasa da fiumi di droga. Non servono le conferme, a parlare  sono spesso le cifre di denaro sequestrate a chi gestisce le cosiddette “piazze” di spaccio.Lo scorso maggio i carabinieri di Fontanarossa hanno arrestato quattro catanesi, due 17enni, un 18enne ed un 23enne, con l’accusa di concorso in spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, dopo una perquisizione in via San Jacopo, a Librino. Utilizzavano come base l’abitazione di uno dei quattro e, piazzandosi in strada, ricevano dalla finestra le dosi richieste dal cliente di turno per poi andarle a piazzare ai clienti.

ELISA ISOARDI HA UN AMANTE: ECCO CHI È

“Matteo Salvini e io ci siamo lasciati due mesi e mezzo fa, prima che fossero decise le nomine Rai, il che dimostra che, contrariamente a quanto dicono le malelingue, non ho mai sfruttato il nostro rapporto che, ripeto, è stato un grande amore”. Così Elisa Isoardi conferma in esclusiva al settimanale Chi, in edicola da mercoledì 7 novembre, i motivi della sua clamorosa rottura con Matteo Salvini, ministro dell’Interno e vicepremier, al quale era legata da quasi tre anni.

Al settimanale diretto da Alfonso Signorini la conduttrice de “La prova del cuoco” spiega: “La nostra storia d’amore si è chiusa già da tempo: la verità è che ci siamo lasciati due mesi e mezzo fa. Qual è stato il motivo della nostra rottura? La lontananza, causata dai troppi impegni di entrambi”. Il settimanale Chi cerca di far luce anche su un’altra questione. Nei giorni scorsi, infatti, Elisa Isoardi è stata fotografata sempre accanto a un uomo, Andrea Spano, che la segue come un’ombra ovunque vada. Non si tratta però del nuovo compagno, almeno a quanto dice lei, bensì di un collaboratore che la Isoardi ha assunto dopo essere stata vittima di un grave episodio di stalking che va avanti da quasi dieci anni. E qui sorge spontanea una domanda: ma l’Andrea Spano che Elisa Isoardi accredita come suo bodyguard è lo stesso che è stato condannato per truffa a tre anni di reclusione nel 2009 oppure, si chiede ancora Dagospia, è solo un omonimo? E ancora: perché si ricorda di denunciarlo solo oggi dopo 10 anni di molestie?  È come mai solo ora che Dagospia ha svelato che i paparazzi l’hanno immortalata insieme al suddetto Spano? Mistero. Sta di fatto che la conduttrice è di fatto perseguitata da un uomo che la bombarda con deliranti lettere d’amore e che in più di un’occasione ha tentato di spacciarsi per il suo compagno e di venire in contatto con lei. Gli episodi di stalking di questa persona (già condannata per lesioni) sono aumentati negli ultimi tempi, creando uno stato di ansia alla conduttrice.

Fino all’ultimo episodio accaduto pochi giorni fa, che ha visto l’uomo tentare di entrare negli studi della Rai dove Elisa stava conducendo “La prova del cuoco”.

MATLEMPO AGRIGENTO: CROLLA LA CASA DI CAMILLERI

C’è anche la casa di famiglia di Andrea Camilleri tra gli edifici distrutti dal maltempo che nelle scorse ore ha imperversato in Sicilia. Si tratta della vecchia casa dei nonni materni dello scrittore siciliano che in futuro doveva essere destinata ad ospitare la fondazione dedicata proprio al “papà” di Montalbano. L’edificio si trova a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, e dopo le forti pioggie dei giorni scorsi la struttura già vecchia e da ristrutturare è letteralmente crollata su se stessa. L’edificio di campagna della famiglia Fragapane-Camilleri infatti era stato per anni luogo di frequentazione di Andrea Camilleri, soprattutto in gioventù. quando trascorreva il tempo coi nonni in quei  “pellegrinaggi estivi”  raccontati più volte in testi ed interviste. A crollare in particolare è stata la parte centrale dello stabile di via dello Sport già da tempo in condizioni di forte precarietà. La mancata cura e le incessanti piogge ne hanno decretato la fine. Molto probabilmente infatti ora l’intero stabile sarà abbattuto per questioni di sicurezza.  

“Stiamo valutando i danni è crollata la parte centrale della casa ed adesso non possiamo escludere che debba essere demolita interamente. Intanto però stiamo mettendo in sicurezza la strada che passa affianco allo storico fabbricato,

unica via di collegamento per molte famiglie e la città” spiegano dall’ufficio tecnico. La casa sarebbe dovuta diventare anche una delle tappe della Strada degli scrittori, il progetto che ha l’intenzione di unire i luoghi di Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia e appunto Andrea Camilleri. “In realtà solo un progetto in attesa di passi concreti, si era in attesa di un recupero effettivo dell’immobile e della piena operatività della fondazione” ha spiegato il presidente Felice Cavallaro, auspicando “che si faccia il possibile per salvare questo pezzo di patrimonio culturale della nostra terra, mentre non si può più perdere tempo nel far sì che la fondazione Camilleri diventi operativa, mentre lo stesso scrittore è ancora tra noi”.

METEO NESSUNA TREGUA: TORNA IL MALTEMPO NEI PROSSIMI GIORNI

Meteo, il maltempo non da tregua e si attendono ancora piogge e temporali sull’Italia. Questa nuova fase di maltempo, sarà colpa di una seconda perturbazione che è arrivata sul nostro Paese con un ulteriore carico di nubi e pioggia. Ad essere colpito soprattutto il centro nord anche se continua la fase di caldo anomalo.

Stessa situazione meteorologica anche per la giornata di mercoledì quando avremo prevalenza di nuvole su quasi tutte le regioni anche se non mancheranno schiarite al Centro-Sud, specie nel pomeriggio. Le piogge interesseranno maggiormente  il Triveneto, la Liguria e l’arco alpino dove sono previste anche nevicate oltre i 1800 metri. 

MAESTRA MUORE NEL SONNO A 33 ANNI: ADDIO AD ARIANNA MIELE

Morta nel sonno a soli 33 anni la maestra napoletana Arianna Miele era insegnante napoletana in servizio presso il 58esimo circolo ‘John Fitzgerald Kennedy’ di Secondigliano-Scampia. Una morte improvvisa che ha lasciato tutti gli amici e i genitori dei piccoli alunni nel più totale sconforto.

“Eri l’immagine della bellezza e della gioia di vivere, non posso crederci”, scrive un’amica. A quanto pare la giovane insegnante sarebbe convolata a nozze ben presto. “Rimarrai nel cuore di tutti i bambini che hanno avuto la fortuna di averti come maestra”, scrivono alcuni conoscenti sulla pagina di Arianna. 

FLAVIO INSINNA DERIDE CONCORRENTE: GELO IN STUDIO A L’EREDITÀ

Non c’è pace per Flavio Insinna, alla conduzione de L’Eredità. L’ennesima caduta di stile ha visto come protagonista un concorrente di nome Francesco, che stava facendo un’operazione matematica che in apparenza sembrava semplice. Si trattava di calcolare il risultato di 995,5 × 2 e la risposta esatta era chiaramente 1991, un anno di nascita. Il concorrente tuttavia non ha saputo portare a termine la moltiplicazione.

Flavio Insinna non è riuscito a trattenersi e ha espresso imbarazzo e sorpresa per l’incapacità del ragazzo. Il pubblico in studio e anche lo stesso concorrente sono rimasti sbigottiti dalla reazione di Insinna, che sembrava dire “Se non sei in grado di fare nemmeno questo…”. Insomma, il pungente sarcasmo del conduttore ha fatto rimanere male il ragazzo.

RITROVATA MARGHERITA ESPOSITO: È IN BUONE CONDIZIONI DI SALUTE

Bellissime notizie per la famiglia di Margherita Esposito, la mamma quarantenne scomparsa lo scorso 31 ottobre da San Giuseppe Vesuviano. La donna è stata ritrovata viva nella stazione della Circumvesuviana di Somma Vesuviana, non distante dal luogo della sua sparizione avvenuta mercoledì scorso nella cittadina del napoletano. Il ritrovamento è avvenuto dopo che era stata individuata la macchina della donna, che si trovava poco lontano dalla stazione.

Per ora, non è chiaro se si tratti di un allontanamento volontario o meno. Gli inquirenti scoperta la sua automobile, sono arrivati in stazione ed hanno trovato la donna in buone condizioni fisiche.

GRAVE LUTTO PER VITTORIO SGARBI: “È MORTO DA EROE”

Tra i morti per il maltempo in Sicilia c’è anche un amico di Vittorio Sgarbi. Ed proprio il critico d’arte e sindaco di Sutri (Viterbo) da Tirana dove è in partenza per la Sicilia a ricordare il suo amico generoso e dinamico: “Apprendo la notizia con la tristezza di chi perde un vero amico”, afferma Sgarbi, “Ho sentito altre persone. E mi pare che si tratti davvero dell’atto eroico di chi rischia la propria vita per salvarne un’altra… Fu lui, Alessandro, a costringermi a fare una seconda lista quando ci candidammo di nuovo per Salemi. Una lista senza agganci con forze locali. Nemmeno Forza Italia. Estroverso, con il padre Giuseppe preparò un libro ricco di foto su Salemi intitolato ‘Storia di un paese da Cicerone e Sgarbi.

”Qualcuno sorriderà ma l’accostamento fra questi due ‘miti’ lo fecero davvero. Un libro bellissimo, tanto che la Bompiani lo pubblicò . E poi insieme padre e figlio fecero il vino dell’Unità chiamato ‘1860’, quello che donammo al presidente Napolitano quando venne in visita a Salemi… Tutti ricordi che tornano in mente in questo giorno di dolore che doveva essere un giorno di festa, di un nuovo incontro per tornare insieme nel Belice, a Gibellina…”.

BENZINA COSTO IN AUMENTO: NEL 2018 GLI ITALIANI HANNO SPESO 3,5 MILIARDI DI EURO IN PIÙ

Una tra le spese più consistenti per gli automobilisti è senza dubbio quella relativa al carburante: l’acquisto di benzina o gasolio rappresenta una fetta importante nei costi di gestione di un veicolo soprattutto alla luce dei rincari che nell’ultimo anno si sono verificati ai distributori. 

Un vero e proprio salasso per gli italiani al volante che nei primi nove mesi del 2018 hanno speso per l’acquisto del carburante ben 43,7 miliardi, con un incremento di 3,5 miliardi  – ossia l’8,7% in più –  rispetto allo stesso periodo del 2017. Un aumento, quello registrato dagli automobilisti

solo parzialmente dovuto alla crescita dei consumi di circa 582 milioni di litri di benzina e gasolio in più, pari al +2,1%. La causa della differenza di spesa rispetto all’anno precedente è da attribuire principalmente al rincaro dei prezzi di diesel e benzina in Italia con il gasolio che, secondi i dati del Centro Studi Promotor, ha fatto registrare un’impennata del 7,26% passando da 1,377 euro/litro a 1,477 euro/litro. Più contenuto, ma comunque significativo, il prezzo della benzina che é invece salita del 4,92% attestandosi sul prezzo medio ponderato di 1,6 euro per litro. Numeri che potrebbero portare la spesa totale degli italiani per la benzina e il gasolio a quota 58 miliardi di euro nell’anno corrente se il trend dovesse continuare ad essere questo;

il picco registrato nel 2012, quando si arrivò a toccare i  67,4 miliardi di euro è ancora lontano, ma la situazione comincia ad essere preoccupante per gli automobilisti costretti a spendere sempre di più per acquistare il carburante auto. Un aumento che non porta benefici neanche allo Stato visto che solo una minima parte è finita nella tasche dell’Erario: nei primi nove mesi del 2018, infatti, l’incremento di 3,501 miliardi di spesa è andato per 2,514 miliardi alla componente industriale, mentre all’Erario sono andati 987 milioni.

MATTEO SALVINI E ELISA ISOARDI SI SONO LASCIATI: È UFFICIALE

“Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora”. Con una foto privatissima (possiamo considerarlo un aftersex?) accompagnata da una frase di Gio Evan, ormai il suo autore di riferimento, Elisa Isoardi ufficializza la fine della sua relazione con il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Alla foto che li mostra abbracciati sul letto, lui a petto nudo, lei in accappatoio, la conduttrice de “La prova del cuoco” chiude così il suo messaggio: “Con immenso rispetto dell’amore vero che c’è stato. Grazie Matteo”. 

I primi segnali di crisi tra Elisa Isoardi e Matteo Salvini si erano palesati già nel 2017, quando i paparazzi sorpresero Elisa mentre baciava l’avvocato Matteo Placidi. In quei giorni, vi fu un proliferare di voci incontrollate, la più autorevole fu quella di Vittorio Feltri che a “La Zanzara” chiariva che Salvini aveva lasciato la conduttrice de La prova del cuoco, un mese prima. Ma pochi mesi dopo, attraverso una diretta Facebook, Matteo Salvini smentiva tutto: “Abbiamo solo problemi come ogni coppia”. E nel mese successivo, la coppia appariva in pubblico con disinvoltura mostrando che la precedente crisi era ormai superata.

Il 2018 è stato l’anno delle apparizioni in pubblico, come al Festival di Sanremo 2018 e l’estate d’amore trascorsa insieme a Milano Marittima. Nulla lasciava presagire la conclusione della storia d’amore quando, in pieno agosto, sulle pagine di “Chi” il “vice-premier” e la conduttrice apparivano stretti e abbracciati sotto l’ombrellone di uno stabilimento balneare. Una prova ulteriore del superamento della crisi, è rappresentata dal tweet che Matteo Salvini pubblicò a settembre, in occasione della prima puntata della nuova edizione de “La prova del cuoco”, condotta proprio da Elisa Isoardi: “Faccio il tifo per te”, aveva scritto il ministro dell’Interno. C’erano voci di una possibile separazione, dovuta a una serie di messaggi sibillini della stessa Isoardi ma sul web si associavano al non facile periodo di adattamento della conduttrice nella nuova trasmissione e per il difficile testimone raccolto da Antonella Clerici.

PENSIONI LEGGE 104 E BONUS DA 1000 EURO: ECCO A CHI SPETTA

La Legge 104 del 1992, all’articolo 33 prevede la disciplina delle agevolazioni che sono riconosciute a tutti i lavoratori che soffrono di patologie o di disabilità gravi, ma anche di tutti i loro familiari che assistono un familiare che si trova in una situazione di non autosufficienza.

Nello specifico li aventi diritto, tutti lavoratori dipendenti, possono essere suddivisi in: il disabile; il coniuge del disabile; i genitori del disabile; i parenti affini del disabile entro il secondo grado, o addirittura terzo grado di parentela nel caso in cui vengano a mancare tutti gli altri aventi diritto sopra citati. Dal 2017 la categoria degli aventi diritto viene estesa  anche ai conviventi di fatto o alle parti di unione civile. 

La Legge 104 del 1992 prevede per gli aventi diritto la fruizione di permessi e congedi retribuiti, che possono essere goduti in tre giorni di riposo mensili o in riposi giornalieri di due o tre ore. La fruizione per genitori o familiari lavoratori dipendenti che godono delle agevolazioni previste dalla Legge 104, è proporzionata all’età del figlio o del parente disabile e varia se questo sia di età inferiore ai tre anni o se di un’età compresa tra i tre e gli otto anni. Per poter beneficiare delle agevolazioni relative ai permessi e ai congedi retribuiti previste dalla Legge 104 è necessario presentare una domanda, simile ad un’autocertificazione, in cui si richieda la possibilità di usufruire di tale agevolazione e in cui si alleghi il certificato d’invalidità del familiare che necessita di assistenza. 

Se si appartiene al settore pubblico la domanda dovrà essere valutata dai dirigenti dell’amministrazione alla quale si fa riferimento, mentre se si appartiene al settore privato, si dovrà compilare un modulo predisposto dall’Inps e sottoporsi ad una visita medica che certifichi la validità della domanda.

LA TRAGEDIA DI PASQUALE: MUORE A 14 ANNI PER UNA CAPRIOLA

Il 14enne Pasquale Manzo ha trovato una morte improvvisa e assurda che ha sconvolto l’intera città di Pompei, nella provincia di Napoli. Pasquale, in occasione del Ponte di Ognissanti, era volato in Algeria, per fare visita al padre, brigadiere impegnato in una missione all’estero. Nella giornata di sabato 3 novembre, il ragazzino stava giocando in un giardino, rotolandosi spensierato nell’erba, quando, intento a fare una capriola, è caduto rovinosamente al suolo.

Inutili i tentativi di rianimarlo messi in atto dal padre subito e dai  sanitari giunti poco dopo sul posto: trasportato in ospedale, il 14enne è arrivato al nosocomio già privo di vita. Le autorità algerine non hanno ritenuto necessario effettuare l’autopsia sul corpo di Pasquale, dal momento che la dinamica dell’incidente che ha portato alla sua morte è chiara. La salma del ragazzino dovrebbe arrivare in Italia nei prossimi giorni, affinché a Pompei si possano svolgere i funerali.

Sui social, il presidente del consiglio comunale di Pompei, Francesco Gallo, ha voluto esprimere il suo cordoglio alla famiglia di Pasquale Manzo: “Un ragazzo conosciuto e voluto bene da tutti a Pompei, che amava trascorrere le sue giornate tra lo studio (era studente del liceo scientifico Ernesto Pascal), i suoi amici, i suoi giochi ed il suo Napoli. Affettuoso con tutti ma soprattutto con un animo generoso. Come non ricordare  il suo sorriso aperto, accogliente e rispettoso che faceva ad ogni persona che incontrava. Una tragedia che ha gettato nello sconforto non solo una intera famiglia, ma una intera comunità cittadina. L’intero consiglio comunale vuole stringersi intorno a tutta la famiglia, a Carmine Massaro, (Vice Sindaco della Città di Pompei e zio di Pasquale) per condividere con loro questo immenso dolore. A tutti loro la nostra vicinanza ed il nostro affetto”.

RAOUL BOVA È DIVENTATO PAPÀ: È NATA ALMA

“Bienvenida, mi Alma”. Rocio Munoz Morales ha annunciato così su Instagram la nascita della secondogenita nata dalla relazione con Raoul Bova. Dopo Luna, nata nel 2015, ecco Alma. Le foto delle sue tenere manine sono state pubblicate poco fa sul canale Instagram dell’attrice spagnola, quindi ricondivise da Raoul Bova: 

“Benvenuta, anima mia”. È una splendida notizia per casa Bova-Munoz Morales, la famiglia ora si allergia ed è composta di 4 persone. Il secondo figlio della coppia non cambia il loro stato sentimentale poichè la nascita di Alma, quindi, Rocio e Raul hanno detto più volte di sentirsi già “sposati nell’anima”.

MALTEMPO STRAGE DI BAMBINI: FEDERICO, RACHELE, FRANCESCO AFFOGATI NEL FANGO

Nella terribile tragedia del maltempo ieri a perdere la vita sono stati anche tre minori: la più piccola, Rachele Giordano, aveva solo 1 anno, ed è deceduta insieme alla mamma Stefania, 32 anni, e al fratello maggiore, Federico, 15 anni. Quest’ultimo ha tentato l’impossibile pur di salvare la sorellina. E’ salito su un letto e ha preso la Rachele ha detto al papà: “La tengo io”, ma non ce l’ha fatta. Il loro papà, Giuseppe, è riuscito a sopravvivere trascinato fuori dalla villetta dal fango, è riuscito a salvarsi aggrappandosi ad un albero

Si è salvato anche lo zio Luca Rughoo, che era uscito a fare la spesa con la nipote Asia, 13 anni. Stavano andando a comprare dei dolci per la festa. Purtroppo, però ora piange il figlioletto Francesco, 3 anni, la moglie Monia Giordano e la mamma Nunzia Flamia. “Mio figlio era il mio cuore, tutto per me”, ha detto con la voce rotta dal pianto e dalla disperazione.

La di Termini Imerese ha annunciato l’apertura di un fascicolo per la tragedia di Casteldaccia. Il procuratore Ambrogio Cartosio ha spiegato che è ancora tutto da valutare: “Stiamo accertando se gli edifici interessati dalla piena del fiume Milicia siano stati costruiti nel rispetto delle leggi e con le concessioni necessarie. Da primissime valutazioni, però, fatte sorvolando la zona, alcune costruzioni sembra siano molto più vicina all’alveo dei 150 metri di rispetto imposti dalle norme”.

 

AL BANO HA AVUTO UN MALORE: PREOCCUPATI PER LE SUE CONDIZIONI

Giallo a Domenica Live. Barbara D’Urso attendeva tra gli ospiti della puntata Al Bano, na ha improvvisamente annunciato che il cantante non sarà presente in trasmissione a causa di un malore che l’avrebbe colto la scorsa notte. Durante il collegamento con il Tg5, la conduttrice ha spiegato quale sarebbe il motivo per il quale sarebbe saltata l’ospitata di Al Bano a Domenica Live:

“Siamo molto preoccupati per Al Bano perché sarebbe dovuto essere nostro ospite ma sembra si sia sentito male ieri sera, perciò stiamo aspettando notizie dai medici. Vi faremo sapere alle 14”. Attualmente, non ci sono notizie certe sulle condizioni di salute di Al Bano e la D’Urso ha annunciato che fornirà ulteriori aggiornamenti sulla vicenda nel corso della trasmissione.

MALTEMPO, IRA SOCIAL PER IL SELFIE DI SALVINI. LUI REPLICA: “ME NE FREGO”

Dodici morti in Sicilia, Salvini posta foto in cui ride e fa il gesto del like: scoppia polemica sui social. Polemiche per la foto postata di prima mattina dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, dove lo si vede sorridente e felice prima di andare in visita in provincia di Belluno, nelle zone dove poche ore fa c’è stata un’alluvione. Ciò che ha provocato l’ira del web è che non è stato fatto alcun riferimento alla tragedia che ha colpito la Sicilia, dove il maltempo ha causato 12 morti. Salvini non ha replicato alle critiche.

Nei minuti successi ha pubblicato numerosi aggiornamenti della visita fatta con il Presidente della regione Luca Zaia. In Sicilia è invece arrivato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per dare solidarietà e vicinanza agli abitanti.

INCIDENTE MORTALE A LATINA: È MORTA A 41 ANNI

È morta Diana De Filippis a soli 41 anni in un tragico incidente avvenuto all’altezza della frazione di Valle Bernardo. La donna era al volante della sua Fiat Punto quando ha perso il controllo del veicolo e si è scontrata frontalmente con un furgone per poi schiantarsi contro un muretto. Un impatto violentissimo che purtroppo non le ha lasciato scampo. All’arrivo dei soccorsi del 118 i medici e infermieri hanno stabilizzato le condizioni della ferita con l’obiettivo di elitrasportarla a Latina ma, purtroppo, la 41enne è deceduta poco dopo essere arrivata al San Giovanni di Dio di Fondi. Necessario anche l’intervento dei vigili del fuoco.

A causare l’incidente, scrive il Messaggero, potrebbero essere state una serie di concause: il curvone, il manto stradale reso viscido dalla pioggia e un residuo di carburante perso forse da un camion o da un pullman passato poco prima. Sotto shock il conducente del furgone, un uomo residente a Fondi, che aveva preso a noleggio il mezzo cassonato per un trasporto.


MALTEMPO, STRAGE A PALERMO: FIUME SOMMERGE UNA VILLA. DIECI MORTI, ANNEGATI DUE BAMBINI

E’ riuscito a salvarsi per miracolo, perché era uscito a fare una commissione con sua nipote Asia, di 13 anni, mentre il resto della sua famiglia, la moglie, il figlio piccolo, i genitori, i fratelli e alcuni amici, venivano travolti dal fiume Milicia, a Casteldaccia, in provincia di Palermo. Luca Giordano, tra i sopravvissuti della tragedia della villetta, nella quale hanno perso la vita 9 persone, non riesce a darsi pace. “Era bellissimo. Era il mio cuore. Non c’è più”, ha detto sotto shock davanti ai vigili dei fuoco fuori al luogo della strage riferendosi al bimbo, tra i più giovani ad aver perso la vita nella notte tra sabato 3 e domenica 4 novembre. “Io, mio marito e mio figlio di 6 mesi siamo salvi per miracolo. 

Eravamo in quella casa fino alle 14″, ha raccontato Clara Alongi, moglie di Matteo Giordano, figlio di due delle vittime della tragedia a Casteldaccia, dove si trovavano per trascorrere con il resto della famiglia il ponte di Ognissanti. “Noi siamo andati via perché il nostro bimbo è neonato”, ha sottolineato la donna alla stampa locale.

MOTOGP MALESIA 2018: MARQUEZ VINCE, ROSSI CADE IN TESTA A 4 GIRI DALLA FINE

Marc Marquez vince il GP della Malesia e porta casa il nono successo di una stagione già perfetta. Il pilota Honda ha approfittato della clamorosa caduta di Valentino Rossi, fino a 4 giri dalla fine in testa alla corsa, per tagliare vincere in solitaria davanti alla Suzuki di Rins e alla Yamaha Tech 3 di Zarco. Solo 6° Dovizioso, con una Ducati veraemente in difficoltà per tutta la gara. Caduta e ritiro per Iannone.


 

EMANUELA FOLLIERO: MIO PADRE È MORTO MA MI MANDA SEGNALI

Emanuela Folliero ha parlato oggi a Verissimo del padre morto. L’ex annunciatrice, però, è convinta di averlo avuto vicino per tutto il tempo. «Ci sono stati dei segnali prima del matrimonio. Ero lì a Torino e c’era sul marciapiede seduta una vecchietta. Aveva pantaloncini corti e una canottiera, pochissimi capelli in testa e senza denti. Sono passata e le ho dato dieci euro. Ho fatto dieci passi, torno indietro, ma non c’era più. Non era possibile che sparisse così, mi aveva preso la mano e mi aveva detto ‘Gesù ti vuole bene’». 

«Finito il matrimonio, mio marito prende un orologio che non mettevo da dieci anni e la data era proprio del nostro matrimonio. In questi momenti ti viene in mente che ci siano dei segnali che se tu sai vedere e cogliere arrivano dalle persone care che non ci sono più. Sono cose che non devono intristire, ma fare sorridere. Mio papà prima di morire mi disse ‘Come farete? L’unica maniera affinché vi ricordiate di me è parlare di me».

MORTO IL FIGLIO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI VENTIMIGLIA: TRAGICO INCIDENTE

La città di Ventimiglia è sconvolta dalla morte di Giuseppe De Leo, 24 anni figlio del Presidente del Consiglio comunale Domenico. Il giovane stava studiando Medicina all’Università di Genova, si trovava in vacanza in Croazia. Secondo le prime notizie arrivate questa mattina, ieri sera stava viaggiando insieme ad alcuni amici a bordo di un’auto, quando è stato coinvolto in un fatale incidente. Al momento non si conosce il numero dei giovani che erano sull’auto, ma si è saputo che Giuseppe è morto.

La notizia è rimbalzata nelle ultime ore nella città di confine e, oltre a sconvolgere la famiglia, i parenti e gli amici, ha gettato nel dolore anche l’Amministrazione comunale che si è subito stretta attorno a De Leo. “Era un ragazzo straordinario – sono le poche parole che è riuscito a dire un affranto Sindaco Ioculano – che aveva un ottimo profitto all’Università ed era ben voluto da tutti. Siamo sconvolti e tutti vicini all’amico Mimmo, che non meritava una tragedia di questo genere”.

MOTOGP MALESIA 2018: MARQUEZ PENALIZZATO, PARTIRÀ SETTIMO

Marc Marquez, autore della pole a Sepang, è stato clamorosamente penalizzato di sei. Il campione del mondo è stato ritenuto colpevole dai giudici di aver ostacolato Andrea Iannone durante un giro nel corso delle qualifiche. La pole va a Johann Zarco (Yamaha) e in prima fila partiranno anche Valentino Rossi (Yamaha) e Andrea Iannone (Suzuki). Ecco la griglia di partenza aggiornata:

1/a fila:
Johann Zarco (Fra/Yamaha)
Valentino Rossi (Ita/Yamaha) 
Andrea Iannone (Ita/Suzuki) 
2/a fila: 
Andrea Dovizioso (Ita/Ducati) 
Jack Miller (Usa/Ducati) 
Danilo Petrucci (Ita/Ducati) 
3/a fila: 
Marc Marquez (Spa/Honda) 
Alex Rins (Spa/Suzuki) 
Alvaro Bautista (Spa/Ducati) 
4/a fila: 
Dani Pedrosa (Spa/Honda) 
Maverick Vinales (Spa/Yamaha) 
Aleix Espargaro (Spa/Aprilia).

ARRESTATO L’ATTORE ALEC BALDWIN: PUGNO AD UN AUTOMOBILISTA PER UN PER PARCHEGGIO

Il 60enne attore Alec Baldwin è stato arrestato venerdì a New York per aver dato un cazzotto a un altro automobilista, a seguito di una lite per un parcheggio. Il sergente di polizia Vincent Marchese non ha spiegato con precisione alla stampa come siano andati i fatti, ma ha confermato che Baldwin “è in custodia”, e probabilmente verrà incriminato per “aggressione”.

Il tutto sarebbe stato scaturito da un banale parcheggio, l’attore ha perso le staffe quando mentre stava parcheggiando gli è stato soffiato il posto. Non è nuovo a questi atteggiamenti d’ora: nel 2014 era stato fermato da degli agenti per aver guidato la bicicletta in senso contrario, rifiutandosi di mostrare i documenti e prendendoli a parolacce.

ELENA FRANCHINI BATTE IL TUMORE: TORNERÀ A GAREGGIARE A GENNAIO

Elena Franchini ha battuto il tumore: “Posso tornare a gareggiare dal prossimo gennaio”. Elena Franchini lo scorso gennaio aveva preso una pausa dallo sci per curare un tumore. Terminati i cicli di terapie quest’oggi ha ottenuto il via libero dalla Commissione Medica della FISI.

“Mi sono allenata in tutti questi mesi – ha detto Elena Franchini – ma le ultime settimane sono state dure per via delle cure ricevute. Sono stata aiutata da molta gente e non ho mai abbandonato quest’obiettivo. Ora tornerò ad allenarmi con un programma fatto ad hoc, da gennaio potrò tornare a gareggiare“ ha concluso la bresciana.

CANE BRUCIATO VIVO PERCHÈ ABBAIAVA TROPPO

Abbaiava troppo e così qualcuno ha pensato di bruciarlo vivo legandolo e dandogli fuoco. Giako un bellissimo Siberian husky di 7 anni è vivo per miracolo. È accaduto nella notte tra l’1 e il 2 novembre in una casa in via Lecce a San Pietro Vernotico nella provincia di Brindisi. Il cane vive con una donna anziana allettata.

Qualcuno nella notte si è introdotto nell’appartamento e con uno straccio impregnato di benzina avvolto su un bastone ha dato fuoco al cane. Per evitare la fuga al povero animale, è stato inoltre legato e messo in un armadietto contro la porta di ingresso così da potergli nerbare la fuga. Poco prima delle 3 di notte un vicino di casa ha sentito un boato e poi un forte odore di bruciato. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e i carabinieri.

Giako era completamente avvolto dalle fiamme, che hanno investito anche il suo volto,. I carabinieri hanno immediatamente allertato il veterinario che ha fatto il possibile per salvarlo. “Una scena terribile – racconta Pietro De Rocco, veterinario di San Pietro Vernotico – il povero animale era stato anche legato, ci sono delle zone completamente carbonizzate, con bruciature al volto e al tartufo. Fortunatamente non è in pericolo di vita, ma ci vorrà molto tempo per farlo riprendere”.

Nella zona in cui si trova la casa di Giako ci sono molte telecamere, i carabinieri di San Pietro Vernotico stanno acquisendo i filmati per identificare i responsabili di tale atrocità. Un mese fa fuori dalla porta dell’abitazione era stato lasciato un biglietto in cui c’era scritto che prima o poi sarebbe stato avvelenato perché disturbava troppo. 

MOTOGP MALESIA 2018: MARQUZ IN POLE, ZARCO 2° E ROSSI 3°

Ancora una pole position di Marc Marquez che dopo un’iniziale sospensione delle qualifiche per la fortissima pioggia tipica della Malesi, si è aggiudicato la prima piazza. O

Ottimo Zarco con il secondo tempo a +0.548, Rossi ritrova una splendida qualifica con il 3° tempo a +0.848 seguono Iannone a +0.936, Dovizioso (caduto nel finale) +1.022, Miller +1.113, Petrucci a +1.252. Lorenzo non è riuscito a entrare nella Q2.

IMG_4963.jpg

MOTOGP MALESIA 2018: ALEX RINS IL PIÙ VELOCE NELLE LIBERE, SEGUONO DOVIZIOSO E MARQUEZ

Alex Rins con la Suzuki è il più veloce nelle prove libere del venerdì del GP di Sepang in Malesia. Nella classifica combinata Dovizioso è 2° davanti a Marquez, 4° Rossi. Lorenzo, tornato in pista dopo  il bruttissimo infortunio è in netta difficoltà: chiude in ultima posizione. Ecco i tempi delle due sessioni di libere:

83f7c95e-c378-48d3-b899-06d4de929577.jpg

Libere 2:

Schermata 2018-11-02 alle 18.05.25.png

DI MAIO: PROPORREMO IL TAGLIO DELLO STIPENDIO AI PARLAMENTARI

Il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, annuncia che a breve si procederà con il taglio dello stipendio dei parlamentari. E lo si farà con una norma da approvare nell’ufficio di presidenza della Camera, secondo quanto annunciato dal capo politico del M5s. “Si passa al taglio degli stipendi a tutti, con una revisione di doppi stipendi e diarie troppo alte” afferma.

Di Maio prende il discorso partendo dalla polemica sulle mancate restituzioni dei parlamentari del M5s degli ultimi mesi:

“Sono sei anni che si dice che il M5s sta per morire e che non manteniamo le promesse, ogni volta che fanno così mi danno l’occasione per dire che le promesse le manteniamo. La restituzione degli stipendi: a luglio le abbiamo già fatte. Fino a luglio abbiamo fatto la restituzione di parte degli stipendi, da luglio a novembre ci sono 4 mesi nei quali abbiamo accumulato altri soldi che restituiremo, perché noi ci tagliamo gli stipendi, rinunciamo ai vitalizi. Posso annunciare con più forza che a novembre ci sarà il secondo restitution day della 18esima legislatura, che non sarà un restitution day qualunque. Non solo restituiremo gli stipendi ma a breve proporremo nell’ufficio di presidenza della Camera il taglio di tutti gli stipendi”.

Il metodo di restituzione di parte degli stipendi dai parlamentari M5s cambierà, secondo quanto precisa Di Maio: “Vogliamo concentrare i soldi su progetti locali, potremmo dirigere direttamente i soldi verso progetti territoriali votati da voi”. Il vicepresidente del Consiglio ricorda anche che nel 2019 si voterà la legge proposta da Riccardo Fraccaro per la riduzione del numero dei parlamentari e annuncia ancora: “Come governo del cambiamento taglieremo anche un po’ di scorte, ne sentiremo parlare”. “Già il presidente del Consiglio – sottolinea – ha dato il buon esempio, riducendosi stipendio e livello di scorta. Secondo me ci sono ex presidenti con scorte più alte dell’attuale presidente”.  Di Maio assicura anche su reddito di cittadinanza e quota 100:

“Ci sono nella legge di bilancio, chi dice che non ci sono sta dicendo bugie. In manovra ci sono i soldi, c’è la ciccia, ma le norme regolamentari non possono stare lì”. Per questo motivo, “magari a Natale o subito dopo si farà un decreto con le norme per reddito e pensioni di cittadinanza e riforma della Fornero. Lo faremo con un decreto, non un ddl perché ci vorrebbe troppo e c’è emergenza povertà”. Di Maio, inoltre, assicura che il M5s ha tre priorità che saranno inserite nella manovra: “Pensioni d’oro, più risorse per scuola, università e ricerca, e tagli ai fondi dei giornali”. Al momento queste misure non ci sono ma si rimedierà in Parlamento: “Stiamo ancora facendo i conti, come per le pensioni d’oro, non sono ancora soddisfatto perché voglio recuperare ancora di più”.