Monthly Archives: Ottobre 2018

TRAGICO SCHIANTO NELLA NOTTE: BARBARA MORTA A SOLI 21 ANNI

La vittima dell’ultima tragedia sulla strada si chiamava Barbara Locci, aveva solo 21 anni ed è morta a seguito di un incidente stradale avvenuto a Serdiana, in provincia di Cagliari. Barbara, come riporta La Nuova Sardegna è morta mentre l’amica coetanea che viaggiava con lei ed era alla guida dell’auto che si è schiantata contro un albero. Angelica Corda, è rimasta ferita ma lievemente, si legge ancora sul quotidiano sardo. Le due ragazze, che stavano rientrando a casa, erano a bordo di una Ford Focus, guidata da Angelica che, forse a causa dell’alta velocità, ha perso il controllo del veicolo.

Un impatto molto violentissimo e a dare l’allarme ai soccorsi è stata una persona che si è trovata  in quella zona del piccolo centro in provincia di Cagliari e si è accorta dell’incidente. Sul posto si sono attivati carabinieri, vigili del fuoco e ambulanze del 118. Il personale sanitario ha provato in tutti i modi a salvare la vita a Barbara, ma per la 21enne non c’è stato nulla da fare. L’amica, Angelica, è stata invece trasportata con codice rosso all’ospedale Brotzu e ha fortunatamente riportato lievi ferite. I carabinieri stanno ancora lavorando per ricostruire la dinamica e dai primi rilievi effettuati sembra che le due ragazze non avessero indossato le cinture di sicurezza. 

CARTA D’IDENTITÀ: LA RIVOLUZIONE DI MATTEO SALVINI

Dopo il via libera del ministero della Pubblica istruzione è arrivato quello del ministero di via XX Settembre: “Sulla carta d’identità elettronica dei minorenni ci sarà lo spazio per indicare madre e padre anziché l’espressione generica ‘genitori’. Ora manca il parere del Garante della Privacy e poi, sentita la Conferenza Stato-città, potrò firmare il decreto”, lo ha fatto sapere il ministro degli Interni Matteo Salvini, che commenta: “Dalle parole ai fatti!”. Nel documento per i minorenni torna quindi la distinzione tra la mamma e il papà.

Il leader leghista e vicepremier su Twitter esulta così: “Tornano ‘mamma’ e ‘papà’, un po’ di buonsenso!”. La notizia del parere favorevole del Mef è stata commentata anche dal ministro della Famiglia Lorenzo Fontana su Facebook: “Piccole (o grandi?) battaglie vinte. Avanti tutta! Grazie a tutti i Ministri coinvolti”. 

Quella portata avanti dal governo è una battaglia fortemente ideologica, come ha spiegato il titolare del Viminale quest’estate, che va contro qualsiasi apertura all’utero in affitto: “È una piccola cosa, un piccolo segnale, però è certo che farò tutto quello che è possibile al ministro dell’Interno e che comunque è previsto dalla Costituzione. Utero in affitto e orrori simili assolutamente no. Difenderemo la famiglia naturale fondata sull’unione tra un uomo e una donna. Eserciterò tutto il potere possibile”.

BRUTTO INCIDENTE PER LINUS: “NASO ROTTO”

Il popolare conduttore radiofonico e direttore artistico di Radio Deejay, ha subito una brutta caduta che gli ha procurato la frattura del naso. La ferita è stata suturata con tre punti. È lo stesso conduttore a dare l’annuncio dell’accaduto attraverso la sua pagina Instagram: “Caduto. In bici? No, a piedi. Come un cretino. Tre punti e naso rotto. Stamattina ho gli occhi neri e gonfi che sembro Rocky Balboa”. 

“In bocca al lupo, vecchio leone!”. I follower di Linus, alcuni storici che seguono le sue trasmissioni da oltre 30 anni, si stringono intorno a questa sua ennesima disavventura. Non è la prima volta che balza agli onori della cronaca per problematiche simili, come quando lo scorso luglio riferì di essere andato in ospedale per un controllo: “Ho sospettato un infarto”, disse.  Questa volta, nulla a che vedere con il cuore, solo una caduta all’apparenza banale, visto quello che ha raccontato su Instagram.

MILANO GRAVE INCIDENTE NELLA NOTTE: TRAVOLGE DUE MOTOCICLISTI E POI FUGGE

Terribile e grave incidente verso le 5 di questa mattina in centro a Milano. Due motociclisti sono stati travolti in piazzale Loreto da una vettura che poi è scappata a tutta velocità lasciando i motociclisti feriti in strada. L’automobilista non si è accorto di aver perso la targa della vettura: ora si sta cercando di risalire all’identità del proprietario e accertare se fosse lui alla guida.

I due feriti, che fortunatamente non rischiano la vita, sono stati portati in ospedale per tutte le cure. Poche ore prima alle 3, un Suv ha travolto un’auto con due donne a bordo, per poi allontanarsi. Anche in questo caso è stata trovata la targa della vettura che ha travolto le due donne.

MOTOGP AUSTRALIA 2018: MARQUEZ IN POLE

Ancora Marc Marquez. Lo spagnolo della Honda ha conquistato per l’ennesima volta la pole position del GP d’Australia sfruttando le condizioni del meteo instabili fissando il cronometro su 1:29.199. A Phillip Island le qualifiche, infatti, sono state condizionate da una leggera pioggia, condizioni perfette per il sette volte campione del mondo. La prima fila completata dalle Yamaha di Vinales e Zarco. Quarto Iannone, settimo Rossi e nono Dovizioso. 

Schermata 2018-10-27 alle 10.35.05.png

OMICIDIO DESIRÉE: “ACQUA E ZUCCHERO MENTRE MORIVA”

Nuove agghiaccianti indiscrezioni sull’omicidio della giovane Desirée: l’unico aiuto fornito alla ragazza morente, sarebbe stato quello di fornirle “acqua e zucchero” e sdraiarla su un divano mentre diventava cianotica. 

E’ questa la nuova rivelazione choc che è stata data agli inquirenti da parte di una delle persone presenti all’interno dello stabile abbandonato a San Lorenzo. Queste parole sono di “Pako”, ovvero Mamadou Ghara, il primo fermato che per scagionarsi, ha ancora dichiarato di essere il “fidanzato” di Desirée: “Conoscevo Desirée, avevamo una storia, mi aveva detto di essere più grande, di avere 22 anni”.

Un giovane africano di cui non ricordo il nome mi ha confidato che lui si trovava dentro al capannone… avrebbe visto Desirèe deceduta con gli abiti strappati. E ancora: «Sì, abbiamo avuto un rapporto sessuale, ma non l’ho stuprata. Quando sono andato via era ancora viva». Le stesse parole le potrebbe ripetere nel corso dell’interrogatorio di garanzia davanti al gip, questa mattina, se non deciderà di avvalersi della facoltà di non rispondere.

È il teste Di Leo a fare le dichiarazione più pesanti: «Un giovane africano di cui non ricordo il nome mi ha confidato che lui si trovava dentro al capannone… avrebbe visto Desirèe deceduta con gli abiti strappati. Mi diceva che alla sua presenza la giovane si è sentita male quindi le hanno dato acqua e zucchero poi visto che diventava cianotica veniva adagiata su un devano e moriva».

MARCO BALDINI DEBITI INFINITI: LA CONFESSIONE DEL SUPER VIP

Di debiti in giro Marco Baldini deve averne ancora  molti. L’ultimo riemerso alle cronache è quello con l’amico Linus, che ha raccontato a La Confessione di Peter Gomez su La9 di aspettare ancora 100 milioni di lire prestati a Baldini. Nel 2013 Linus lo aveva anche richiamato a Radio Deejay, ma ormai Baldini non riusciva più a lavorare come una volta: “Credo che la sua carriera radiofonica ad alti livelli sia finita”.

Di debiti in giro Marco Baldini deve averne ancora  molti. L’ultimo riemerso alle cronache è quello con l’amico Linus, che ha raccontato a La Confessione di Peter Gomez su La9 di aspettare ancora 100 milioni di lire prestati a Baldini. Nel 2013 Linus lo aveva anche richiamato a Radio Deejay, ma ormai Baldini non riusciva più a lavorare come una volta: “Credo che la sua carriera radiofonica ad alti livelli sia finita”.